banner inside 01 it

Oper.A 20.21: La Wally - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Alfredo Catalani

"Ebben? Ne andrò lontana”, canta La Wally, l’eroina dell’opera di Alfredo Catalani. L’anno è il 1892. Interpretata da Maria Callas, l’aria diventò famosa ben oltre i circoli operistici, entrando a far parte della colonna sonora del classico del cinema Diva. In quanto all’opera vera e propria, portata in scena da Nicola Raab, è molto meno nota e raramente compare nei cartelloni operistici. La Wally si basa sul romanzo di Wilhelmine von Hillern, Die Geierwally, che riscosse un gran successo. La figura centrale dell’opera è una donna che rivendica il suo diritto all’indipendenza in un mondo dominato dagli uomini. Per sfuggire al matrimonio forzato combinato dal padre, Wally si ritira sui monti della Ötztal. Isolata e immersa nella natura, inizialmente trova un rifugio sicuro, ma a differenza di quanto accade nel romanzo, Catalani non regala un lieto fine alla sua Wally e destina il suo amato a morte certa, facendolo travolgere da una valanga. Per la donna padrona del suo destino non c’è quindi possibilità di vita: la femme fatale deve morire. Nella regia di Nicola Raab, premio Abbiati per la regia di Written on Skin di George Benjamin, non c’è traccia di sfondi montani e paesaggi stereotipati. Raab riduce al minimo costumi e scenografia, dando così risalto ancora maggiore al precipitare della vicenda umana: la valanga mortale come emblema della forza distruttiva delle convenzioni sociali.

Contatti :

  • Organizzatore : Fondazione Haydn di Bolzano e Trento
  • Location : Teatro Comunale
  • Indirizzo : Piazza Giuseppe Verdi 40, Bolzano, BZ
  • Telefono : 0471 975031
  • Email : info@haydn.it
  • Sito Web : www.haydn.it

Date e orari evento :

Sabato 23 Mar 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 18 Lug 2019
    Camilla Monga, coreografa e danzatrice; Filippo Vignato, trombonista jazz vincitore di diversi Premi. Insieme danno vita a un progetto di musica e danza di cui Bolzano Danza è coproduttore insieme al Festival Novara Jazz. Esplorando i processi di composizione istantanea che accomunano il mondo del jazz alla danza contemporanea, Filippo e Camilla si fanno interpreti di tutte le potenzialità dello strumento e del corpo. In Golden Variations - il nome risuona come un tributo alle Goldberg Variations di Bach nell’esecuzione di Glenn Gould messe in danza dal padre della contact improvisation Steve Paxton – fanno risaltare l’estensione del trombone dalla nota più grave a quella più acuta e trasportano lo spettatore in una danza dalle atmosfere sfaccettate. Come lo strumento rievoca la polifonia dei canti sardi ancestrali, la musica concreta, il blues, i motivi da music-all ad eleganti rapsodie, anche il corpo di Monga fa proprie queste atmosfere emozionali in un imprevedibile susseguirsi di immagini.
  • Sabato 13 Lug 2019
    Coreografia: Jean-Baptiste André Prima nazionale Floe nasce dall’incontro tra il circense Jean-Baptiste André e l’artista visivo Vincent Lamouroux. Insieme hanno progettato un'installazione visiva e danzata integrata con il paesaggio che la ospita. Il ‘terreno di gioco’ su cui André è chiamato a performare sono giganteschi iceberg bianchi con forme irregolari posizionati di volta in volta in modo diverso nel luogo prescelto. Affiancati, sovrapposti, i blocchi bianchi dalla superficie liscissima creano una scultura in bilico, intorno e sopra la quale si svolge lo spettacolo condotto da Jean-Baptiste André. L’immaginario è quello di un uomo intrappolato tra le montagne alla ricerca della propria salvezza, oppure di un attraversamento periglioso e scivoloso di inaspettate pareti ripide e sdrucciolevoli. L’esplorazione di questo paesaggio sconosciuto disegna una drammaturgia poetica dell’azione pura, tra cadute, attese, scivolate: passaggi di una scalata vera e metaforica.
  • Lunedì 15 Lug 2019
    Coreografie: Christian Rizzo, Rachid Ouramdane Prima Italiana Christian Rizzo, coreografo e attuale direttore del’ICI-Centro Coreografico Nazionale di Montpellier e Rachid Ouramdane, coreografo, danzatore e co-direttore artistico del CCN2-Centro Coreografico Nazionale di Grenoble, sono amici di lunga data. Rizzo ha interpretato lavori di Ouramdane e viceversa. L’assolo Skull* Cult (letteralmente Culto del Teschio) è un esempio del loro sodalizio artistico e del mutuo scambio: creato da Rizzo per e con Rachid Ouramdane nel lontano 2002 per il festival le Vif du Suject di Avignone, Skull* Cult è rimasto tra i pezzi memorabili dell’autore, insieme ad altri iconici assoli. Qui si dispiega la metafora dell’eroe solitario. Il pezzo, allora come oggi, vede in scena Rachid avvolto in una sorta di tuta da motociclista di pelle nera con casco in testa. Mai frontale al pubblico, il suo corpo si muove sospeso in un gioco di articolazioni e acrobazie. Un incanto.