banner inside 01 it

Francesco Bocchini: La costruzione del piacere - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

La galleria Alessandro Casciaro è lieta di presentare la mostra personale di Francesco Bocchini, La costruzione del piacere.

L’opera di Francesco Bocchini mette in discussione costantemente l’alternanza di Eros e Thanatos. Da un lato vi è un vitalismo dirompente, un gioco di movimenti fisici e mentali che sa sempre coinvolgere lo spettatore, dall’altro non è un artista che vuole piacere a tutti i costi. Sia nei meccanismi che nelle ultime bellissime carte, il recupero di immagini e di materiali preesistenti, già vissuti, è l‘occasione per liberare pulsioni nascoste, istinti mal trattenuti dalla società. Per questo Bocchini, maestro del riuso dai cartoni usati per le stampe dei tessuti a Gambettola, alle lamiere dei rottamatori romagnoli, ha sempre creato un proprio universo, magico, anarchico, sensibile alla storia e alla cultura sia essa alta che a quella più popolare. La sua è anche una koinè linguistica in cui le lingue diventano una, italiano, francese o tedesco si mescolano in una pervasività degli elementi visuali che sono sempre in tensione. Nelle carte, spesso di grandi dimensioni, il colore assume campiture vaghe e incombenti, le immagini appartengono al clipping, sono ritagli di vecchi giornali, foto recuperate, avanzi di una memoria pubblica abbandonata nella dimenticanza del tempo. L’artista poi opera anche sui volti delle forme di oscuramento che ricordano le foto di John Baldessari, il grande artistae fotografo americano di origine trentina. Una forma di censura psicanalitica o un modo per far risaltare, nascondendo. Il piacere allora non è solo quello di un Eros che è pur presente in molti dei lavori in mostra, ma è anche quello del testo, per ricordare un celebre saggio di Roland Barthes. Francesco Bocchini possiede infatti una forza narrativa costante, è un attento lettore che costruisce racconti visivi. Nelle sue opere c’è sempre qualcosa che sfugge o viene cancellato, qualcosa che ci spinge alla curiosità di riguardare e di saperne di più. L’artista costruisce dei meccanismi, visuali o reali, ma si tratta comunque di macchine che producono senso e piacere. Anche quando i suoi lunghi elenchi di persone scritti a mano, sembrano appunti per un cimitero di eroi piccoli e grandi. La sua arte ha sempre un respiro profondo, lo spettatore completa l’opera con le sue domande, con i mille interrogativi che le opere di Francesco Bocchini fanno affiorare stimolando l’inconscio a rivelarsi. Valerio Dehò

Francesco Bocchini, nato a Cesena nel 1969, è scultore e artista visivo. Dal 1992 al 1995 lavora con il Teatro Valdocadi Cesena realizzando sculture e installazioni per gli spettacoli. Nel 1995 fonda il teatro REBU realizzando performance e installazioni visive. Collabora successivamente con Accademia Perduta e altre compagnie tra cui Rio Rosee Bjorn Teatrein Danimarca e Dei Calci Teatro a Bologna. Ha esposto all'Accademia di Belle Arti di Bologna, Pinacoteca Nazionale, oltre a realizzare numerose mostre personali, tra le quali citiamo: Galleria d'Arte Moderna, Roma; Palazzo Ducale, Massa; Galleria de’ Foscherari, Bologna; Galleria Goethe, Bolzano; Galleria Francesca Antonini Arte Contemporanea, Roma; Galleria Michela Rizzo, Venezia; Galleria L'Affiche, Milano; Galleria 41artecontemporanea, Torino; Mel Gallery Contemporary, Vienna, e altre. Tra le principali partecipazioni a mostre collettive ricordiamo: 54. e 57. Esposizione Internazionale d’Arte –La Biennale di Venezia, evento collaterale; Museo della Città di Rimini; Museum Angerlehner di Wels (A); Kunst Merano Arte; Triennale di Milano; 15ª Quadriennale d’Arte diRoma; Ursula Blickle Stiftung, Kraichtal (D); ARCOS, Museo d’Arte Contemporanea del Sannio, Benevento; Galleria Nazionale di Arte Moderna, Repubblica di San Marino. L’artista attualmente vive e lavora a Gambettola (Cesena).

