banner inside pecore2020 IT

Dimmi chi sei! - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

La nuova produzione del Laboratorio di TEATROMUSICAL del Vivaldi.
Sceneggiatura e musiche originali di Luca Merlini / Regia di Flora Sarrubbo / Coreografie di Elisa Darù / Direzione dei cori di Anita Degano.

Condizionamenti, più o meno espliciti. Qualcuno così può dominare il mondo. Basta inventare un meccanismo e sperimentarlo. O lo hanno già inventato? Ne potremmo essere vittime tutti. O lo siamo già?
All’interno di una trasmissione televisiva, gli ospiti diventano cavie perfette. In quel piccolo mondo, così simile ad una gabbia per topi, al confine tra la finzione e la realtà, tutto viene pilotato fino all’eccesso. Rimangono sguardi vuoti, come di automi; corpi privi di riflessi che vagano nelle strade sempre uguali delle città illuminate a giorno.
DIMMI CHI SEI! è una riflessione profonda e scanzonata sulla nostra esistenza, sempre più legata a forme di dipendenza che ci allontanano da noi stessi e che di continuo ci distraggono.
Uno spettacolo messo in scena dai ragazzi del Laboratorio di TEATROMUSICAL che hanno seguito per l’intero anno scolastico lezioni di canto, recitazione e danza, dai musicisti dell’orchestra e altre due realtà del Vivaldi come il Coro Insolite Note di Passaggio e il Coro Tintinnabula.
DIMMI CHI SEI! è la 13^ produzione del Laboratorio, che vede coinvolti più di 60 allievi del Vivaldi. Gli ingredienti sono consueti e ben collaudati: musiche esclusivamente originali ed eseguite rigorosamente dal vivo dagli allievi del Vivaldi, assieme ad una sceneggiatura inedita e tutto l’entusiasmo dei ragazzi che partecipano al Laboratorio di TEATROMUSICAL.

Ingresso omaggio.
I biglietti gratuiti saranno disponibili in cassa dal 5 ottobre.

Contatti :

Date e orari evento :

Sabato 17 Ott 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Domenica 01 Nov 2020
    Dietro le quinte di un talent show ci sono molte storie da raccontare, “Go Talent” vuole mostrarvene una. Questo jukebox musical vi farà vivere la storia di una ragazza col sogno di cantare, trattenuta dalle paure del padre e dal suo passato oscuro. Per fortuna ha attorno i suoi amici per supportarla, e anche dei nemici per aiutarla a tirare fuori il meglio di se. In mezzo a questa storia andrà in scena un vero e proprio talent show, dove diverse realtà del territorio avranno lo spazio per mostrare il loro talento, qualunque esso sia.
  • ogni giorno fino a Sab 07 Nov 2020
    UN'OPERA DA TRE SOLDI Ispirata a personaggi e situazioni de L’Opera da tre soldi di Bertolt Brecht di Fausto Paravidino regia Fausto Paravidino con Rocco Papaleo, Fausto Paravidino e con (in ordine alfabetico) Federico Brugnone, Romina Colbasso, Marianna Folli, Iris Fusetti, Daniele Natali TEATRO STABILE DI BOLZANO, TEATRO STABILE DI TORINO Fausto Paravidino è l’autore di un nuovo spettacolo dedicato all’antieroe Peachum, il re dei mendicanti dell’Opera da Tre Soldi di Bertolt Brecht. «Peachum è una figura del nostro tempo più ancora che del tempo di Brecht» sostiene Paravidino. «Dipende dal denaro senza neanche prendersi la briga di esserne appassionato. Non è avido. Non ambisce a governare il denaro, è governato dal denaro.» «In questa nuova Opera da tre soldi detta Peachum» scrive Paravidino «succede quello che succede nell’Opera di John Gay nel Sogno di un notte di mezza estate e in Otello di Shakespeare e in moltissime fiabe. A un padre portano via la figlia. Il padre la rivuole. Brecht ci dice che la rivuole perché gli hanno toccato la proprietà. Non altro. Le avventure e disavventure che l’eroe dei miserabili incontrerà nello sforzo di riprendersi la figlia saranno un viaggio, un mondo fatto di miserie: la miseria dei poveri, la miseria di chi si vuole arricchire, la miseria di chi ha paura di diventare povero». Rocco Papaleo e Fausto Paravidino, allo loro prima collaborazione teatrale, interpretano questa nuova epopea al rovescio.
  • ogni giorno fino a Gio 29 Ott 2020
    Alf Poier, umorista dadaista austriaco ed eterno provocatore, ci onora ancora una volta con il suo nuovo spettacolo, ponendosi diverse domande: "La gente spesso dice: ‘Non capisco più il mondo!’ – Giro al contrario - il mondo non mi capisce più. Sono io il pazzo o è il mondo ad esserlo? Cosa resta da dire in vista della dittatura digitale e dell'estinzione del buon senso? L'arte può salvarci o devo io salvare l'arte? Dove dovremmo fuggire? Nell'eutanasia spirituale, nell'assurdo, nella tradizione, o meglio ai Caraibi? E cosa può avere a che fare una scatoletta di tonno con la conoscenza ultima? Alla fine dello show potreste saperne di più - o meglio ancora - forse niente di più!” Alf Poier affronta queste domande nel suo modo inconfondibile da filosofo dadaista, cross-over artist nichilistico e spirituale. Si cimenta con i mezzi che lo hanno reso famoso: dipinti, oggetti, canzoni e giochi di parole in puro "stile Poier".