banner inside 01 it

Manù e Miché - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Il segreto del principe

con Francesco Niccolini
modera Alessandra Limetti

Hanno la stessa età, Manù e Michè. Ma l’uno è il figlio del principe, l’altro il suo servo. Per loro non c’è gioco più bello che perdersi tra le vie della Grande Città: vanno in piazza, dove incontrano acrobati e accattoni, si calano nelle fogne e giocano a sfidarsi con i bambini che ci abitano. Ma una notte, il tempo dei giochi finisce. Un’oscura morte arriva a spezzare in due le loro vite. Bisogna scappare via dalla Grande Città. Nel lontano castello circondato da boschi e da streghe in cui si ritrovano a vivere, Manù e Michè stanno dentro le stesse mura, ma appartengono ormai a due mondi diversi. Questo romanzo (Mondadori, 2021) è ispirato alla figura controversa di Carlo Gesualdo, principe di Venosa, una storia che ci parla di amicizia, di passione, di solitudine, mostrandoci quanto diverse e complesse possano essere le forme dell’amore.

Prenotazione obbligatoria.

Rivedilo su youtube!

Uniti per i bambini - Teatro Cristallo e Unicef Sezione di Bolzano
Ingresso gratuito previa prenotazione dei posti.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • deutsch – italiano – español – ladin
  • Léonie Hampton from the Artist Collective Still/Moving - Matter at Hand Si tratta semplicemente di una chiave che permette di accedere a un universo. Per evitare di diventare ciechi e indifferenti, per tenere i nostri sensi all'erta. Si tratta di un dono semplice e generoso a un mondo che è capace di evolversi da solo non appena noi saremo in grado di connetterci con esso, e questo significa fare attenzione. ?Christian Cajoulle scrive sul lavoro di Léonie Hampton La pratica di Léonie attira l'attenzione su problemi e tensioni che orbitano attorno a lei. Utilizzando la macchina fotografica per farsi strada, le sue fotografie sono coinvolte in un costante processo di metamorfosi, tracciando vie attraverso terreni emotivi complessi. Inclinando lo specchio direttamente verso la sua vita, ci offre un'interazione con un altro mondo. Léonie segue l'invito che Donna Haraway fa a noi tutt* di "restare a contatto con il problema", cercando di spostare la percezione della realtà, offrendo altre possibilità e modi di essere. È la questione, non sarà mai il "soggetto". In Escape in Israel (2004) si vede l’inquieta vicinanza tra i/le militari, i/le laici/he e i/le religios* che permea questa parte del mondo tormentata dal conflitto. Un luogo in cui i confini e il territorio sono soggetti mortali, dove i riti quotidiani continuano, trascendendo la minaccia reale e perpetua della violenza. Dopo aver fotografato numerose famiglie in tutto il mondo, nella fotografia e nei film In the Shadow of Things (2011), Handwashing (2017) e Bron Folding (2017) Léonie rivolge la sua attenzione alla propria famiglia. La casa di sua madre, sottoposta alle leggi irrazionali e caratteristiche del DOC (disturbo ossessivo compulsivo), è "come un universo fiabesco, contemporaneamente attraente e forse inquietante. Il DOC la spinge a mettere ossessivamente le cose nell'ordine più perfetto possibile per poi riportarle d’improvviso a uno stato di disordine, essendo lei stessa l'unica a conoscere e inventare una logica alla base. Con la Commissione di Roma, Mend (2018), l'artista ha individuato un'opportunità unica per esplorare le sue ansie su come il mondo contemporaneo possa sentirsi dislocato. Includendo i suoi timori per le prossime generazioni, dalla paralisi mostrata dall'umanità di fronte alla distruzione dell'ambiente alla crescente divisione della ricchezza che ora incoraggia così tanti a rischiare la vita per attraversare confini pericolosi. Léonie ha provato a capire come dovrebbe interpretare questa visione di un mondo spezzato. Ha cercato gli edifici semi finiti e i progetti urbani abbandonati di Roma, le sue terre incolte che tornano a essere selvagge e le città temporanee di cartone sulle rive del Tevere, costruite da migranti intrappolati in un limbo legale. Attraverso le fotografie della sua famiglia, dei suoi figli giovani e del loro giardino, A Language of Seeds (2020), esplora la saggezza arcaica dei semi. I semi come "pietre di paragone botaniche che impongono un radicamento, un ritorno alla terra." (Christian Keeve). Nel Candido, Voltaire afferma che "dobbiamo curare i nostri giardini". Rebecca Solnit chiede: "È una dichiarazione di sconfitta o è un manifesto per la cura del giardino come un insieme più ampio di intenzioni e interventi? Se piantare ortaggi permette l’isolamento dai supermercati e dall’agricoltura industriale, è un atto politico e una vittoria