generazioni banner inside carozzi+zukar

Die Arier - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

DE 2014, 92 Min.
Regie: Mo Asumang

Rechtsextremismus ist in Deutschland auch lange nach dem Ende des NS-Regimes noch ein großes, oft verdrängtes Problem. Alle dreißig Minuten wird hier eine Straftat verübt, der rassistische Motive zugrunde liegen. Die afrodeutsche Moderatorin, Autorin und Schauspielerin Mo Asumang begibt sich auf eine Tour durch rechtsextreme Abgründe, immer auf der Suche nach der Antwort auf die Fragen: Was ist ein "Arier"? Was macht einen Deutschen zum "Arier"? Während ihrer gefährlichen Reise besucht Asumang Nazidemos, trifft deutsche Neonazis, begegnet Politikern der Nationaldemokratischen Partei Deutschlands (NPD) und watet auch durch den braunen Sumpf in Übersee: Sie besucht einen der bekanntesten Rassisten der USA, Tom Metzger, sowie Mitglieder des berüchtigten Ku-Klux-Klan im Mittleren Westen.

In Anwesenheit der Regisseurin Mo Asumang.

In Zusammenarbeit mit der OEW Brixen.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Martedì 08 Ott 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 15 Ott 2019
    IS/DK 2014, 94 min. regia: Dagur Kári con: Gunnar Jónsson, Ilmur Kristjánsdóttir, Sigurjón Kjartansson, Franziska Una Dagsdóttir, Margrét Helga Jóhannsdóttir, Arnar Jónsson, Thórir Sæmundsson, Ari Matthíasson, Fridrik Fridriksson, Ingunn Jensdóttir Il film viene presentato dall' ?Associazione Ariadne ? per la salute psichica, bene di tutti? in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale. Fusi, un uomo di quarantatré anni dall'aspetto imponente, vive ancora con la madre. La sua vita quotidiana è caratterizzata da una monotona routine. E' un uomo solitario, silenzioso e con interessi limitati e con un lavoro da membro del personale di terra in un aeroporto e un'esperienza sessuale praticamente inesistente. Un gigante adolescente insomma. L'inatteso ingresso nella sua vita della sua vicina, una donna dall'aspetto vivace e iperattiva, e della sua bambina di otto anni sconvolge letteralmente le sue vecchie abitudini da scapolo. In questo modo, Fusi si trova ben presto a saltare le tappe e assumersi le sue responsabilità... Il regista e musicista islandese Dabur Kári (di cui ricordiamo "Nói albinói" nel 2003 e "The Good Heart" nel 2009) dirige, formando anche la sceneggiatura originale, una commedia agrodolce è la storia di un uomo più che quarantenne dal cuore d'oro che deve imparare a diventare adulto. Impeccabile la performance di Gunnar Jansson nel ruolo del protagonista.
  • Lunedì 25 Nov 2019
    Appuntamento con La Grande Arte al Cinema per scoprire le due anime di Frida Kahlo: da una parte l’icona, pioniera del femminismo contemporaneo, tormentata dal dolore fisico, e dall’altra l’artista libera dalle costrizioni di un corpo martoriato. Tra lettere, diari e confessioni private, il docufilm illustra il legame profondo tra dolore e forza, tormento e amore, presente in tutte le opere di Frida. Appuntamento alle ore 19.00 in Conference Room al 4° piano, approfondimento con l’esperta Silvia Maurelli. A seguire, ore 20.00, verrà proiettato il docu-film al UCI Cinema.
  • Giovedì 17 Ott 2019
    USA 1979, 183 min. regia: Francis Ford Coppola con: Marlon Brando, Robert Duvall, Martin Sheen, Laurence Fishburne, Dennis Hopper, Harrison Ford english [sottotit. italiani] Capolavoro titanico, visionario, wagneriano. "Coppola compie la scelta strategica di collocarsi non solo al di fuori della tradizione del war film, ma al di fuori di ogni ipotesi di tipo mimetico [...] APOCALYPSE NOW è ispirato a CUORE DI TENEBRA di Conrad, ma si rifà a una vasta gamma di testi letterari (Eliot, Kipling, Frazer) e soprattutto attinge all'immaginario del romanzo americano ottocentesco. Nel Vietnam di Coppola, la massa scura degli alberi si configura come il simbolo di una natura arcaica e terribile, che si fa beffe della ragione della Storia che l'uomo bianco vorrebbe imporle" (Giaime Alonge). Secondo il regista, dopo quella del 1979 e la monumentale Redux, Final Cut è finalmente la versione perfetta. "È stata anche l'occasione per applicare al film le moderne tecnologie, usando i sistemi Dolby Vision e Atmos per renderlo quanto più possibile viscerale e coinvolgente. È un'esperienza sensoriale straordinaria, con colori profondi e un suono sfaccettato che amplifica l'effetto ipnotico del film" (John DeFore).