banner inside pecore2020 IT

LE BAL - L’italia che balla dal 1940 al 2001 - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Da Le Bal, una creazione del Théâtre du Campagnol da
un’idea e nella regia di J ean - Claude Penchenat

Spettacolo musicale di Giancarlo Fares
Con Giancarlo Fares, Sara Valerio, Riccardo Averaimo,
Alberta Cipriani, Manuel D’Amario, Vittoria Galli, Alessandro
Greco, Lorenzo Grilli, Alice Iacono, Davide Mattei, Matteo
Milani, Pierfrancesco Perrucci, Maya Quattrini, Lucina
Scarpolini, Patrizia Scilla, Viviana Simone
Coreografie Ilaria Amaldi
Scenografia Marco Lauria
Costumi Francesca Grossi
Light designer Anna Maria Baldini
Sound designer Giovanni Grasso
Regia Giancarlo Fares

Tags

Contatti :

  • Organizzatore : Associazione L'Obiettivo
  • Location : Teatro Comunale
  • Indirizzo : Piazza Giuseppe Verdi 40, Bolzano, BZ
  • Email : info@ticket.bz.it
  • Sito Web : www.ticket.bz.it

Date e orari evento :

Sabato 26 Set 2020

Note sugli orari :

1° spettacolo h. 16.00 | 2° spettacolo h. 20.30

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Ven 06 Nov 2020
    Ingresso senza riduzione: 22 Euro Il Concorso Europeo di Teatro d’Arte varia "Niederstätter surPrize" è un appuntamento fisso della stagione teatrale del Carambolage. Anche quest'anno non vogliamo perderlo! Ma situazioni eccezionali ci impongono di percorrere nuove strade, e quindi quest'anno ci saranno dei cambiamenti nell’organizzazione del festival. Per fare in modo che il nostro guardaroba non diventi troppo stretto, quest'anno concorreranno solo tre partecipanti, ma si esibiranno nel corso di tutte e tre le serate e potranno così essere ammirati da più persone. Perché anche in sala ci sarà più spazio a disposizione per ogni spettatore rispetto al passato. Ci saranno ancora tre premi in palio, il 1° premio (3.000 Euro), il 2° premio (2.000 Euro) e il 3° premio (1.500 Euro) con i corrispondenti trofei. Sul palco si esibirianno artisti eccezzionali che spaziano dal genere magic-comedy alla performance musicale multilingue fino a un teatro di movimento pronto a mettere il mondo sottosopra: Txema (ES), Jelena Popržan (SRB) e men in back (D). Le informazioni dettagliate sul concorso sono disponibili nell’apposito programma.
  • Venerdì 06 Nov 2020
    LA COMAPGNIA TEATRALE “ARCA “ – Trevi (PG) presenta: “NEMICI COME PRIMA” due atti di Gianni Clementi Regia di Graziano Sirci
  • Domenica 17 Gen 2021
    DOVE INIZIA LA NOTTE di Stefano Massini regia Mauro Avogadro musiche Gioacchino Balistreri con Ottavia Piccolo e Paolo Pierobon TEATRO STABILE DI BOLZANO, TEATRO STABILE DEL VENETO Già richiesto nei teatri di tutto il mondo, il testo è un atto unico di squassante semplicità, un’intervista della filosofa, scrittrice e politologa Hannah Arendt a colui che più di tutti incarna la traduzione della violenza in calcolo, in disegno, in schema effettivo. Nel 1960 viene arrestato in Argentina Adolf Eichmann, il gerarca nazista responsabile di aver pianificato, strutturato e dunque reso possibile lo sterminio di milioni di ebrei. Dai verbali degli interrogatori a Gerusalemme, dagli atti del processo, dalla storiografia tedesca ed ebraica oltre che dai saggi di Arendt, Stefano Massini trae questo dialogo teatrale di feroce, inaudita potenza. Alla loro prima collaborazione, Ottavia Piccolo e Paolo Pierobon sono gli straordinari interpreti che danno anima e corpo a questo dialogo di agghiacciante intensità diretto da Mauro Avogadro. Eichmann ricostruisce tutti i passaggi della sua carriera travolgente con Hitler e Himmler raccontati come mai prima. Da una promozione all’altra, in un crescendo di prestigio e stipendio, si compone lentamente il quadro della Soluzione Finale, qui descritta nel suo aspetto più elementare di immane macchina organizzativa: come si sperimentò il gas? Quando fu deciso l’inizio dello sterminio? Come si gestiva in concreto l’orrore di Auschwitz? Ed ecco prendere forma, passo dopo passo, una prospettiva spiazzante: Eichmann non è affatto un mostro, bensì un uomo spaventosamente normale, capace di stupire più per la bassezza che per il genio. Incalzato dalle domande della filosofa tedesca, egli si rivela il ritratto squallidissimo dell’arrivismo, della finzione, del più bieco interesse personale, ma niente di più. Uno qualunque, altro che monumento criminale. È mai possibile che l’uomo più temuto da milioni di deportati, fosse un essere così vicino all’uomo medio? Ma è proprio qui, in fondo, che prende forma il male: nella più comune e insospettabile piccolezza umana.