fis cup 600x220px OK

Uta Köbernick (D/CH): Grund für Liebe - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Come tedesca integrata in Svizzera, l'artista europea getta le sue radici della Berlino Est nei vasi di fiori dei nostri pregiudizi. Si destreggia con un'umiltà sapientemente nascosta, perché l'attrice è stata sommersa di premi prestigiosi in ambito teatrale.

Con incantevole leggerezza, ci offre poesie, canti e racconti virtuosi e meravigliosamente profondi, che raggiungono il limite di ciò che è riconoscibile. Politicamente attenta, inciampa sui punti di vista e li aiuta a rialzarsi con un sorriso quando pensano di aver trovato di nuovo terreno solido. Dopo questa serata magica capirai meglio il mondo, e anche un po’ di più te stesso.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Sab 17 Mar 2018

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Sab 18 Mag 2019
    di Vitaliano Trevisan da La Bancarotta di Carlo Goldoni regia Serena Sinigaglia La bancarotta di un mercante calata tra i problemi di oggi. Vitaliano Trevisan, riscrive un testo poco frequentato di Carlo Goldoni con il suo stile pungente e sincopato, implacabile e sarcastico. Un testo, quello di Goldoni, che oltre a non essere affatto lontano dall’attualità, segna una svolta epocale: a partire da un canovaccio della commedia dell’Arte, gradualmente le maschere cadono in disuso e inizia a delinearsi un’idea di testo più determinato ed esteso, contrariamente alla prassi del recitare a soggetto, esercitata fino ad allora. Utilizzando il testo di Goldoni come solido appoggio, Trevisan delinea una caustica rappresentazione dell’Italia di oggi.
  • Domenica 10 Mar 2019
    Gruppo Amici dell’Arte (Offida - AP)
  • Domenica 13 Gen 2019
    Opera di Pechino regia Marco Plini con gli attori della compagnia nazionale dell’Opera di Pechino e l’ensemble musicale composto da musicisti italiani e cinesi Il progetto Turandot, diretto da Marco Plini, è la ricerca di un punto di incontro tra diverse tradizioni teatrali, da un lato la poesia dell’Opera di Pechino, dall’altro il grande mistero della Commedia dell’Arte. Per la prima volta infatti un regista italiano si confronta con l’opera di Pechino, una realtà artistica che è teatro, danza, musica ma soprattutto arte dell’attore, un attore che dedica la sua vita al perfezionamento del gesto artistico, riproducendo costantemente un codice tramandato dai suoi maestri. Due culture si incontrano e dialogano sul palco, così come sta accadendo anche fuori da teatro.