politica, forse anche un attacco con le sembianze di una ritirata". La mano nera di carbone di un uomo ci mostra una spirale, come una sorta di scappatoia nel tempo. Bambini e piante diventano le nostre guide. Il film Worlding (Still/Moving 2021) esplora come potrebbe esserci un rapporto diverso con la terra, la natura e il luogo, offrendo nuove possibilità guidate da voci spesso ignorate. Our body is a planet (2022) esplora la maniera in cui i funghi ri-tessono la morte nella vita. Il film sfida il modo in cui pensiamo a noi stessi come entità individuali geneticamente stabilite, indipendenti dall'ambiente circostante. I percorsi simbiotici e patogeni dei funghi mettono in discussione il nostro immaginario animale e i sistemi di vita moderni e meccanici. E’ adesso il momento giusto per ricalibrarci? Per ri-incantarci tra di noi e con i nostri partner “più che umani”, "perché noi siamo umani solo nel contatto e nella convivialità, con quello che non è umano" (David Abram).
  • Il Kunstforum Unterland festeggia quest'anno il suo 25° anniversario e, per l’occasione, presenta una mostra molto particolare. Introduzione: BRIGITTE MATTHIAS|ADINA GUARNIERI Music: GEENA B.VALENTINE & RUFUS & BAND Vi aspetta una bellissima festa ricca di piccole prelibatezze e bevande selezionate 25 anni equivalgono più o meno a una generazione: per questo motivo i membri fondatori Gotthard Bonell, Robert Bosisio e Christian Reisigl, ormai tutti pittori affermati, presenteranno una ricca selezione di opere provenienti dal loro vasto corpus artistico. I soggetti comprendono temi e stili a loro particolarmente affini: dal volto umano al corpo, dagli interni ai paesaggi. Le opere più recenti della produzione di Gotthard Bonell si muovono in modo deciso verso l'astrazione; l'artista ama sperimentare con una grande varietà di materiali, principalmente tessuti e carta da giornale proveniente da vecchie riviste degli anni '70, alcuni dei quali vengono montati a collage su opere più vecchie. Robert Bosisio mostra ritratti e interni caratterizzati da una forte densità atmosferica. La particolare aura vibrante che emana da queste opere è dovuta alla miriade di punti colorati applicati a mo’ di pixel. Le verdi foreste e i paesaggi corporei color sabbia di Christian Reisigl, composti da grumi di argilla accuratamente disposti, sono realizzati attraverso l’utilizzo di modelli fotografici da lui stesso prodotti. In un secondo momento l’artista cerca di ricreare le superfici fotografate con pennello e colori, con l’obiettivo dichiarato di penetrare ancora più a fondo nell'immagine. Fino a che punto la generazione successiva, cresciuta a contatto diretto con l'arte dei padri, ha ereditato il gene creativo? Johannes Bosisio ha acquisito gli strumenti per concretizzare la sua vocazione pittorica presso le accademie di Berlino e Londra. Nella mostra egli presenta sia studi più vecchi che opere totalmente nuove, in grado di affascinare grazie alla loro figuratività astratta e ridotta ai puri dettagli. Se vogliamo parlare di tematiche, l’arte di Johannes Bosisio si muove in equilibrio tra naturale e tecnico metallico. La produzione di Jonas Reisigl si focalizza principalmente sul genere cinematografico a Berlino, ma per il Kunstforum ha appositamente realizzato una serie di sette dipinti ad olio di piccolo formato. Essi si basano su fotogrammi provenienti da vari film che lo coinvolgono sia dal punto di vista contenutistico che da quello formale. Attraverso queste opere Reisigl trascrive le sue tematiche dalla celluloide alla tela. Elias Bonell ha intrapreso un percorso professionale completamente diverso, lontano dall’arte, nel campo tecnico. Da bambino e giovane adulto, tuttavia, si è occupato spesso dell’incisione. ha realizzato le sue prime incisioni all'età di cinque anni. A cadenza annuale egli ha continuato a produrre opere di questo tipo, concepite per lo più come regalo speciale a sua madre, fino ad accumularne un numero considerevole. Successivamente Elias Bonell ha intrapreso un percorso professionale differente: oggi i suoi disegni sono di natura tecnica, anche se possedere una certa perizia artistica rappresenta comunque un vantaggio. Cosa può aspettarsi il pubblico da una mostra di questo genere? Sicuramente un forte respiro intergenerazionale, una sorta di incontro tra Baby Boomers e Generazione Y. Sicuramente l’esposizione rappresenta una rara opportunità di vedere le opere di questi artisti in giustapposizione, permettendo così al pubblico di valutare come la trasmissione del gene artistico si sia manifestata nel corso degli anni. Durante la mostra saranno osservate tutte le linee guida anti-Covid19 attualmente in vigore.