bbb LMB STEINHAUS WEB 600x220

Ricerca per:

Locations

7 Giardini Kränzelhof
Museo
La residenza medievale Kränzel è circondata dai propri vigneti e dai "7 Giardini", cornice per un ampio programma culturale...

La residenza medievale Kränzel è circondata dai propri vigneti e dai "7 Giardini", cornice per un ampio programma culturale ed espositivo.

Abbazia Agostiniana di Novacella
Museo
Abbazia tra le più importanti del Tirolo, ospita la chiesa barocca, un chiostro affrescato, la biblioteca con preziosi manos...

Abbazia tra le più importanti del Tirolo, ospita la chiesa barocca, un chiostro affrescato, la biblioteca con preziosi manoscritti, la pinacoteca con la sua notevole raccolta di tavole dipinte, mirabili opere della pittura gotica e un giardino storico.

Al Plan Dolomites Hotel Museo
Museo
Orologi a muro, opere in legno intagliato, maschere, tappi di bottiglia, cavatappi, pipe, macinini per il caffè e utensili d...

Orologi a muro, opere in legno intagliato, maschere, tappi di bottiglia, cavatappi, pipe, macinini per il caffè e utensili da cucina, oggetti religiosi, oldtimer e motociclette, come ad esempio diversi modelli di Vespa: fanno tutti parte della collezione privata della famiglia Trebo. Gli oggetti raccontano storie vecchie anche di 150 anni e sono disseminati nei diversi locali dell’hotel. Un paradiso per i nostalgici!

archeoParc Val Senales
Museo
Il parco-museo didattico vicino al luogo di ritrovamento di Ötzi spiega come fu trovato l’Uomo venuto dal ghiaccio e come ...

Il parco-museo didattico vicino al luogo di ritrovamento di Ötzi spiega come fu trovato l’Uomo venuto dal ghiaccio e come viveva 5300 anni fa. Nelle mostre spiccano le ricostruzioni delle capanne neolitiche e dell’equipaggiamento di Ötzi. A famiglie e amanti di tecniche artigianali antiche è consigliata la visita dei percorsi 2 e 3 (area laboratori, pontile canoa monossile e area tiro con l’arco).

Archeoparc Velturno
Museo
L’Archeoparc Velturno testimonia una storia insediativa che, a partire dal neolitico, abbraccia tutte le più importanti ep...

L’Archeoparc Velturno testimonia una storia insediativa che, a partire dal neolitico, abbraccia tutte le più importanti epoche e culture. Sepolture e resti di attività di produzione della ceramica parlano di coltivatori e allevatori le cui storie risalgono fino al 5000 a.C.

Archeoparc Villandro
Museo
Plunacker è un importante sito archeologico con tracce di insediamenti dal mesolitico al neolitico e dall’età del bronzo ...

Plunacker è un importante sito archeologico con tracce di insediamenti dal mesolitico al neolitico e dall’età del bronzo all’età romana. I resti delle costruzioni romane e medievali sono l’attrazione principale dell’Archeoparc.

Bassorilievo monumentale in piazza del Tribunale a Bolzano
Museo
“Nessuno ha il diritto di obbedire”: da fine 2017 questa citazione della filosofa politica e scrittrice Hannah Arendt (19...

“Nessuno ha il diritto di obbedire”: da fine 2017 questa citazione della filosofa politica e scrittrice Hannah Arendt (1906-1975) spicca, in italiano, tedesco e ladino, sull’edificio degli Uffici finanziari di piazza del Tribunale a Bolzano. Esso si contrappone al carattere autoritario del monumento fascista e al suo motto “Credere, obbedire, combattere”. Integrata da esaurienti spiegazioni realizzate da una commissione di storici poste su stand informativi sulla piazza, la scritta progettata da Arnold Holzknecht e Michele Bernardi intende dare nuovo significato al bassorilievo monumentale dell’artista di Chiusa Hans Piffrader (1888-1950), rendendolo un’occasione educativa.

Bunker Museum
Museo
Sito in un ex bunker dell'epoca fascista, poi utilizzato dalla NATO durante la Guerra Fredda, il Bunker Museum tematizza in p...

Sito in un ex bunker dell'epoca fascista, poi utilizzato dalla NATO durante la Guerra Fredda, il Bunker Museum tematizza in primo luogo la struttura stessa e il suo retroscena storico. Sotto la lente è posta anche la storia segreta della Guerra Fredda. Il museo espone prevalentemente oggetti che un tempo facevano parte dell'equipaggiamento del bunker, come impianti radio, telefoni da campo, armi, razioni alimentari, ecc. In futuro tuttavia l'esposizione si focalizzerà non tanto sull'aspetto militare, ma sul tema dei confini.

