banner eventi annullati it

SPETTACOLO RINVIATO! Il nodo - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

di Johnna Adams
traduzione di Vincenzo Manna e Edward Fortes
regia Serena Sinigaglia
musiche Mauro Di Maggio e Luna Vincenti
con Ambra Angiolini e Ludovica Modugno

SOCIETÀ PER ATTORI, GOLDENART PRODUCTION

Ambra Angiolini e Ludovica Modugno sono le protagoniste di un testo di grande impatto emotivo che porta in scena due donne alla ricerca della verità.
Un’aula di una scuola pubblica. È l’ora di ricevimento per un’insegnante di una classe di prima media. È tesa, ha la testa altrove, attende una telefonata che non arriva mai. Al colloquio si presenta inaspettatamente la madre di un suo allievo. La madre vuole parlarle, ma non sarà un dialogo facile. Suo figlio alcuni giorni prima è stato sospeso, è tornato a casa pieno di lividi e lei vuole a tutti i costi capire il perché. È stato vittima di bullismo o forse lui stesso è stato un molestatore... forse l’insegnante l’ha trattato con asprezza...

Sciogliere questo nodo, cercare la verità è l’unica possibilità a cui aggrapparsi. Perché, come conseguenza del fatto, il figlio ha commesso qualcosa di tremendo, di irreparabile. E solo un confronto durissimo tra le due donne, potrà dare un senso al dolore, allo smarrimento e al loro reciproco, soffocante senso di colpa. Nelle sapienti mani della regista Serena Sinigaglia, questo spettacolo non è solo un testo sul bullismo, è soprattutto un confronto senza veli sulle ragioni intime che lo generano. Osa porsi le domande assolute, cerca le cause e non gli effetti. Quali sono le responsabilità educative dei genitori e quali quelle delle istituzioni nei confronti dei figli? Di chi è la colpa se i nostri figli si trasformano in vittime o carnefici? Com’è possibile che si possa scatenare una violenza tale da indurre un ragazzo o una ragazza a compiere un gesto estremo? Dove sbagliamo? Chi sbaglia? Di chi è la responsabilità?

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 24 Nov 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 07 Mar 2021
    uno spettacolo di Mario Perrotta consulenza alla drammaturgia Massimo Recalcati con Mario Perrotta e Paola Roscioli TEATRO STABILE DI BOLZANO - LA PICCIONAIA CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE Dopo aver indagato la figura evanescente dei padri contemporanei, il secondo capitolo della trilogia In nome del padre, della madre, dei figli sposta la lente di ingrandimento sulla figura materna. Una figura che - nonostante l’evoluzione del ruolo materno degli ultimi decenni - ha mantenuto costante nel tempo una sorta di sacralità e onniscienza che la rende ingiudicabile, al di sopra del bene e del male. Ed è così compresa nel suo ruolo che rischia di diventare soffocante nei confronti dei figli e escludente nei confronti di quei pochi padri che vorrebbero interpretare a pieno titolo il proprio ruolo.
  • Venerdì 26 Feb 2021
    SERATA DI PREMIAZIONE CONCORSO LA FILODRAMMATICA DI LAIVES presenta: “IN CASA DEL GIUDICE” Teatro da salotto – atto unico di Marcello Isidori Regia di Roby De Tomas
  • Domenica 21 Feb 2021
    uno spettacolo di Pippo Delbono composizioni floreali Thierry Boutemy musiche Pippo Delbono, Antoine Bataille, Nicola Toscano e autori vari luci Orlando Bolognesi costumi Elena Giampaoli suono Pietro Tirella/Giulio Antognini con Compagnia Delbono: Dolly Albertin, Gianluca Ballarè, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Pepe Robledo, Zakria Safi, Grazia Spinella e con la voce di Bobò EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE Coproduzione THÉÂTRE DE LIÈGE, LE MANÈGE MAUBEUGE - SCÈNE NATIONAL La gioia di Pippo Delbono è uno spettacolo sul sentimento più bello e misterioso, frutto di una circostanza unica e di un viaggio attraverso i sentimenti più estremi come l’angoscia, il dolore, la felicità, l’entusiasmo. Un vortice di suoni, immagini, movimenti, balli si fondono con la magia del circo, i colori dei clown e la malinconia del tango, in una girandola caleidoscopica di maschere, storie personali e stati d’animo. Dopo il vuoto lasciato dalla scomparsa di Bobò, fedele compagno di scena di Delbono a partire dal primo incontro nel 1995 nel manicomio di Aversa, questa creazione diventa un nuovo percorso verso la “gioia”. Protagonista di molti spettacoli, icona poetica, Bobò continuerà ad essere una presenza-assenza dentro e fuori la scena in questo nuovo viaggio verso “l’inno alla gioia”.