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 15 Nov 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 21 Lug 2020
    Mauro Milanaccio, psicanalista. L’Europa come tanti altri luoghi è il risultato di connessioni in cui sono presenti visioni e linguaggi molteplici. Ciò è il risultato di flussi che ancora oggi continuano a confluire nello spazio europeo generando ininterrottamente mutamenti e innovazioni in diversi contesti, fra cui anche nell’ambito culturale, letterario e artistico. E’ sempre più necessario acquisire maggiore consapevolezza che i cambiamenti non solo rappresentano una trasformazione dentro la società, ma di fatto cambiano profondamente la società. Gli attori impegnati in diversi ambiti del territorio sono sempre più consci dei notevoli cambiamenti nello scenario attuale e della urgenza di definire inediti itinerari per un domani di coesione e convivenza. L’iniziativa propone dei percorsi di riflessione aperti a tutta la cittadinanza finalizzati all’esercizio di un libero confronto. Si vuole creare delle opportunità in cui si intrecciano molteplici voci di diverse provenienze e di differenti competenze al fine di condividere varie sensibilità e incrociare i molteplici punti di vista. Conferenze gratuite - iscrizione obbligatoria
  • Martedì 07 Lug 2020
    Presentazione del libro: "Future: il domani narrato delle voci di oggi" curato da Igiaba Scego. Dialogheremo insieme alla co-autrice Angelica Pesarini con la facilitazione di Fouzia Kinyanjui, formatrice altoatesina. Undici autrici afroitaliane raccontano di futuro, generazioni e radici. Un’antologia alla ricerca di una nuova lingua, di nuove idee, di prospettive forti, differenti e inesplorate. Un’antologia che parte da dove viviamo, l’Italia, e guarda altrove, con straordinaria forza ed emozione. Un libro che vuole marcare un passo verso il domani, narrandolo, inventandolo, osservando il presente e il passato. Volume a cura della scrittrice italo-somala Igiaba Scego, edito da effequ edizioni riunisce per la prima volta le voci di 11 autrici afroitaliane con l'obiettivo di dare al lettore un nuovo strumento di lettura utile per orientarsi in un'Italia contemporanea che, a dispetto dell'apparente immobilità, sta cambiando e continuerà a cambiare. Tra realtà e immaginazione, racconti, documenti, lettere, testimonianze, colonialismo, storie di vita, le autrici ci accompagnano in un viaggio alla ricerca delle loro radici con uno sguardo rivolto al futuro. Sarà ospite dell'evento Angelica Pesarini, docente in Sociologia alla New York University di Firenze dove insegna “Black Italia”, un corso dedicato all’analisi delle intersezioni di razza, genere e cittadinanza in Italia. Angelica ha conseguito un Ph.d. in Sociologia e Studi di Genere in Inghilterra e ha lavorato come docente di Genere, Razza e Sessualità ll’università di Lancaster prima di riapprodare in Italia nel 2017. Il suo lavoro di ricerca riguarda le negoziazioni di genere, razza e identità nell’Italia coloniale e postcoloniale. In precedenza Angelica ha indagato le relazioni tra identità di genere e attività economiche presso alcune comunità Rom residenti a Roma, ed ha analizzato strategie di rischio, sopravvivenza e opportunità nel contesto della prostituzione minorile maschile, a Roma. Angelica ha pubblicato diversi saggi e articoli accademici e sta attualmente scrivendo la monografia della sua ricerca di dottorato. A cura Liscià, donne che raccontano donne, progetto della cooperativa sociale OfficineVispa all'interno di WE: women empowerment, finanziato e promosso dall'ufficio donna del comune di Bolzano.
  • Martedì 04 Ago 2020
    Diego Coelli, psicoterapeuta. L’Europa come tanti altri luoghi è il risultato di connessioni in cui sono presenti visioni e linguaggi molteplici. Ciò è il risultato di flussi che ancora oggi continuano a confluire nello spazio europeo generando ininterrottamente mutamenti e innovazioni in diversi contesti, fra cui anche nell’ambito culturale, letterario e artistico. E’ sempre più necessario acquisire maggiore consapevolezza che i cambiamenti non solo rappresentano una trasformazione dentro la società, ma di fatto cambiano profondamente la società. Gli attori impegnati in diversi ambiti del territorio sono sempre più consci dei notevoli cambiamenti nello scenario attuale e della urgenza di definire inediti itinerari per un domani di coesione e convivenza. L’iniziativa propone dei percorsi di riflessione aperti a tutta la cittadinanza finalizzati all’esercizio di un libero confronto. Si vuole creare delle opportunità in cui si intrecciano molteplici voci di diverse provenienze e di differenti competenze al fine di condividere varie sensibilità e incrociare i molteplici punti di vista. Conferenze gratuite - iscrizione obbligatoria