banner inside pecore2020 IT

Felix Malnig - Piccola gita in campagna - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Felix Malnig è un cronista della solitudine. Anche quando - e si tratta di rari casi - nei suoi quadri sono raffigurate delle persone, esse trasmettono comunque una sensazione di vuoto e di perdita. I suoi dipinti, realizzati in acrilico e vernice spay su tela – sono in gran parte paesaggi (urbani), a volte anche interni – nei quali il tempo è sospeso, la temperatura è scesa e quasi ogni segno di vita pare essere scomparso.

Ciò è dovuto innanzitutto alle scelte cromatiche di Malnig. Un azzurro chiaro, un verde frammentato, un bianco onnipresente e le cangianti tonalità del grigio danno vita ad una fredda estraneità, ad una calma inquietante che talvolta rimanda ad opere legate agli stilemi della nuova oggettività. Ma la „tendenza alla freddezza“ (Ossip Mandelstam) nelle opere di Malnig deriva anche dalla scelta delle tematiche.

I paesaggi che ci è dato osservare, infatti, non posseggono alcun elemento idilliaco. La loro presunta atmosfera bucolica è totalmente disgregata dai poderosi inserimenti architettonici, collocati provocatoriamente dall‘artista nel dipinto per mezzo di ardite prospettive, che fungono da autentici contrappunti alla crescita della natura. Ecco allora il viadotto autostradale, tracciato come una pista nel paesaggio, la cui assurda monumentalità è ulteriormente accentuata da Malnig grazie alla prospettiva dal basso. Oppure i piloni degli impianti di risalita altoatesini (Obereggen, passo Lavazè) i quali, al termine della stagione sciistica, continuano a deturpare con la loro presenza per il resto dell‘anno i prati e i pendii, segni ammonitori di un discutibile concetto di turismo. E, per concludere, i silos che si innalzano sopra i tetti dei paesi, orgogliosi come torri medievali, in realtà „colossi di cemento“ senza volto (Wojciech Czaja), privi di un qualsivoglia spessore identitario.

Da anni Malnig elabora un inventario critico delle numerose promesse mancate della modernità. Negli anni Duemila erano le case abbandonate delle „ghost town“ nelle zone urbane colpite dalla crisi dell‘industria automobilistica statunitense, mentre nello scorso decennio Malnig si è occupato in modo sempre più intenso dei flussi migratori globali e dei „non luoghi“ (Marc Augé) dell‘universo consumistico occidentale. Ora egli ci invita ad una “piccola gita in campagna“ e spinge l‘osservatore a gettare uno sguardo critico, e spesso doloroso, al rapporto tra natura e turismo.

Durante l'inaugurazione e durante tutto il periodo della mostra ovviamente si terrà conto delle vigenti disposizioni Anti - Covid - 19 attualmente in vigore.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Sabato 17 Ott 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 17 Nov 2020
    Da quasi 200 anni i fossili dei dinosauri hanno conquistato un posto particolare negli interessi e nelle passioni della ricerca e del grande pubblico. In due secoli la loro immagine si è evoluta al passo con le scoperte, ma anche a seguito di rivoluzioni culturali ed iconografiche. L’ultima grande rivoluzione sta avvenendo nei giorni nostri: i dinosauri erano piumati, e vivono ancora oggi. Il referente della Conferenza “Dal drago al pavone: i dinosauri piumati e l’origine degli uccelli” è Andrea Cau, naturalista e ricercatore, da oltre 15 anni svolge ricerche in paleontologia, soprattutto su dinosauri e rettili fossili provenienti dall’Italia, Nord Africa, Cina e Mongolia. Ulteriori informazioni: tel 0471 412964 In lingua italiana Riconosciuto come corso di aggiornamento nel PPA
  • Sabato 14 Nov 2020
    Kooperationsprojekt "Hof des Wandels" Inhalte des Workshops: Herstellung von Seife, Einführung in die Biochemie der Pflanzenfette und -öle, Laugenherstellung, Kalt-/Heißverseifung und vieles mehr. Die Teilnehmenden stellen selbst ein Stück Seife her. Hanspeter Kager ist Bio-Kräuterbauer am HOF DES WANDELS, Seifensieder, Ausbildung in Aromapflege, Aromaberater, Kräuterheilkunde St. Pauls, Hof des Wandels, Paulserstraße 32 Dozent: Kager, Hanspeter Lobis, Markus Gesamtgebühr: 65,00 €
  • Martedì 01 Dic 2020
    I piccoli mammiferi si sono adattati all’ambiente grazie alle più svariate strategie e vivono in habitat, che si trovano dai fondovalle fino alle zone più montuose. Anche la loro biodiversità è molto ampia. Con metodi genetici si è potuto scoprire l’esistenza di diverse specie finora sconosciute (criptiche), impossibili da definire basandosi solamente sulle caratteristiche esteriori e che mostrano interessanti schemi di distribuzione. I piccoli mammiferi a differenza dei grandi hanno un alto fabbisogno energetico. Per questo motivo sviluppano metodi per superare periodi di carenze di cibo. Il referente di questa conferenza è Jürg Paul Müller, biologo e per quasi quarant’anni direttore del Museo della natura dei Grigioni di Chur, in Svizzera. Da dieci anni si dedica soprattutto allo studio dei piccoli mammiferi ed è autore di diverse pubblicazioni. Info: Petra Kranebitter – tel. 0471 413430 In lingua tedesca Viene riconosciuto come aggiornamento per il personale insegnante nel PPA Ingresso libero