corsi e percorsi banner inside GIUSTO

Mostra Itinerante: Premio Architettura Alto Adige 2019 - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Il premio architettura dell’Alto Adige, che viene organizzato ogni anno dalla Fondazione Architettura Alto Adige, premia e presenta degli edifici realizzati nella nostra Provincia che spiccano per l’idea e per la costruzione coerente; opere di buon esito realizzate con tecnologie innovative o tradizionali che collegano l’architettura con il paesaggio, i proprietari della costruzione con la società.

La giuria internazionale del premio architettura Alto Adige 2019 scelse 26 progetti, di cui ne estrapolò sette nelle seguenti categorie: costruzioni pubbliche, abitazioni, costruzioni per il lavoro e il turismo, spazio pubblico e infrastrutture, realizzazione di ambienti interni, costruzioni con architetture antiche, esporto.

Tutti i progetti scelti dalla giuria vengono esposti in una mostra itinerante curata dagli architetti Flaim Prünster & Studio Mut. La mostra dà un quadro generale dell’architettura contemporanea in Alto Adige, che è apprezzata anche oltre i confini della Provincia. Anche nel Circolo Artistico e Culturale di Ortisei si potranno ammirare i miglior progetti consegnati, tra l‘altro anche il progetto per la cantina di vino nuova „Elena Walch“ dell’architetto di Ortisei David Stuflesser, che fu premiato nella categoria costruzioni per il lavoro e il turismo.

All’apertura il 14. 12. si potrà sentire l’introduzione dell‘arch. Igor Comploj e del sindaco di Ortisei dr. Tobia Moroder. Cornice musicale: Ariel Trettel, Andreas Mayr Kondrak e Marion Moroder.

Tags

Contatti :

  • Organizzatore : Kreis für Kunst und Kultur
  • Location : Circolo artistico e culturale
  • Indirizzo : Piazza S. Antonio 102, Ortisei, BZ
  • Telefono : 0471 796046
  • Email : info@circolo.eu
  • Sito Web : www.circolo.org

Date e orari evento :

Sabato 14 Dic 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Sabato 08 Feb 2020
    Frequenta l'istituto d'arte “Cademia” a Ortisei – Val Gardena, di seguito studia all'Accademia d'Arte di Firenze. Negli anni '70 lavora come insegnate d'arte e artista a Bressanone, in questi anni si dedica soprattutto a manifestazioi artistiche di protesta socio-politiche e di critica sociale, film, video e installazioni. Dal 1980 al 1989 è curatore del Circolo Artistico di S.Erardo a Bressanone. Da quando l'artista si è ritirato dalla vita pubblica, ha iniziato a dedicarsi nuovamente alla modellistica, lavorando soprattutto con la terracotta. Negli ultimi anni, Manfred si è dedicato intensamente alla combinazione e alla fusione della scultura preistorica e quella contemporanea. Le creazioni di Mureda sono sempre una parte, un frammento di un racconto, l'artista lascia libero spazio all'interpretazione dell'osservatore, i suoi lavori non giungono mai a una conclusione definitiva, continuando il percorso in uno spazio senza tempo definito. Manfred e la sua terracotta sono un tutt'uno, una simbiosi, intensa e delicata nello stesso spazio.
  • Sabato 08 Feb 2020
    Frequenta l'istituto d'arte “Cademia” a Ortisei – Val Gardena, di seguito studia all'Accademia d'Arte di Firenze. Negli anni '70 lavora come insegnate d'arte e artista a Bressanone, in questi anni si dedica soprattutto a manifestazioi artistiche di protesta socio-politiche e di critica sociale, film, video e installazioni. Dal 1980 al 1989 è curatore del Circolo Artistico di S.Erardo a Bressanone. Da quando l'artista si è ritirato dalla vita pubblica, ha iniziato a dedicarsi nuovamente alla modellistica, lavorando soprattutto con la terracotta. Negli ultimi anni, Manfred si è dedicato intensamente alla combinazione e alla fusione della scultura preistorica e quella contemporanea. Le creazioni di Mureda sono sempre una parte, un frammento di un racconto, l'artista lascia libero spazio all'interpretazione dell'osservatore, i suoi lavori non giungono mai a una conclusione definitiva, continuando il percorso in uno spazio senza tempo definito. Manfred e la sua terracotta sono un tutt'uno, una simbiosi, intensa e delicata nello stesso spazio.