corsi e percorsi banner inside GIUSTO

Dino Messina - Italiani due volte - Pubblicato da Azienda di Soggiorno di Bolzano

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Sono italiani due volte i trecentomila che in un lungo esodo durato oltre vent'anni dopo la Seconda guerra mondiale lasciarono l'Istria, Fiume e Zara. Erano nati italiani e scelsero di rimanere tali quando il trattato di pace del 10 febbraio 1947 assegnò quelle regioni alla Jugoslavia comunista del maresciallo Tito. A rievocare una storia a lungo trascurata del nostro Novecento è un'inchiesta originale e serrata dove al racconto dei fatti Dino Messina accompagna le testimonianze inedite dei parenti delle vittime della violenza titina e di chi bambino lasciò la casa natale senza la speranza di potervi tornare.

Moderatore: Sandra Bortolin

Contatti :

  • Organizzatore : Azienda di Soggiorno di Bolzano
  • Location : Sala di rappresentanza del Comune
  • Indirizzo : Vicolo Gumer 7, Bolzano, BZ
  • Email : events@bolzano-bozen.it

Date e orari evento :

Venerdì 06 Dic 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 24 Gen 2020
    Una cooperazione con il Künstlerforum di Bonn Leonhard Angerer (IT) | Darja Eßer (DT) | Sibylle Feucht (DT) | Christine Gallmetzer (IT) | Thomas Grandi (IT) | Annegret Heinl (DT) | Hubert Kostner (IT) | Susanne Krell (DT) | Martine Metzing-Peyre (DT) | Sissa Micheli (IT) | Jindeok Choi (DT) | Elisabeth Oberrauch (IT) | Anuschka Prossliner (IT) | Karin Schmuck (IT) | Karl Theo Stammer (DT /IT) | Sukyung Kim (DT) | Lukas Thein (DT) Nell’ambito di due appuntamenti espositivi (il primo organizzato nel 2019 a Bonn), questa cooperazione artistica tocca le tematiche del viaggio e della natura in linea con l’approccio di Alexander von Humboldt. “Tutto è interazione e reciprocità”, scriveva il genio eclettico, esploratore, naturalista e cosmopolita. La mostra si riallaccia sotto molti versi al grande studioso e al suo pensiero che, anche ad oltre due secoli di distanza, non cessa di essere di attualità. L’iniziatore dello scambio internazionale è Karl-Theo Stammer di cui l’Alto Adige è divenuta seconda patria. Analogamente al Sudtirolo, anche la sua Renania è sempre stata zona di transito e, soprattutto in virtù dell’attrattiva turistica, gode oggi di un alto grado di notorietà. Il Südtiroler Künstlerbund, impegnato da ormai tre generazioni a promuovere progetti culturali e giovani talenti, incoraggia al pari del Künstlerforum di Bonn anche la cooperazione internazionale. Su questo sfondo il tema del viaggio è quanto mai ovvio e parimenti complesso, coniuga aspetti positivi come l’ampliamento dell’orizzonte culturale e ripercussioni negative derivanti dall’odierna mobilità. Contributi grafici di Karl Theo Stammer e Anuschka Prossliner rimandano alla natura esplorativa di Humboldt, solito disegnare e tenere diari di viaggio. Elisabeth Oberrauch rilega libri, spennellandovi acquerelli durante i suoi viaggi. Ma anche riferimenti più remoti al grande studioso generano, nella mostra, una varietà di associazioni che ne riportano il pensiero nell’attualità del XXI secolo: la ricercatrice figurativa Christine Gallmetzer indaga con la sua pittura le condizioni del raffigurare. Sulla stessa linea, anche Thomas Grandi che, come la collega, assume in prima persona il ruolo di esploratore. Un altro complesso di temi toccato dalla mostra è quello del viaggiare inteso come incontro, scoperta ed esperienza, come nelle creazioni di Hubert Kostner e Karin Schmuck. Ricorrendo a strumenti e media diversi e muovendo da punti di partenza differenti, artiste ed artisti trattano la tematica sulla scorta del proprio personale vissuto assumendo la posizione di osservatore, come ben emerge nelle fotografie di confine di Leo Angerer o nelle proiezioni di Sissa Micheli. Gli incontri di Bolzano e Bonn, richiamandosi sotto molteplici aspetti alla storia, promuovono dibattiti e confronti attuali offrendo, sul futuro, spunti di riflessione che si riallacciano al passato.
  • Mercoledì 29 Gen 2020
    Vivi, lavori o studi a Bolzano? Abbiamo bisogno del tuo aiuto! Su incarico del Comune di Bolzano, il Center for Advanced Studies di Eurac Research sta svolgendo il progetto di ricerca "MyBZ - Bolzano in movimento". L'obiettivo del progetto è quello di scoprire di quali elementi è composta l'identità urbana di Bolzano, cosa la rende attrattiva e in quale direzione si deve sviluppare in futuro. Quali sono gli aspetti che rendono Bolzano unica per i residenti, i pendolari e i visitatori? I nostri eventi L'opinione della comunità è un fattore chiave in questo processo. Ti invitiamo quindi a un laboratorio creativo, dove potrai lavorare letteralmente con le tue mani alla visione di Bolzano. 29.01.2020 | Laboratorio II Biblioteca Firmian, piazza Maria Montessori 8 Orario: dalle 17.30 fino alle 20 Puoi confermare la tua presenza agli eventi a questo link: https://opinio.eurac.edu/s?s=6497
  • Giovedì 28 Mag 2020
    Orchestra Filarmonica dei Conservatori di Bolzano e Trento Emir Saul, direttore AARON COPLAND : El Salon Mexico OTTORINO RESPIGHI : I pini di Roma Il 28 maggio l'orchestra del Conservatorio, diretta dal suo celebre direttore argentino Emir Saul, eseguirà "El Salon Mexico" del compositore americano Aaron Copland (1900-1990), un'opera sinfonica orchestrale probabilmente poco conosciuta da noi. Nel lavoro composto nel 1936, del cui successo fu artefice Arturo Toscanini, viene ampiamente elaborata musica popolare messicana. Il poema sinfonico "I Pini di Roma" di Ottorino Respighi del 1924 è uno dei lasciti musicali più famosi del compositore.