banner inside 01 it

OEW & Rotierendes Theater (BZ): Tsinstiya - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Voci della resistenza/Stimmen des Widerstands

Ingresso: 7 Euro

L’OEW-Organizzazione per Un mondo solidale e il Rotierendes Theater vi invitano a un reading performativo. Protagoniste della serata saranno alcune voci della resistenza africana che si sono opposte al colonialismo europeo. Si tratta delle voci dei*lle combattenti per la libertà, noti*e nei loro Paesi di origine per il grande carisma, ma ancora poco conosciuti*e in Europa. I loro pensieri sono presentati da un ensemble di attori e attrici non professionisti dell’Alto Adige, con e senza esperienze di migrazione.
Lo spettacolo pone l’attenzione sulle strutture del potere neocoloniale, sull'asimmetria di una visione del mondo eurocentrica e sulle società sempre più plurali. Il pubblico verrà messo di fronte a diverse domande: Com’è strutturato il mondo oggi? E quale ruolo svolge l‘Alto Adige in questo sistema? Cosa dobbiamo dis-imparare per essere finalmente in grado di decolonizzare il nostro pensiero e chi è generalmente compreso nel pronome “noi“ in Alto Adige?
La regia è di Ide Maman e Emma Mulser. Il reading è plurilingue.

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 02 Nov 2021

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 09 Dic 2021
    con Nadeesha Uyangoda, scrittrice modera Felicita Pedevilla La razza, pur non avendo fondamenti biologici, produce grossi effetti nei rapporti sociali, professionali e sentimentali. La razza in Italia non si palesa fino a quando non sei l'unica persona nera in una stanza di bianchi. Quell’unica persona che si è sentita dire troppe volte che «gli italiani neri non esistono». Ed è persino vero: non si vedono negli ambienti culturali, nei talk show e nelle liste elettorali. O meglio, in quei luoghi esistono ma solo come oggetto del discorso, quasi mai come soggetto. La loro presenza è ridotta alla riforma della cittadinanza, ai casi di razzismo, all'«immigrazione fuori controllo», all'«integrazione». Nadeesha Uyangoda apre in questo libro (66thand2nd, 2021), che incrocia saggio e memoir, un'onesta conversazione per comprendere la dinamica razziale nel nostro paese. Madre Terra Teatro Cristallo, Caritas Bolzano – Bressanone, Centro per la pace di Bolzano
  • Sabato 04 Dic 2021
    Dal prossimo 4 dicembre Kunstforum Unterland vi invita alla galleria della Comunità Comprensoriale Oltradige Bassa Atesina di Egna per una passeggiata tra la gente, la natura, l'attualità e le curiosità dell'Alto Adige. Il fotografo Othmar Seehauser ha cercato a fondo nei suoi archivi, selezionando le immagini migliori e più significative. Seehauser può essere a ragione definito il testimone visivo altoatesino contemporaneo per eccellenza. Il fotoreporter ha girato in lungo e in largo la provincia di Bolzano per quasi 50 anni: tutto quello che valeva la pena fotografare in questa terra lo ha accuratamente ritratto ed archiviato. Le foto di Seehauser sono apparse nei media più importanti, sia locali che internazionali. Partito dalla fotografia di cronaca per la stampa locale, il nativo di Nova Levante è diventato autore di grandi reportage fotografici e numerosi libri illustrati. La mostra di Egna vuole essere una selezione degli scatti effettuati durante le sue missioni professionali attraverso l'Alto Adige. Ecco allora che Ötzi, il progenitore delle genti altoatesine, prende posto accanto a Magnago, il padre politico della provincia. La transumanza delle pecore da Senale alla Ötztal accanto all'arrivo dei rifugiati albanesi a Monguelfo. Il divertente si alterna al tragico, le meraviglie ai disastri naturali, le processioni alle manifestazioni, la politica all'umano-troppo-umano. Anche le strade e le città altoatesine completamente deserte durante i mesi di pandemia sono accuratamente documentate. Othmar Seehauser è un fotografo che ama raccontare. Sicuramente persone ed eventi, ma egli possiede il dono di trasformare anche i paesaggi in storie. Per questo motivo la sua mostra è un pezzo di storia locale. Il suo stile fotografico non cerca mai di abbellire o mascherare, ma è sempre splendidamente legato all’immagine. Durante la mostra saranno rispettati tutti i protocolli anti-Covid19 attualmente in vigore.
  • Martedì 21 Dic 2021
    English, Español, Français, Português Gli ospiti del Caffè delle lingue possono scegliere liberamente quale tavolo di lingua frequentare e possono cambiare i tavolo durante lo stesso incontro. È consigliato sapere le conoscenze di base della relativa lingua straniera per poter seguire la conversazione al tavolo e per partecipare attivamente. La partecipazione non necessità un´iscrizione ed è gratuita. L´accesso è vincolato alle seguenti condizioni: - presentazione del Greenpass - indossare mascherina per coprire naso e bocca - mantenere la distanza minima di 1 metro con altre persone