generazioni banner inside carozzi+zukar

Inaugurazione: Gehard Demetz - Introjekt - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Nella psicanalisi l´introiezione è il processo inverso della proiezione, ovvero vengono assimilate opinioni, idee, motivazioni o comportamenti estranee al proprio ego. Con ciò non sono intese forme legittime di apprendimento, ma atteggiamenti imitativi di aspetti che di per sé non fanno parte del proprio ego e che servono per esempio come difesa contro sentimenti di inferiorità (Stangl 2019).

Attraverso il ricomporsi – amalgamarsi di due o più “personalità” nasce una forma autonoma. Vengono disciolte due (o più) storie, nasce una scultura di per sé indipendente. La parte storica, emotiva viene parzialmente persa.
Nella scultura “21 grams” vengono disciolte la religiosità di Ganesh e l´infantilità di un bimbo attraverso la fusione delle due figure. Il risultato non può neanche più essere visto come una figurazione.

Gehard Demetz (Bolzano 1972) vive e lavora a Selva (BZ), dove ha studiato presso l’Istituto d’Arte per poi continuare, presso la stessa scuola, a studiare scultura. Dopo un tirocinio con Matthias Resch, Demetz si è laureato nel 1995.
Nel 2000-2001 per proseguire la sua formazione ha trascorso le estati presso l’Accademia Internazionale di Salisburgo studiando con diversi docenti.
Dal 1996 lavora come insegnante di scultura presso la scuola professionale per scultori a Ortisei. Decide di interrompere la sua attività di insegnante per potersi dedicare esclusivamente al proprio lavoro nel 2007.
Nel 2005 incomincia a lavorare con la galleria Rubin di Milano. Un articolo di Demetz nel giornale “Herald Tribune“ lo porta a fare la sua prima mostra in America nel 2009 presso la galleria Greenberg – Van Doren. Nel 2010 inizia la collaborazione con la galleria Beck & Eggeling di Düsseldorf.
Jack Shainman Galleria ha iniziato a lavorare con Demetz nel 2011. Jack Shainman diventa la “First gallery“ di Demetz. Jack lo espone a diverse fiere internazionali come Art Basel, Miami, Armory Show NY, Frieze New York NY. Nel 2017 la terza mostra personale presso lo spazio di Jack Shainman a Chelsea a NY dopo “Treshold space” e “Invocation “.
Dal 2011 ci sono state diverse mostre museali come Kunstmuseum Mühlheim an der Ruhr, Kunstmuseum Bochum, National Academy Museum, MOCA Virginia Museum of Contemporary Art, Akron Art Museum, Crocker Museum Sacramento, MACRO Roma e Museo Palazzo Ducale di Mantova

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 27 Set 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 24 Ott 2019
    I bambini amano i libri e questo già nei loro primi mesi di vita. I genitori e tutti gli interessati potranno scoprire nel corso della Giornata delle biblioteche 2019, giovedì 24 ottobre alle ore 16.00, nella Biblioteca Civica di Vipiteno, il motivo per questa bibliofilia naturale e come i più piccoli possono familiarizzare il prima possibile con i libri. Oltre a interessanti nozioni relative alla lettura a voce alta, Vi aspettano anche consigli su libri, ombre cinesi e rime, che non divertiranno solo i più piccoli (manifestazione in lingua tedesca). Venerdì 25 ottobre, alle ore 10.00, avrà luogo la manifestazione „Leggo sul tuo viso“ in lingua italiana, sempre dedicata al gruppo d‘età 0+. Si prega di confermare la partecipazione chiamando il 0472 723760 o scrivendo una mail a biblioteca@vipiteno.eu. L’entrata è libera.
  • Mercoledì 30 Ott 2019
    Gespräche im Keller, Teil 1: Frauenrollen In Zusammenarbeit mit der oew-Organisation für Eine solidarische Welt startet die Dekadenz eine Gesprächsreihe zu brennenden gesellschaftlichen Themen. In den alten Gemäuern der Kleinkunstbühne stellen verschiedene Expert*innen ihre Gedanken zum jeweiligen Thema vor und laden die Gäste zum Mitdenken und Mitreden ein. Künstlerische Impulse ergänzen den Gesprächsstoff. Im ersten Teil der Diskussionsreihe geht es um Opfermythen und Ermächtigungsstrategien: Woran liegt es, dass Frauen und Männer nach wie vor sozial, wirtschaftlich und politisch nicht gleichauf sind? Welche Auswege gibt es und zu welchen Mitteln müssen Frauen greifen, um sich selbst zu bemächtigen? Welchen Beistand kann ihr Umfeld leisten? Wir machen uns „Ans Eingemachte!“ und reden über die Funktion von Vorbildern, Sprachmacht, Befreiungskämpfe (und was aus ihnen geworden ist), Quoten und Umverteilungen.
  • Sabato 26 Ott 2019
    Rincorrere il sogno, trasformare la passione Lo scrittore cadorino Francesco Vidotto ama autodefinirsi scrittore di libri di montagna perché la montagna ha caratterizzato la sua vita fin dalla nascita. E la montagna è il filo conduttore dei suoi romanzi, dal primo “Il selvaggio” passando per “Signore delle Cime”, “Siro” , “Zoe”, “Oceano”, “Fabro”, “Meraviglia”. Ha cominciato a pubblicare nel 2005 su consiglio del regista Pupi Avati e dello scrittore Mauro Corona. Ama scrivere storie e raccontare, tra realtà e finzione, quelle degli ultimi che nei suoi libri acquisiscono una dignità nuova. Ha cercato a lungo la sua inclinazione fino a comprendere che voleva scrivere, lasciando un lavoro gratificante per tornare in montagna dove “non esiste competizione. Amore piuttosto. Amore e la paura di rimanerne ucciso da questo sentimento senza confine. Nient’altro”.