banner inside pecore2020 IT

Dino Messina - Italiani due volte - Pubblicato da Azienda di Soggiorno di Bolzano

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Sono italiani due volte i trecentomila che in un lungo esodo durato oltre vent'anni dopo la Seconda guerra mondiale lasciarono l'Istria, Fiume e Zara. Erano nati italiani e scelsero di rimanere tali quando il trattato di pace del 10 febbraio 1947 assegnò quelle regioni alla Jugoslavia comunista del maresciallo Tito. A rievocare una storia a lungo trascurata del nostro Novecento è un'inchiesta originale e serrata dove al racconto dei fatti Dino Messina accompagna le testimonianze inedite dei parenti delle vittime della violenza titina e di chi bambino lasciò la casa natale senza la speranza di potervi tornare.

Moderatore: Sandra Bortolin

Contatti :

  • Organizzatore : Azienda di Soggiorno di Bolzano
  • Location : Sala di rappresentanza del Comune
  • Indirizzo : Vicolo Gumer 7, Bolzano, BZ
  • Email : events@bolzano-bozen.it

Date e orari evento :

Venerdì 06 Dic 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 06 Ago 2020
    Barbara Gamper “Becoming Otherwise (hot pink triangles and holes, or how to become woman?)” La facciata mediale di Museion torna a illuminarsi con il video Becoming Otherwise, un nuovo progetto dell’artista Barbara Gamper. Le proiezioni sono parte della mostra “unlearning categories”, che presenta oltre sessanta opere di artisti e artiste del territorio dalle collezioni della Provincia, Ripartizione cultura tedesca. Il video pensato da Barbara Gamper per la facciata è l’attivazione in chiave performativa dalla sua installazione attualmente esposta in mostra, composta da un grande arazzo e una serie di immagini colorate -icone applicate alla vetrata dello spazio espositivo, visibili anche dall’esterno. In un suggestivo gioco di contatti e compenetrazioni, tra astrazione e figurazione, il video mostra l’arazzo nei suoi dettagli e in relazione al corpo dell’artista. Una mano che cerca, una bocca che si spalanca, un torace che respira emergono da pieghe e strati di tessuto, che con i loro colori “rivestono” la grande superficie della facciata. Ogni frame del video è accompagnato dal gesto del disegno, dall’atto del tracciare linee e forme che rimandano all’arcaico come la raffigurazione rupestre di un corpo metà donna e metà animale, divinità del passato trasportata nel presente digitale. A collegare ogni passaggio e sottolineare l’azione del fluire, sono parte del video anche le immagini dell’acqua del fiume Talvera, che scorre davanti al museo. La grande superficie della facciata di Museion restituisce così il dinamismo della continua mutazione messa in atto dall’artista, proiettandolo sullo spazio urbano. A cura di Frida Carazzato, Museion, in collaborazione con BAU (Lisa Mazza e Simone Mair)
  • Martedì 04 Ago 2020
    Diego Coelli, psicoterapeuta. L’Europa come tanti altri luoghi è il risultato di connessioni in cui sono presenti visioni e linguaggi molteplici. Ciò è il risultato di flussi che ancora oggi continuano a confluire nello spazio europeo generando ininterrottamente mutamenti e innovazioni in diversi contesti, fra cui anche nell’ambito culturale, letterario e artistico. E’ sempre più necessario acquisire maggiore consapevolezza che i cambiamenti non solo rappresentano una trasformazione dentro la società, ma di fatto cambiano profondamente la società. Gli attori impegnati in diversi ambiti del territorio sono sempre più consci dei notevoli cambiamenti nello scenario attuale e della urgenza di definire inediti itinerari per un domani di coesione e convivenza. L’iniziativa propone dei percorsi di riflessione aperti a tutta la cittadinanza finalizzati all’esercizio di un libero confronto. Si vuole creare delle opportunità in cui si intrecciano molteplici voci di diverse provenienze e di differenti competenze al fine di condividere varie sensibilità e incrociare i molteplici punti di vista. Conferenze gratuite - iscrizione obbligatoria
  • Giovedì 06 Ago 2020
    Nuovi scorci ed un viaggio in epoche lontane: Li offre una passeggiata nel centro storico di Bolzano in compagnia di un geologo, organizzata dal Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige. Il materiale da costruzione usato per lastricare strade o per costruire o decorare palazzi, in ogni paese o città, proviene sempre dai dintorni e racconta quindi il passato di quel territorio. Solo i più abbienti potevano sostenere le spese di trasporto di materiale proveniente da lontano, che diventava un segno del loro prestigio. È stato così anche a Bolzano? E quali messaggi trasmettono questi materiali al giorno d’oggi? Benno Baumgarten è geologo al Museo di Scienze Naturali dell‘Alto Adige e risponderà a queste domande in occasione dell’escursione guidata “Esplorazioni geologiche in città”, che si terrà giovedì, 16 luglio dalle ore 17 alle ore 19 ed il 6 agosto alla stessa ora e si tiene in lingua italiana e tedesca. Punto d’incontro al Museo di Scienze Naturali in via Bottai 1 a Bolzano. È necessario prenotarsi al numero di telefono 0471/412964 (mar – dom, ore 10 – 18). L’escursione verrà annullata in caso di pioggia. Prezzo: 6,50 € Adulto 5,00 € Ridotto 14,00 € Biglietto famiglia Gratis: Bambini fino ai 6 anni