KIBBUTZ CONTEMPORARY DANCE COMPANY (IL) - Pubblicato da knormand

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

If At All

Coreografia, scenografia, luci: Rami Be’er

Danze solistiche e impetuose scene di gruppo. Poesia e humor. Miniature nostalgiche e frizzanti momenti d’insieme. Rami Be’er, coreografo e direttore artistico della Kibbutz Contemporary Dance Company è interessato ai flussi emotivi, alla tensione e al rilassamento dei corpi dei suoi brillanti danzatori, proiettati e immersi in uno spazio in continua trasformazione. Tra evocazione e rabbia, commozione e poesia, Rami Be’er vede la danza come un terreno d’azione potente dove esprimere con verità le emozioni.

La sua poetica volge verso gli spazi insondati della mente, verso la sfera emotiva, il sogno, la visione, aiutato da una particolare attenzione alla messa in scena (scenografia e luci sono sempre curate in prima persona) capace di enfatizzare, con un’infinita varietà di illusioni ottiche, il desiderio di toccare la coscienza dello spettatore. “Lo spettatore – dichiara – è una persona invitata a fare un viaggio. Lo guido fino a un certo punto poi, però ognuno prosegue basandosi sul proprio mondo interiore e dando la propria interpretazione. In altre parole, lo spettatore può entrare in contatto con se stesso attraverso il mio lavoro”.

In If At All (Semmai), proposto a Bolzano Danza (la compagnia si era già presentata a Bolzano nella Stagione 2008/2009 con Upon Reaching the Sun) il coreografo israeliano utilizza tutte le potenzialità della scena per mettere in atto una riflessione sulle “possibilità” dell’accadere. Le coreografie sono un susseguirsi di trasformazioni: da forme “chiuse” (come le figure circolari) a forme “aperte” in un mutamento continuo. Un plasmarsi di strutture ininterrotto, in direzione dello sviluppo e dell’espansione che i corpi dei suoi brillanti danzatori plasmano trasportando lo spettatore in un rito arcaico e contemporaneo al tempo stesso.

Contatti :

Date e orari evento :

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Evento gratuito Avvolti in costumi in lattice gonfiati ad aria, i performer – nelle loro bizzarre forme ‘aumentate’ – diventano “segni oltre la norma’ nello spazio pubblico: danzano, si adattano alle situazioni, inventano pose interagendo con il luogo e con chi guarda. Sono corpi che rimandano tanto alle Veneri paleolitiche quanto alle figure incise sui menhir, la cui portata ha qualcosa di sacro e intoccabile. La Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano a seguito della vincita del bando del Ministero della Cultura Boarding Pass Plus nel triennio 2022-2024 presenta la seconda edizione del progetto BeInternational avente lo scopo di incentivare l’internazionalizzazione delle carriere dei giovani artisti attraverso un percorso di formazione ed esperienze spettacolari con coreografi di fama. Bolzano Danza è uno dei partner del progetto e per il quarantennale accoglie all’Alpe di Siusi, al Parco Ducale e sui Prati del Talvera le coreografie pensate dal coreografo francese Didier Théron per sette giovani interpreti della Scuola dal titolo Sacre Studies.
  • Olivier Dubois / Marie-Agnès Gillot / Orchestra Haydn For Gods Only / Sacre #3 PRIMA ASSOLUTA Protagonista in più edizioni di Bolzano Danza, l’irrequieto e sempre sorprendente Olivier Dubois torna per il quarantennale con una prima assoluta dal titolo For Gods Only / Sacre #3. Terza tappa del progetto su Le Sacre du Printemps di Igor Stravinsky avviato nel 2012 con il duo maschile Prêt à Baiser / Sacre #1, ospitato al Festival 2022 e co-interpretato dallo stesso Dubois, For Gods Only / Sacre#3 arriva dopo Mon Élue Noire / Sacre#2 (2014). Anche per quest’ultimo ‘episodio’ della trilogia, il coreografo ha pensato a un assolo per un’altra leggenda, l’étoile del Ballet de l’Opéra de Paris Marie-Agnès Gillot, sola sul palcoscenico al cospetto dell’Orchestra Haydn e della potenza ritmica del Sacre stravinskiano. Per l’occasione eseguita nella versione del debutto al Théâtre des Champs-Elysées nel maggio 1913 con un organico di dimensioni grandiose (95 elementi) diretto dal maestro Timothy Redmond, a cui si aggiungono musiche realizzate François Caffenne.
  • In Passage/Paysage la danza contemporanea incontra qui il suono della viola di Federica Furlani innestato da effetti synth in un gioco poetico di reciproca amplificazione. Passage/Paysage mostra un immaginario in costante evoluzione, tra cambiamenti di prospettiva e di senso con Camilla Monga e Chiara Montalbani a interpretare due quadri distinti. Nel primo, Passage (passaggio), il movimento è come ingabbiato in uno stretto corridoio in cui il limite spaziale diventa forza attraverso un duetto continuamente interrotto da un ritmo ripetitivo e incessante, con frequenze basse e suoni concreti. Nel secondo, Paysage (paesaggio), i corpi propongono un gioco di compenetrazione come fossero l’uno l’alter ego dell’altro su una combinazione sonora ciclica. In collaborazione con Cooperativa 19 / Stagione Estiva Don Bosco A seguire un breve dibattito con la coreografa e Dance for Health sulla forza curativa della danza In caso di maltempo: Liceo Pascoli (Via Deledda)

Inserisci i tuoi eventi sul primo e più amato calendario di eventi dell'Alto Adige!

HAI GIÀ UN ACCOUNT?

ACCEDI

NON HAI ANCORA UN ACCOUNT?

Non perderti i migliori eventi in Alto Adige!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE

Vuoi vedere i tuoi eventi pubblicati sul nostro magazine?

RICEVI UN AVVISO AL MESE PER LA CHIUSURA REDAZIONALE

Vuoi promuovere i tuoi eventi o la tua attività? Siamo il tuo partner ideale e possiamo proporti soluzioni e pacchetti su misura per tutte le tue esigenze.

VAI ALLA SEZIONE PUBBLICITÀ

CONTATTACI DIRETTAMENTE

INSIDE EVENTS & CULTURE

Magazine mensile gratuito di cultura, eventi e manifestazioni in Alto Adige-Südtirol, Trentino e Tirolo.
Testata iscritta al registro stampe del Tribunale di Bolzano al n. 25/2002 del 09.12.2002 | Iscrizione al R.O.C. al n. 12.446.
Editore: InSide Società Cooperativa Sociale ETS | Via Louis Braille, 4 | 39100 Bolzano | 0471 052121 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..