BZ '18-'45: Un percorso espositivo nel Monumento alla Vittoria
Museo
Il percorso espositivo "BZ '18–'45. Un monumento, una città, due dittature", aperto al pubblico nel luglio del 2014, illus...

Il percorso espositivo "BZ '18–'45. Un monumento, una città, due dittature", aperto al pubblico nel luglio del 2014, illustra la storia del Monumento alla Vittoria, eretto a Bolzano dal regime fascista tra il 1926 e il 1928 su progetto di Marcello Piacentini. Vengono ripercorse le vicende storiche locali, nazionali e internazionali degli anni compresi tra le due guerre mondiali (1918–1945), legate in particolare modo all’avvicendarsi di due dittature (quella fascista e quella nazionalsocialista) e vengono illustrati i radicali mutamenti urbanistici operati nella città di Bolzano, a partire dalla fine degli anni Venti. Il percorso espositivo affronta, infine, il difficile rapporto di convivenza di una così ingombrante eredità dell’epoca fascista con il territorio, nel mutato quadro politico e sociale della seconda metà del Novecento fino ai giorni nostri.

Cappella di Santo Stefano a Montani di Sopra
Museo
La Cappella di Santo Stefano nei pressi delle rovine di Castel Montani di Sopra (val Martello), gestita da Castel Tirolo, cus...

La Cappella di Santo Stefano nei pressi delle rovine di Castel Montani di Sopra (val Martello), gestita da Castel Tirolo, custodisce uno dei più ampi patrimoni di pitture murali gotiche del Tirolo. Apertura straordinaria per gruppi su prenotazione al tel. +39 0473 220221.

Casa Semirurale
Museo
La Casa di via Bari 11 è uno dei pochi esempi ancora esistenti a Bolzano delle centinaia di case “semirurali” costruite ...

La Casa di via Bari 11 è uno dei pochi esempi ancora esistenti a Bolzano delle centinaia di case “semirurali” costruite alla fine degli anni Trenta e demolite a partire dagli anni Ottanta del Novecento per far posto a costruzioni a maggiore intensità abitativa. Da parte degli abitanti del quartiere delle Semirurali non è mai venuta meno la richiesta di conservarne la memoria. Il percorso espositivo, aperto al pubblico nel 2015, propone un viaggio nella storia di questo luogo attraverso fotografie, filmati, mappe, modellini tridimensionali e la suggestiva narrazione di storie di vita quotidiana.

Castel Coira
Castello
Sopra Sluderno in Val Venosta, tra il passo Resia e Merano, si erge Castel Coira, uno dei più grandiosi e meglio conservati ...

Sopra Sluderno in Val Venosta, tra il passo Resia e Merano, si erge Castel Coira, uno dei più grandiosi e meglio conservati castelli dell’Alto Adige, con la più grande armeria privata ed un splendido loggiato. L’armeria di Castel Coira è la raccolta privata più grande di questo genere, con oltre 50 corazze dei Signori del Castello elaborate su misura dai più famosi artigiani dell’epoca.

Castel Giovo
Castello
Le rovine di Castel Giovo documentano, accanto alla storia del castello, anche temi legati al territorio, come il Tribunale d...

Le rovine di Castel Giovo documentano, accanto alla storia del castello, anche temi legati al territorio, come il Tribunale della Val Passiria, gli “Schildhöfe” e gli interessanti affreschi rinascimentali del 1538 di Bartlme Dill Riemenschneider.

Castel Hocheppan
Castello
Arroccato su un’erta parete rocciosa sopra il comune di Appiano sulla Strada del Vino, troneggia maestoso Castel d’Appian...

Arroccato su un’erta parete rocciosa sopra il comune di Appiano sulla Strada del Vino, troneggia maestoso Castel d’Appiano. Da qui, a 636 m s.l.m., lo sguardo spazia libero sull’intera Val d’Adige, l’Oltradige e la conca di Bolzano, posandosi su un idilliaco panorama in cui spiccano gli incantevoli vigneti – tratto distintivo di questo angolo dell’Alto Adige –, il profilo delle Alpi dell’Ötztal e le pallide vette delle Dolomiti. Castel d’Appiano ha alle spalle una lunga e interessante storia. Costruito nel 1130 dal conte Ulrico II, divenne presto una delle fortezze più significative e delle dimore più prestigiose della regione. Tutt’oggi, chi da vicino o da lontano osserva il castello prova un senso di soggezione alla vista del mastio pentagonale, che con i suoi 23 m di altezza si eleva verso il cielo. Nel suo nuovo ruolo di meta escursionistica distante poco meno di un’ora a piedi da Missiano, Castel d’Appiano ha moltissimo da offrire a giovani e anziani, amanti della natura e della buona tavola: dalla taverna, in cui si servono deliziosi piatti tipici, alla cappella, massima espressione della ricchezza culturale del maniero, fino al percorso per tiro con l’arco nei boschi circostanti alla rocca. Il Castello Hocheppan è aperto ogni giorno dalle ore 10.00 alle 18.00 (mercoledì giorno di riposo, ad ottobre nessun giorno di riposo). Visite guidate in italiano, tedesco e inglese da luglio ad agosto dal giovedì alla domenica, a settembre tutti i giorni tranne il mercoledì e ad ottobre fino all’8 novembre tutti i giorni dalle ore 11.00 alle ore 16.00. In caso di pioggia le visite guidate potrebbero essere sospese! Per maggiori informazioni sulle visite guidate, si prega di contattare l’Associazione Turistica Appiano scrivendo all’indirizzo di posta elettronica info@eppan.com o telefonando al numero +39 0471 662206.

