generazioni banner inside evento pittis ok

Vernissage: Simon Terzer - Forward to the Roots - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Il Kunstforum Unterland presenta la mostra “Forward to the Roots” del fotografo Simon Terzer, residente a Magrè.

Attualmente frequenta la “Ostkreuzschule” per fotografia e configurazione a Berlino. Il docente Enno Kaufhold scrive: “Senza alcun dubbio le immagini di Simon Terzer, dalla cromia omogenea, rimandano ai dipinti astratto-espressionisti di Barnett Newman e alla pittura a campi colorati di Mark Rothko. Ma, a differenza della cifra stilistica di questi ultimi, impegnata innanzitutto a raffigurare la pittura stessa, intesa come materialità e non come riproducibilità, i suoi dipinti incarnano la materialità della moderna tecnica digitale.

Il titolo „Forward to the Roots“ va inteso sia come paradosso, sia come gioco di parole. Ad uno sguardo più attento, tuttavia, esso si rivela anche espressione di una precisa strategia artistica. L‘atto dell’avanzare, in questo caso, è inteso come il guardare indietro, alle proprie radici, in questo caso a quelle squisitamente fotografiche. „Roots“ indica anche il genere delle radici, cioè le verdure.

E Simon Terzer, e qui è evidente la prima, grande differenza rispetto ai pittori appena citati, lavora effettivamente con carote, barbabietola rossa, pastinaca e altri vegetali. L’artista applica su una lastra di vetro, a seconda dei differenti colori e densità, le emulsioni - come possono essere chiamate in analogia alla terminologia fotografica - ricavate dalle radici vegetali, dapprima cotte e poi minuziosamente ridotte a puré. Un’illuminazione diffusa dello sfondo le mette prontamente in risalto, costituendo così di fatto la superficie del quadro, riprodotto successivamente tramite una fotocamera digitale. Analogamente a quanto accade con il colore nel caso della pittura, a scomparire in questo procedimento di passaggio alla digitalizzazione è il solo puré vegetale: acquisizione, conversione mediante computer, espressione tramite stampa digitale.

Il risultato è un quadro di grande formato, riprodotto su una superficie cartacea opaca. Che esso non sveli ad un primo sguardo la sua vera materialità, poiché si potrebbe ipotizzare anche un’effettiva superficie dipinta, è parte integrante del concetto di fondo, ovvero l’oscillazione voluta tra l’impressione della pittura convenzionale e l’immagine digitale prodotta tecnicamente.

Non meno irritante è la questione di quanto le sue opere siano da considerarsi astratte oppure concrete. Con la radice vegetale come materiale di partenza cui fare riferimento, le opere rimandano ad elementi residuali indubbiamente legati all’astratto ma, nella loro impressione estetica, essi vanno nella direzione dell’arte concreta, così come intesa da Simon Terzer.

In conclusione le immagini forniscono all’artista una risposta alla domanda sulle radici della fotografia, mentre lo sguardo cade sull'opacità di questo medium, poiché le fotografie, al giorno d’oggi, non sono più messe in discussione esclusivamente per la loro qualità pittorica, ma sempre più per la loro materialità fisica, e quindi opaca.

Come in passato, anche in questo puré vegetale - utilizzato qui al posto delle classiche emulsioni fotografiche - questa materialità è fortemente presente, proprio come nella moderna espressione digitale. Metaforicamente parlando, siamo al cospetto di una sostanza ecologicamente originaria che, nel corso della digitalizzazione, si evolve assumendo una nuova forma, materiale e allo stesso tempo estetica.

Ciò ci mostra il futuro che si è sviluppato dal passato, reso visibile in immagini concrete in cui i colori, ottenuti organicamente nelle loro diverse applicazioni cromatiche, salgono alla ribalta come oggetti estetici autonomi.”

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Sabato 07 Set 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 03 Ott 2019
    Programma Benvenuto Sigrid Mahlknecht Ebner Assessora alla Cultura Presentazione Günther Oberhollenzer Curatore Saluti Wilfried Trettl Sindaco Franz Lintner Ex Sindaco e cittadino onorario Gotthard Bonell dipinge perché deve dipingere. E lo fa da ben cinquant’anni. Il suo inconfondibile universo artistico è debordante e sprizzante di idee, intimo e appassionante a livello emotivo, ma al contempo enigmatico, inquietante e conturbante. I suoi temi – corporeità e sessualità, caducità e morte – sono antichi come l’umanità; la sua tecnica pittorica e disegnativa testimonia l’abilità di un grande maestro, ma anche quel suo essere aperto alla sperimentazione artistica. Il punto di partenza è la persona, il paesaggio, l’oggetto concreto. Il corpo umano è feticcio e ossessione erotica, gli strati sottostanti paiono paesaggi interiori, delicati e indistinti. Il corpo si rende autonomo, non è più palpabile e si dissolve. Le montagne, le rocce, gli scogli e i boschi vengono avvicinati al fruitore in un gesto astratto di matrice sia disegnativa che pittorica. Composti con colori smorzati e immersi in un’atmosfera morbida e fosca, i paesaggi (naturali) e i corpi dalle forme in dissolvimento fluiscono gli uni negli altri fino a confondersi. Un accostarsi spiritualizzato all’esistenza umana. Un’esperienza autentica e vera. Günther Oberhollenzer
  • Giovedì 10 Ott 2019
    Radio Tandem ed Interferenzeinradio organizzano una diretta radiofonica itinerante: tre esperti incontrano in tre piazze la cittadinanza sui temi della vulnerabilità e del benessere psicofisico.
  • Sabato 05 Ott 2019
    Lavoro e volontà Classe 1968, Riccardo Pittis inizia a giocare a basket a sei anni nell’Olimpia Milano. Esordisce in prima squadra nel 1985 assieme a monumenti come Dino Meneghin e Mike D’Antoni. Con le “scarpette rosse” vince tutto e a metà degli anni ‘90 passa alla Benetton Treviso dove chiude la sua carriera nel 2004 dopo 685 partite consecutive. Nella Rassegna Generazioni parlerà della sua esperienza, di come fare squadra e mantenere alte le motivazioni. Ma anche dello sport come stile di vita, mondo intergenerazionale dove lo scambio è alla base della crescita come persone prima che come sportivi, di come col lavoro e la volontà si può risolvere ogni imprevisto.