canova inside 600x220 it

What Were You Wearing? Com'eri vestita? - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

> a cura di Jen Brockman e Mary Wyandt-Hiebert > con Alessia Guidetti

durata: 30'

What Were You Wearing - Com’eri vestita? È una mostra che racconta storie di abusi, brevi racconti posti accanto agli abiti in esposizione che rappresentano, in maniera fedele, l’abbigliamento che la vittima indossava al momento della violenza subita. Ma non è l’abito indossato a scatenare l’aggressione, secondo quanto racconta un retaggio culturale che vuole la donna corresponsabile della violenza subita, per finire con il deresponsabilizzare l’aggressore. Si tratta di un progetto che nasce nel 2013 dall’idea del Centro per la prevenzione e formazione sessuale di Kansas e del Centro di educazione contro gli stupri dell’Università dell’Arkansas. L’idea alla base è quella di sensibilizzare il pubblico sul tema della violenza sulle donne e smantellare il pregiudizio che la vittima avrebbe potuto evitare lo stupro, se avesse indossato abiti meno provocanti. Da qui il titolo emblematico Com’eri vestita? I visitatori possono identificarsi nelle storie narrate e al tempo stesso vedere quanto siano comuni gli abiti che le vittime indossavano. In tale contesto si rendono evidenti gli stereotipi che inducono a pensare che eliminando alcuni indumenti dagli armadi o evitando di indossarli le donne possano automaticamente eliminare la violenza sessuale. “Non è l’abito che si ha indosso che causa una violenza sessuale – aggiunge Brockman – ma è una persona a causare il danno. Essere in grado di donare serenità alle vittime e suscitare maggiore consapevolezza nel pubblico e nella comunità è la vera motivazione del progetto”.

Vernissage ore 11- La mostra sarà visitabile fino a giovedì 1 dicembre 2022

Uniti per i bambini - Teatro Cristallo, UNICEF BOLZANO

Contatti :

Date e orari evento :

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si tiene dal 25 Nov 2022 al 30 Dic 2022
    Quando inizia a nevicare e tutto si illumina di stelle e palline colorate, quando si inizia a vivere e respirare questo tempo prenatalizio, allora è giunto il momento di pensare al mercatino di Natale sul Renon, un mercatino autentico & tradizionale - il Trenatale del Renon. Un programma d'intrattenimento per grandi e piccoli garantisce un'incantevole atmosfera e divertimento. Novità: anche il storico maso Platter, museo dell’apicoltura, quest’anno partecipa al nostro Trenatale! Per la prima volta questo museo particolare nella sua posizione idilliaca e panoramica apre le sue porte, sabato & domenica & il 8+9+29+30 dicembre, anche nei mesi d’inverno. Dagli originali capannoni fuoriescono prelibati profumi di pandolce e vin brûlé, di minestre e dolci tradizionali, ovunque si vedono brillare prodotti tipici fatti a mano, un mercatino soave e nostalgico, lontano dalla confusione e dal rumore delle grandi città e dei grandi mercatini natalizi. Il Trenino del Renon collega il mercatino di Natale Trenatale di Soprabolzano e Collalbo ogni mezz'ora. In più ogni domenica: gite in carrozza dalla stazione di Collalbo fino a Collalbo centro e zoo di carezze e i lama del maso Kaserhof al Trenatale a Soprabolzano. Programma musicale & per bambini: www.trenatale.it
  • L'evento si tiene dal 17 Nov 2022 al 15 Dic 2022
    Gruppo di lettura e dialogo: Nasce una bellissima storia d’amore… Un Gruppo di lettura e dialogo può essere organizzato in modi diversi. La biblioteca don bosco di Laives propone la più accattivante delle avventure: ci si ritrova presso la sede di Laives, una bibliotecaria legge ad alta voce un racconto per una decina di minuti. Tutti insieme se ne parla con l’aiuto di un facilitatore che ha il ruolo di condurre il dialogo. È un minuscolo evento ma di fatto un incontro straordinario. Nel mondo di oggi è la cosa di cui si ha più bisogno: la narrazione di una bella e sofferta storia d’amore, l’occasione di un dialogo durante il quale tutti possono esprimere pareri e liberare emozioni.
  • Dal 3 al 17 dicembre 2022 il Kunstforum Unterland espone la produzione più recente dell'artista Elisa Grezzani. Nata a Bressanone nel 1986, dal 2007 al 2011 Grezzani ha studiato pittura all'Accademia di belle arti di Urbino, e da allora il confronto costante con la complessa tematica della bellezza non l’ha mai abbandonata. Nell'arte del XX secolo, dopo aver attraversato due conflitti mondiali, il concetto di bellezza era caduto in disgrazia. Oggi, in un’epoca fortemente distopica, le persone anelano più che mai al conforto e alla bellezza. I dipinti di Elisa Grezzani, con la loro armoniosa unità di colore e forma, sono la risposta ideale a questo desiderio. Sono opere piene di poesia. Le materie prime utilizzate sono colori acrilici e ad acquerello, colla, carta, pigmento, olio di lino, legno, tela o tessuto e resina poliestere, che si trasformano in composizioni astratte di motivi e colori, dove l'associazione con il paesaggio rimane comunque decifrabile. Le immagini prendono forma grazie ad un fitto gioco di scambi, in equilibrio tra improvvisazione e controllo. L'inequivocabile e l'enigmatico si fondono, il delicato e il potente lottano sulla tela. L'artista lavora dando spazio al colore, ma senza calcare troppo la mano con i toni sgargianti: Grezzani predilige l'oltremare, il verde neon, il magenta, il nero avorio o il lieve e delicato blu ciano. Il desiderio di passare dalla bidimensionalità, ovvero dalla tela o dalla carta, alla tridimensionalità, cioè allo spazio, si è progressivamente rafforzato nell’agire artistico recente di Elisa Grezzani. Ecco perché la mostra ospiterà anche diverse opere scultoree, una novità assoluta nel repertorio creativo dell'artista.