Castel Mareccio
Castello
Visita del castello Castel Mareccio è principalmente un centro eventi, che può essere affittato per diversi occasioni...

Visita del castello Castel Mareccio è principalmente un centro eventi, che può essere affittato per diversi occasioni come congressi, mostre, concerti, matrimoni... Però è anche uno dei gioielli storico-artistici di Bolzano da non perdere! E può essere visitato nei giorni nei quali NON ci sono manifestazioni. Come tanti castelli medievali, anche Castel Mareccio venne ampliato nel corso del 1500. Oggi si possono vedere le sale affrescate e salendo nella torre si può ammirare il panorama a 360°. Prezzo d'ingresso: 5€ Orario per le visite: ore 9-12.45 (ultimo ingresso 12) e 14-17 (ultimo ingresso 16.15) Contattateci per maggiori informazioni: (+39) 0471 976615 oppure mareccio@mareccio.info

Castel Monteleone
Castello
Castel Monteleone è una fortificazione del XIII secolo, ampliata nei secoli XVI, XVII e XVIII. Un percorso storico-artistico...

Castel Monteleone è una fortificazione del XIII secolo, ampliata nei secoli XVI, XVII e XVIII. Un percorso storico-artistico che si snoda attraverso giardini, cortili e sale offre un viaggio nei secoli, dal medioevo al periodo del rococò.

Castel Prösels
Castello
Castel Presule, un tempo residenza dinastica dei signori Völs-Colonna, ospita, accanto a dipinti e disegni del XIX e XX sec....

Castel Presule, un tempo residenza dinastica dei signori Völs-Colonna, ospita, accanto a dipinti e disegni del XIX e XX sec. della raccolta “Cà de Bezzi”, una collezione d’armi del XIX secolo, dipinti della Donazione Lotte Copi e la mostra permanente di ritrovamenti archeologici "finff Majolica Schaln".

Castel Rodengo
Castello
Il castello risale al 1140. Il percorso propone gli affreschi del “Ciclo di Ivano” (XIII sec.), primissima testimonianza ...

Il castello risale al 1140. Il percorso propone gli affreschi del “Ciclo di Ivano” (XIII sec.), primissima testimonianza della cultura profana e cavalleresca di area tedesca, la sala nuziale e la cappella riccamente dipinte, l’ampia biblioteca e una raccolta di dipinti, stemmi e armi.

Castel Roncolo
Castello
Castel Roncolo risale al XIII sec. Oltre al celebre ciclo di affreschi profani risalenti al Medioevo e a oggetti dalla vecchi...

Castel Roncolo risale al XIII sec. Oltre al celebre ciclo di affreschi profani risalenti al Medioevo e a oggetti dalla vecchia armeria, si possono periodicamente ammirare mostre temporanee su temi di storia culturale.

Castel Tasso
Castello
Sulle orme dei signori del castello in Alto Adige Il Castel Tasso a Campo di Trens presso Vipiteno è uno dei castelli medio...

Sulle orme dei signori del castello in Alto Adige Il Castel Tasso a Campo di Trens presso Vipiteno è uno dei castelli medioevali meglio conservati dell'Alto Adige. È ben protetto su una collina ed è accessibile tramite un breve sentiero. Il castello fu menzionato per la prima volta in documenti scritti nel 1100, fino alla metà del 13° secolo risiedeva il vescovo ministeriale che gestiva da lì la zona circostante. Nel 1469 è entrato in possesso dei Cavalieri Teutonici, fino al 1809. A seguito il castello è stato lasciato alla famiglia Thurn e Taxis, che è ancora proprietaria ed è tenuto in ottime condizioni. Particolarmente degne di nota all'interno del Castello Tasso sono la stanza di fumo, i dormitori dei soldati e dei servi, la stanza verde, le cui pareti sono decorate con bellissimi affreschi, la stanza delle torture, una prigione sotterranea e la vicina chiesetta di San Zeno. Visite guidate: Il castello può essere visitato solo nell'ambito di una visita guidata. Visitabile tramite audioguida, proprio smartphone(codice QR) o informazione scritta. - Costo del biglietto: adulti 8€, bambini 4€ - Per gruppi con più di 15 persone richiediamo una prenotazione telefonica - Durata della visita: 1 ora circa - Sabato giorno di riposo, escluso la settimana di Ferragosto - Chiuso il 1 novembre Visite guidate alta stagione: 16 luglio - 10 settembre lun, mar, mer, gio, ven, dom 10:00 - 12:30 14:00 - 17:00

Castel Taufers (Tures)
Castello
Il castello, completamente ammobiliato e in ottimo stato di conservazione, ospita un’interessante collezione di oggetti di ...

