banner eventi annullati it

Co-Carts Festival - rinviato alla primavera 2021 - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Lungomare presenta
Co-Carts - Macchine per la collettività
Un progetto di orizzontale

I Co-Carts sono macchine per la collettività. Possono essere attaccati a una bicicletta, la loro forma e funzione trasforma lo spazio urbano. I Co-Carts sono dispositivi pop-up costruiti per entrare in sinergia tra di loro e con il contesto e per rafforzare il rapporto tra gli/le abitanti e la città.
I Co-Carts hanno un megafono incorporato che può amplificare voci di protesta, un tavolo temporaneo su cui si possono svolgere mostre e momenti di discussione, possono proiettare e sono provvisti di corpi luminosi. I Co-Carts con le loro capacità di trasformazione possono creano spazi espositivi temporani e un'officina mobile. I Co-Carts trasportano con loro valori di base che Lungomare, orizzontale e tutti i partner del progetto hanno definito insieme:
I Co-Carts sono eccentrici, aperti, antirazzisti. Non creano profitto personale. Sono sinonimo d’inclusione, decostruiscono categorie e non solo creano lo spazio, ma lo celebrano. I Co-Carts promuovono la libertà di opinione, sono multilingue, transculturali, provocano dialogo e confronto e stimolano la reazione. I Co-Carts sono lenti ma agili, sono silenziosi e rumorosi allo stesso tempo, sono strumenti multifunzionali in antitesi alla specificità e all’individualismo dell’automobile.
I Co-Carts – Macchine per la collettività saranno presentati nell'ambito di un festival negli spazi pubblici della città di Bolzano dal 23 al 25 ottobre 2020. Durante questi tre giorni i Co-Carts attraverseranno la città da via Rafenstein alla Piazza S. Vigilio, Aslago-Oltisarco, fermandosi in diversi luoghi, animandoli per qualche ora con spettacoli musicali, un forno temporaneo, workshop, incontri e discussioni.
Per il programma dettagliato ed eventuali aggiornamenti in caso di maltempo o riguardante i regolamenti Covid-19 potete consultare il nostro sito o seguirci su Facebook e Instagram.

Il progetto Co-Carts - Macchine per la collettività è stato realizzato nell'ambito della residenza 2020 di Lungomare con il collettivo di architettura orizzontale. Dal 2010 orizzontale sviluppa progetti che spaziano tra l'architettura, il paesaggio, l'arte pubblica e l'autocostruzione. Il loro lavoro sperimenta forme nuove d’interazione tra gli abitanti e i beni comuni urbani, sfidando i limiti del processo di progettazione architettonica.

Un progetto curato e prodotto da Lungomare

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 25 Ott 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Lunedì 07 Dic 2020
    Incontro con Elena Militello South Working - Lavorare dal Sud è un progetto volto a diffondere la possibilità di lavoro agile da dove si desidera, in particolare dalle regioni meridionali e dalle aree interne. L'emergenza sanitaria Covid-19 ha costretto infatti le imprese a ripensarsi e a fare i conti con il lavoro a distanza e con il lavoro agile. Da qui è nato un impegno articolato che punta a studiare il fenomeno dello smart working localizzato in una sede diversa da quella del datore di lavoro, in particolare al Sud Italia . L'intento è quello di aiutare i lavoratori che vogliano intraprendere questa via formulando anche delle proposte di policy in questo campo. L'obiettivo di lungo termine è quello di stimolare l'economia del Sud, aumentare la coesione territoriale tra le varie regioni d'Italia e d'Europa e creare un terreno fertile per le innovazioni e la crescita al Sud. South Working - Lavorare dal Sud è un progetto di Global Shapers - Palermo Hub.
  • Giovedì 10 Dic 2020
    Raffaello e i suoi allievi negli arazzi sistini: un nuovo modo di creare con: Antonio Forcellino Su prenotazione: centrotrevi@provincia.bz.it Anche live streaming sul canale youtube TreviLab www.youtube.com/user/AltoAdigeCultura
  • Lunedì 21 Dic 2020
    Dipinti ad olio di piccolo formato Si vede che soprattutto nelle sue ultime tele Jette Christiansen è capace di creare con la natura morta un’atmosfera rarefatta, magica, estraniante: “natura morta” qui è l’espressione adatta, perché si tratta infatti di una realtà estratta dalla natura, di una messa in scena di oggetti combinati per contrastarsi o sovrapporsi come concetti, o rafforzarsi tra di loro. Il messaggio che ci viene trasmesso è dunque quello della transitorietà, proprio in senso barocco – simbologia perenne e ben chiara a tutti, che soltanto cerchiamo di bandire dal nostro immaginario attuale. È questa la chiave di lettura delle composizioni sapienti della pittrice che sembrano così facili da capire: simbolica, ad effetto surreale. Paul Klee : “L’arte non riproduce il visibile, ma rende visibile”. Edith Moroder