banner inside 01 it

Francesco Bocchini: La costruzione del piacere - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

La galleria Alessandro Casciaro è lieta di presentare la mostra personale di Francesco Bocchini, La costruzione del piacere.

L’opera di Francesco Bocchini mette in discussione costantemente l’alternanza di Eros e Thanatos. Da un lato vi è un vitalismo dirompente, un gioco di movimenti fisici e mentali che sa sempre coinvolgere lo spettatore, dall’altro non è un artista che vuole piacere a tutti i costi. Sia nei meccanismi che nelle ultime bellissime carte, il recupero di immagini e di materiali preesistenti, già vissuti, è l‘occasione per liberare pulsioni nascoste, istinti mal trattenuti dalla società. Per questo Bocchini, maestro del riuso dai cartoni usati per le stampe dei tessuti a Gambettola, alle lamiere dei rottamatori romagnoli, ha sempre creato un proprio universo, magico, anarchico, sensibile alla storia e alla cultura sia essa alta che a quella più popolare. La sua è anche una koinè linguistica in cui le lingue diventano una, italiano, francese o tedesco si mescolano in una pervasività degli elementi visuali che sono sempre in tensione. Nelle carte, spesso di grandi dimensioni, il colore assume campiture vaghe e incombenti, le immagini appartengono al clipping, sono ritagli di vecchi giornali, foto recuperate, avanzi di una memoria pubblica abbandonata nella dimenticanza del tempo. L’artista poi opera anche sui volti delle forme di oscuramento che ricordano le foto di John Baldessari, il grande artistae fotografo americano di origine trentina. Una forma di censura psicanalitica o un modo per far risaltare, nascondendo. Il piacere allora non è solo quello di un Eros che è pur presente in molti dei lavori in mostra, ma è anche quello del testo, per ricordare un celebre saggio di Roland Barthes. Francesco Bocchini possiede infatti una forza narrativa costante, è un attento lettore che costruisce racconti visivi. Nelle sue opere c’è sempre qualcosa che sfugge o viene cancellato, qualcosa che ci spinge alla curiosità di riguardare e di saperne di più. L’artista costruisce dei meccanismi, visuali o reali, ma si tratta comunque di macchine che producono senso e piacere. Anche quando i suoi lunghi elenchi di persone scritti a mano, sembrano appunti per un cimitero di eroi piccoli e grandi. La sua arte ha sempre un respiro profondo, lo spettatore completa l’opera con le sue domande, con i mille interrogativi che le opere di Francesco Bocchini fanno affiorare stimolando l’inconscio a rivelarsi. Valerio Dehò

Francesco Bocchini, nato a Cesena nel 1969, è scultore e artista visivo. Dal 1992 al 1995 lavora con il Teatro Valdocadi Cesena realizzando sculture e installazioni per gli spettacoli. Nel 1995 fonda il teatro REBU realizzando performance e installazioni visive. Collabora successivamente con Accademia Perduta e altre compagnie tra cui Rio Rosee Bjorn Teatrein Danimarca e Dei Calci Teatro a Bologna. Ha esposto all'Accademia di Belle Arti di Bologna, Pinacoteca Nazionale, oltre a realizzare numerose mostre personali, tra le quali citiamo: Galleria d'Arte Moderna, Roma; Palazzo Ducale, Massa; Galleria de’ Foscherari, Bologna; Galleria Goethe, Bolzano; Galleria Francesca Antonini Arte Contemporanea, Roma; Galleria Michela Rizzo, Venezia; Galleria L'Affiche, Milano; Galleria 41artecontemporanea, Torino; Mel Gallery Contemporary, Vienna, e altre. Tra le principali partecipazioni a mostre collettive ricordiamo: 54. e 57. Esposizione Internazionale d’Arte –La Biennale di Venezia, evento collaterale; Museo della Città di Rimini; Museum Angerlehner di Wels (A); Kunst Merano Arte; Triennale di Milano; 15ª Quadriennale d’Arte diRoma; Ursula Blickle Stiftung, Kraichtal (D); ARCOS, Museo d’Arte Contemporanea del Sannio, Benevento; Galleria Nazionale di Arte Moderna, Repubblica di San Marino. L’artista attualmente vive e lavora a Gambettola (Cesena).

