banner inside 01 it

Il mangrovieto, un complesso ed affascinante ecosistema - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Nell’ambito dell’incontro del gruppo di lavoro Flora dell’Alto Adige

Le mangrovie formano un ponte fra gli ecosistemi terrestri e quelli marini. Questo ruolo è garantito da particolari adattamenti fisiologici e dalle relazioni complesse che intercorrono fra gli organismi che popolano il mangrovieto. In uno scenario drastico cambiamento climatico ed impatto antropico, tale complessità rende questo ecosistema unico per composizione, funzione ed importanza, ma anche per fragilità. Con Simone Babbini

Simone Babbini, nato a Firenze, di formazione naturalista (Università di Firenze) e Guida Ambientale Escursionistica, ha svolto tra l’altro attività di ricerca in Kenya e in Sudafrica. Attualmente è professore di scienze presso il liceo scientifico a Cles e collaboratore al Museo di Scienze Naturali a Bolzano.

In lingua italiana. Ingresso libero. Ospiti graditi

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 15 Feb 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Sabato 11 Gen 2020
    Il laboratorio crea uno spazio, dove i partecipanti hanno la possibilitá di incontrare le loro emozioni senza giudizio, sperimentare con la velocitá, tensione e le direzioni, riconoscere e trasformare gli schemi comportamentali e ad oltrepassare il proprio limite. Il corpo da al cervello l´occasione di riorientarsi attraverso la rotazione. Nella parte teorica i partecipanti riceveranno tutte le informazioni, imparando così a conoscere il „Software“ della rotazione. Poi si fa´un Warm up, col passaggio nella danza. Da portare: abbigliamento comodo, calzini e quello di cui avete bisogno da mangiare e bere. Si consiglia cibo leggero prima della danza. Costo: 40€
  • Venerdì 17 Gen 2020
    Una volta al mese il gruppo si ritrova per disegnare elementi della natura. Quest’anno il tema scelto sono gli insetti. Partecipazione gratuita, prenotazione obbligatoria
  • Venerdì 24 Gen 2020
    La conferenza si svolge nell’ambito dell’incontro del gruppo di lavoro Flora dell’Alto Adige, ma è aperto a tutti. Il volume costituisce la nuova base conoscitiva sulla flora del Trentino dopo il catalogo pubblicato da Dalla Torre & Sarnthein tra il 1900 e il 1913. Ciascuna delle 2.563 specie considerate spontanee in Trentino è descritta da una foto, un testo e una mappa di distribuzione a punti. Le mappe si basano su un archivio di oltre 1.300.000 dati, per la maggior parte raccolti sul campo in un capillare lavoro di campagna che è durato quasi 30 anni. Filippo Prosser & Alessio Bertolli, collaboratori del Museo Civico di Rovereto, sono esperti della flora e i principali responsabili della cartografia floristica moderna del Trentino. Ingresso libero, in lingua italiana