generazioni banner campagna

Il lago dei cigni - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Corpo di Ballo Balletto di Mosca “La Classique”
Uno degli immortali capolavori della storia del balletto del XIX secolo firmato Marius Petipa. Rappresentato nel 1877 per la prima volta al Teatro Bolsoj di Mosca, nonostante le musiche di Caikovskij, nell’immediato non ebbe il successo che fu poi raggiunto nel 1894, anno in cui venne messo in scena al Teatro Marijinskij di San Pietroburgo.
Il Lago dei Cigni racconta l’incantevole storia d’amore fra il giovane principe Siegfried e Odette, una creatura ultraterrena trasformata in cigno dal perfido mago Rothbart per aver rifiutato il suo amore.
A far rivivere l’emozione di questo classico dalle atmosfere ovattate il Balletto di Mosca “La Classique”, una delle più acclamate Compagnie di danza classica che da più di ventiquattro anni compie tournée in tutta Europa. Disegni di luci e scenografie suggestive immergeranno il pubblico in sala nella candida atmosfera del lago dei cigni più famoso del mondo.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 31 Ott 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 06 Dic 2019
    Con Banda Osiris e Telmo Pievani > produzione Banda Osiris e Aboca “La Terra è un pianeta improbabile e fragile, al posto giusto nel momento giusto attorno alla stella giusta, preziosissimo, non ce n’è uno di ricambio. Si chiama Terra, ma dovrebbe chiamarsi Acqua. Teniamocela stretta!” “Quanto è leggero tutto questo in una goccia di pioggia. Con che delicatezza il mondo mi tocca. Qualunque cosa ogni qualvolta che sia accaduta è scritta sull’acqua di Babele.” La Banda Osiris si cimenta in uno spettacolo radicalmente nuovo, con la totalità di brani inediti e riscopre la vena onirica e surreale degli esordi. La complicità del prof. Telmo Pievani, filosofo, accademico ed evoluzionista, sposta il dibattito su temi importanti ed indispensabili trattati con leggerezza e semplicità. Un vero e proprio “hommage a l’eau”, un viaggio musicale, tanto scanzonato nei toni quanto profondo nei contenuti, attraverso i problemi che affliggono il nostro pianeta. La Banda e il professore vogliono dimostrare che il nostro mondo è ormai con l’acqua alla gola. Cinque scienziati sono i luminari che promuovono il XXX simposio “L’acqua sul nostro pianeta: quale domani?”. S’interrogano in un laboratorio con tavolo di esperimenti, una lavagna gigante ed interattiva, un’infinità di cartelli esplicativi e tante bocce d’acqua che riescono anche a suonare. In un palco pieno di plastica si alternano canzoni su oleodotti, Lucio Dalla, scivoloni acquatici tra Jovanotti, Offenbach e D’Annunzio. Verso il disastro totale che porta a far bruciare l’acqua con “Smoke on the water” in versione quartetto di fiati. Documentari stile anni ‘60 nelle profondità marine. “Onda su onda” cantata dal punto di vista di un migrante ne ribalterà il significato. Come ogni vero convegno lo spettacolo si chiude con la stesura di un documento finale: inventiamoci una nuova resistenza altamente creativa. La risposta musicale non può essere che una versione forte e toccante di “Bella Ciao”: una canzone-simbolo nata dalle acque delle mondine. Lo spettacolo si inserisce in Aboca, una serie di eventi e approfondimenti voluti da Aboca per condividere un futuro più sostenibile.
  • Martedì 19 Nov 2019
    Per la seconda volta Improtheater Carambolage e Cababoz si incontrano per abbattere le barriere linguistiche con gioia e fantasia. Bilingui e versatili, i ben noti animali da palcoscenico ci faranno ridere a crepapelle. Improvvisano finché le teste non fumano. E scordatevi qualunque cosa immaginiate: sarà sicuramente diversa! Solo una cosa è certa: chi non viene perde un’occasione unica!
  • ogni giorno fino a Sab 04 Gen 2020
    di Duncan Macmillan dall’originale inglese di Corinna Brocher Con Peter Schorn e Simon Gamper (musica) regia: Eva Niedermeiser scenografia e costumi: Christina Khuen luci e tecnica: Claus Stecher, Julian Geier foto: Tiberio Sorvillo Un pezzo che celebra la vita su un argomento mortalmente serio: come reagire da bambino al tentativo di suicidio di tua madre? Le scrivi una lista con tutto quello che c'è di bello nel mondo. Si spera che tua madre legga davvero la lista, che la sua depressione svanisca e che la vita continui. E lo fa. Ma non tutto va automaticamente a posto… "Adorabile, straziante e senza sentimentalismi... È anche un pezzo incredibilmente comico sulla depressione - e forse uno dei pezzi più comici di sempre". (The Guardian) "Il perfetto equilibrio tra ciò che porta disperazione nella vita e ciò che la rende così meravigliosa." (The Independent) "Perché vale la pena di vivere? E perché vale la pena andare a teatro? Se vuoi che entrambe le domande abbiano una risposta, va’ a vedere questo pezzo.” (Kronen Zeitung) Una produzione del Carambolage