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 15 Nov 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 19 Dic 2019
    Vivi, lavori o studi a Bolzano? Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Su incarico del Comune di Bolzano, il Center for Advanced Studies di Eurac Research sta svolgendo il progetto di ricerca “MyBZ - Bolzano in movimento”. L’obiettivo del progetto è quello di scoprire di quali elementi è composta l’identità urbana di Bolzano, cosa la rende attrattiva e in quale direzione si deve sviluppare in futuro. Quali sono gli aspetti che rendono Bolzano unica per i residenti, i pendolari e i visitatori? I nostri eventi L’opinione della comunità è un fattore chiave in questo processo. Ti invitiamo quindi a partecipare ai nostri eventi aperti alla cittadinanza (World Cafés), durante i quali si discuteranno i seguenti temi: qualità della vita & del vivere insieme, tecnologia & digitalizzazione, mobilità, economia ed esperienze & tempo libero. Inoltre, ci saranno due laboratori creativi, dove potrai lavorare letteralmente con le tue mani alla visione di Bolzano. 19.12.2019 | World Café II Eurac Conference Hall, viale Druso 1 10.01.2020 | World Café III Sala Guido Fronza, via Dalmazia 30/B, Edificio Cristallo, III piano 24.01.2020 | Laboratorio I Sala Polifunzionale del Centro Civico Oltrisarco-Aslago, piazza Angela Nikoletti 4 29.01.2020 | Laboratorio II Biblioteca Firmian, piazza Maria Montessori 8 Orario: dalle 17.30 fino alle 20 Puoi confermare la tua presenza agli eventi a questo link: https://opinio.eurac.edu/s?s=6497
  • Mercoledì 22 Gen 2020
    Schulmedizin ist wichtig, Schulmedizin ist oft lebensrettend. Aber wer ist nicht schon von Antibiotika, Cortison und Sonstigem müde? Es muss auch eine sanftere Heilmethode geben, die ebenso schnell und sicher zur Heilung führt. Das ist die Homöopathie. Dr. Wolfsgruber versucht, mit einfachen Sätzen und anschaulichen Bildern die Homöopathie so darzustellen, dass auch Sie Ihr Kind sanft heilen können. Termin: Mi, 22.01.2020 19:30 - 22:00 Meran, urania-Haus, E-Raum Dozent: Wolfsgruber, Richard Gesamtgebühr: 45,00 €
  • ogni settimana fino a Mer 18 Dic 2019 nei giorni di: Mercoledi
    Corso di ATS-American Tribal Style per principianti. L'ATS è una fusione nata negli USA alla fine degli anni '80 fra la Danza del ventre, il Flamenco, la Danza Indiana e il Folclore Nordafricano. Si danza in gruppo ma improvvisando, senza seguire una coreografia prestabilita. La comunicazione avviene attraverso un codice di movimenti e attraverso l'eye contact (contatto con gli occhi)L'ATS favorisce la comunicazione fra le danzatrici, migliora la fiducia e consapevolezza di sè, favorisce la concentrazione, la memoria, il senso del ritmo e dello spazio. La postura fiera dell'ATS migliora il portamento, i movimenti dolci dei ritmi lenti donano eleganza e femminilità e i ritmi veloci permettono di "scatenarsi" e divertirsi, bruciando calorie senza affaticarsi troppo, essendo questa danza una attività a basso impatto. Per questo l'ATS è praticabile a tutte le età e indipendentementa dalla costituzione fisica. Vieni a provare con le tue amiche e riscopri il piacere di una vera condivisione al femminile!!!!