generazioni banner inside carozzi+zukar

Esperienza a piedi nudi. Lezione sulla salute - Pubblicato da HelloWorld2017

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Conferenza sulla salute in collaborazione con il Comitato per l'istruzione Rio di Pusteria

Perché i bambini spesso si tolgono le scarpe e vogliono essere scalzi. Perché Albert Einstein era spesso a piedi nudi. Come i bambini a piedi nudi possono sviluppare appieno il loro potenziale cognitivo ed emotivo.

Christian Schwarze, professionista a piedi nudi di Düsseldorf, ci invita a ripensare la salute. I bambini vengono messi nelle scarpe troppo presto, perché spesso non si sa meglio di noi. Quali conseguenze negative ciò può avere sullo sviluppo della salute e con quali meccanismi vitali può andare più sano e comunque più sicuro per i nostri bambini è dimostrato scientificamente fondato e praticamente sulla base delle proprie esperienze.



19.00, sala dei vigili del fuoco, via Mathias-Perger 5, 39037 Rio di Pusteria

Ingresso gratuito grazie al Comitato per l'educazione del Rio di Pusteria.

A proposito di Christian Schwarze: responsabile dell'educazione alla salute e alle scienze dei piedi nudi, promotore dell'iniziativa volontaria Düsseldorf/Südtirol BARFUSS DURCHS LEBEN, che si impegna per l'educazione orientata alla natura degli alunni delle scuole. Nel 2018, con l'aiuto del suo compagno di cordata Lorenz Gelius-Laudam, Christian ha potuto attraversare l'Ortles a piedi nudi in tre giorni. Durante la lezione verrà mostrato un estratto del tour dell'Ortler a piedi nudi.



Con il ricavato dell'escursione Christian sostiene gli asili forestali dell'Alto Adige, mentre questa volta il ricavato va al gruppo di avventura forestale di Vipiteno:https://docdro.id/lRXzrXd



Domenica 6 ottobre, alle ore 10:15, avrà luogo una camminata a piedi nudi e decelerata. Inizio: Church Spinges. Maggiori informazioni: https://barfuss-atemwanderung.muehlbach.eventbrite.de



Contatto: barfusslaufen@zoho.com



Volantino Scarica qui: https://docdro.id/MnFqQ9C

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 03 Ott 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni 7 giorni fino a Gio 31 Ott 2019
    La Hofburg, già sede dei principi vescovi di Bressanone, ospita il Museo Diocesano che conserva presziose testimonianze della scultura e pittura medievale e barocca. Il percorso della visita guidata include anche il Tesoro del Duomo e le sontuose sale degli appartamenti con stufe di maiolica e mobili storici.
  • Giovedì 24 Ott 2019
    I bambini amano i libri e questo già nei loro primi mesi di vita. I genitori e tutti gli interessati potranno scoprire nel corso della Giornata delle biblioteche 2019, giovedì 24 ottobre alle ore 16.00, nella Biblioteca Civica di Vipiteno, il motivo per questa bibliofilia naturale e come i più piccoli possono familiarizzare il prima possibile con i libri. Oltre a interessanti nozioni relative alla lettura a voce alta, Vi aspettano anche consigli su libri, ombre cinesi e rime, che non divertiranno solo i più piccoli (manifestazione in lingua tedesca). Venerdì 25 ottobre, alle ore 10.00, avrà luogo la manifestazione „Leggo sul tuo viso“ in lingua italiana, sempre dedicata al gruppo d‘età 0+. Si prega di confermare la partecipazione chiamando il 0472 723760 o scrivendo una mail a biblioteca@vipiteno.eu. L’entrata è libera.
  • Sabato 26 Ott 2019
    Rincorrere il sogno, trasformare la passione Lo scrittore cadorino Francesco Vidotto ama autodefinirsi scrittore di libri di montagna perché la montagna ha caratterizzato la sua vita fin dalla nascita. E la montagna è il filo conduttore dei suoi romanzi, dal primo “Il selvaggio” passando per “Signore delle Cime”, “Siro” , “Zoe”, “Oceano”, “Fabro”, “Meraviglia”. Ha cominciato a pubblicare nel 2005 su consiglio del regista Pupi Avati e dello scrittore Mauro Corona. Ama scrivere storie e raccontare, tra realtà e finzione, quelle degli ultimi che nei suoi libri acquisiscono una dignità nuova. Ha cercato a lungo la sua inclinazione fino a comprendere che voleva scrivere, lasciando un lavoro gratificante per tornare in montagna dove “non esiste competizione. Amore piuttosto. Amore e la paura di rimanerne ucciso da questo sentimento senza confine. Nient’altro”.