generazioni banner inside carozzi+zukar

LOST & FOUND – Archeologia in Alto Adige prima del 1919 - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

L’archeologia in Alto Adige muove i suoi primi passi nel periodo che precede il 1919, quando l’odierno Alto Adige faceva ancora parte dell’Impero austro-ungarico. La mostra temporanea prende in esame interessanti reperti di questa fase iniziale, analizza i primi scavi e racconta l’istituzione dei primi musei, presentando i pionieri e i protagonisti di quest’epoca, studiosi e appassionati profani accomunati dall’entusiasmo per la storia locale e la tutela dei beni culturali.

Molti reperti rinvenuti in questo periodo sono tuttavia finiti nel mercato antiquario e oggi si trovano sparsi in musei e collezioni private di tutto il mondo. Per questa mostra i curatori hanno rintracciato oggetti di particolare interesse, scoperti prima del 1919, e li presentano per la prima volta in Alto Adige, nella loro “antica patria”.

Dopo la prima guerra mondiale, cento anni fa, venne stipulato il trattato di Saint-Germain, mediante il quale l’odierno Alto Adige fu annesso all’Italia. Questo profondo cambiamento politico ebbe ripercussioni anche sull’archeologia: cambiarono le competenze delle autorità preposte alla tutela dei beni culturali, i reperti dovettero essere restituiti, i musei si riorganizzarono. La mostra temporanea si occupa di questo periodo cruciale e ci restituisce un‘interessante fotografia della storia dell’archeologia dell’Alto Adige prima del 1919.

Tags

Contatti :

  • Organizzatore : Südtiroler Archäologiemuseum
  • Location : Museo Archeologico dell'Alto Adige
  • Indirizzo : Via Museo 43, Bolzano, BZ
  • Telefono : 0471 320100
  • Email : info@iceman.it
  • Sito Web : www.iceman.it

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 17 Nov 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
  • Mar 15 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Mer 16 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Gio 17 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Ven 18 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Sab 19 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Dom 20 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Mar 29 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Mer 30 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Gio 31 Ottobre, 201910:00-18:00 |
  • Ven 01 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Sab 02 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Dom 03 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Mar 12 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Mer 13 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Gio 14 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Ven 15 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Sab 16 Novembre, 201910:00-18:00 |
  • Dom 17 Novembre, 201910:00-18:00 |

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 02 Nov 2019
    In occasione del suo 10° anniversario, il Mondo Treno di Rablà presenta la mostra temporanea dal titolo “Da 1 CV a 1000 CV– Il trasporto, ieri e oggi”. La mostra presenta la storia e lo sviluppo del traffico di merci in tutto il mondo, e in particolare l’impiego di camion: dal più semplice carro ai super camion dei giorni nostri. Ca 600 sono i modelli e i diorami esposti in scala 1:87, di cui ben la metà sono pezzi unici realizzati a mano. La collezione di modelli è a cura di Stephan Samper e Walter Altmannshofer, entrambi originari dell’Algovia, che coltivano questo hobby ormai già da 30 e 60 anni. Walter Altmannshofer è considerato un artista nel suo campo. I suoi modelli sono vere e proprie opere d’arte realizzate con un’estrema cura per i dettagli. I pezzi della mostra realizzati a mano sono riproduzioni di modelli trovati in foto, progetti, disegni costruttivi e talvolta frutto dell’immaginazione dell’artista. L’intera mostra temporanea è accompagnata da alcune informazioni aggiuntive su tematiche storiche, d’interesse, di attualità, con uno sguardo al futuro. Partite per un piccolo viaggio nel tempo, attraverso mezzo mondo e diverse migliaia di anni di storia dello sviluppo.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 03 Nov 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Doing Deculturalization prende le mosse dagli scritti della storica e critica d’arte italiana Carla Lonzi (1931–1982). In particolare si concentra sul suo concetto di deculturizzazione, una pratica di decodificazione (culturale) della vita, del lavoro e del linguaggio come presupposto per una visione antinormativa e de-coloniale del gender e della migrazione. I processi di sottrazione ed estraneazione del Sé, collegati a questo concetto, sono messi in luce sia in riferimento al loro contesto storico femminista, che a possibili vie di attualizzazione. Il progetto si interroga quindi su quanto i processi di “deculturizzazione” liberino forme di autonomia e di resistenza, cioè siano in grado di sviluppare e incarnare una critica effettiva delle strutture colonizzatrici del potere. Sullo sfondo di questo interrogativo la mostra traccia uno scenario speculativo, una topografia delle associazioni tra i materiali archivistici dei movimenti femministi e posizioni artistiche storiche e attuali, con una particolare attenzione a quelle presenti all’interno dell’Archivio di Nuova Scrittura, Collezione Museion. A cura di Ilse Lafer, curatrice ospite a Museion 2019
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 04 Gen 2020 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Realizzata a cura del Cai Sezione di Bolzano. Con il Coro Rosalpina.