Il castello, completamente ammobiliato e in ottimo stato di conservazione, ospita un’interessante collezione di oggetti di arredo e opere d’arte dal XII sec. agli inizi del XVII sec. Particolarmente preziosi sono gli affreschi della cappella realizzati da Friedrich Pacher.

Castel Tirolo - Museo storico-culturale della Provincia di Bolzano
Castello
Residenza dinastica dei conti del Tirolo, il castello ha dato il nome all'intera regione. La sua realizzazione risale alla se...

Residenza dinastica dei conti del Tirolo, il castello ha dato il nome all'intera regione. La sua realizzazione risale alla seconda metà dell'XI secolo. Il percorso museale è incentrato sulla storia del Tirolo dai primordi ai giorni nostri. Nel palazzo meridionale si trovano i due portali romanici, mentre nella cappella del castello, intitolata a San Pancrazio ed edificata su due piani, notevoli pitture murali gotiche. Nel mastio è possibile ripercorrere la storia dell’Alto Adige nel XX secolo.

Castel Velthurns (Velturno)
Castello
Il palazzo del XVI secolo fu fino al 1803 residenza estiva dei principi vescovi di Bressanone. Particolari attrazioni sono i ...

Il palazzo del XVI secolo fu fino al 1803 residenza estiva dei principi vescovi di Bressanone. Particolari attrazioni sono i preziosi arredi rinascimentali (pannelli lignei, stufe, affreschi) e una collezione di opere d’arte risalenti ai secoli XV–XX. La struttura è gestita da Castel Tirolo.

Castel Wolfsthurn – Museo provinciale della caccia e della pesca
Castello
Sulla collina sopra Mareta, nei pressi di Vipiteno, si erge maestoso Castel Wolfsthurn, che lo storico tirolese Johann N. Tin...

Sulla collina sopra Mareta, nei pressi di Vipiteno, si erge maestoso Castel Wolfsthurn, che lo storico tirolese Johann N. Tinkhauser descrisse, nel XIX secolo, come il “più bel castello del Tirolo”. Di proprietà della famiglia Sternbach fin dalla sua costruzione, il complesso barocco ospita dal 1996 il Museo provinciale della caccia e della pesca. Il Museo mostra le sale nobili con arredi originali e una ricca collezione storico-artistica di oggetti riguardanti la caccia e la pesca. Al castello conduce l’interessante percorso tematico “Bosco e acqua”. Il Museo provinciale della caccia e della pesca di Castel Wolfsthurn fa parte dei musei provinciali altoatesini e – insieme al Museo provinciale del vino di Caldaro – è accorpato al Museo degli usi e costumi di Teodone. Qui si può accedere alla pagina delle linee guida dei musei provinciali. Storia & mission del Museo In veste di assessore provinciale alla caccia e alla pesca, carica che ricoprì per lunghi anni, Luis Durnwalder fu il promotore dell’istituzione di un museo della caccia e della pesca. Nel 1986, Castel Wolfsthurn fu proposto come possibile sede. A convincere definitivamente furono la posizione, le dimensioni e le condizioni del castello, anche se il complesso non era mai stato un castello di caccia. Nel 1989 il Museo della caccia della pesca fu accorpato dal punto di vista amministrativo al Museo degli usi e costumi di Teodone. L’ala padronale del castello divenne sede del Museo, ma l’intero complesso rimase di proprietà della famiglia von Sternbach. Dopo accurati lavori di restauro e ristrutturazione al tetto, alle facciate, al giardino, ma anche agli stucchi e agli arredi all’interno del castello, il Museo provinciale della caccia della pesca fu infine inaugurato il 29 luglio 1996.

Castello di Castelbello
Castello
Il Castello di Castelbello risale al XIII sec. Le sue proposte culturali includono una mostra permanente sulla Via Claudia Au...

Il Castello di Castelbello risale al XIII sec. Le sue proposte culturali includono una mostra permanente sulla Via Claudia Augusta e due mostre temporanee d’arte contemporanea all’anno.

Fondazione Provincia
Risultati 1 - 25 di 142