generazioni banner inside evento pittis ok

Zenith - Stufels Art Festival - Pubblicato da Dandelion

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Evento all’insegna dell’arte, della musica e dell'incontro tra il verde dei giardini Rapp a Bressanone. Questo evento nasce dall’idea di dare una possibilità a giovani creativi che hanno voglia di condividere il loro talento con un pubblico più ampio e per fare incontrare persone di ogni età.

Contatti :

Date e orari evento :

Sabato 24 Ago 2019

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 27 Set 2019
    Nella psicanalisi l´introiezione è il processo inverso della proiezione, ovvero vengono assimilate opinioni, idee, motivazioni o comportamenti estranee al proprio ego. Con ciò non sono intese forme legittime di apprendimento, ma atteggiamenti imitativi di aspetti che di per sé non fanno parte del proprio ego e che servono per esempio come difesa contro sentimenti di inferiorità (Stangl 2019). Attraverso il ricomporsi – amalgamarsi di due o più “personalità” nasce una forma autonoma. Vengono disciolte due (o più) storie, nasce una scultura di per sé indipendente. La parte storica, emotiva viene parzialmente persa. Nella scultura “21 grams” vengono disciolte la religiosità di Ganesh e l´infantilità di un bimbo attraverso la fusione delle due figure. Il risultato non può neanche più essere visto come una figurazione. Gehard Demetz (Bolzano 1972) vive e lavora a Selva (BZ), dove ha studiato presso l’Istituto d’Arte per poi continuare, presso la stessa scuola, a studiare scultura. Dopo un tirocinio con Matthias Resch, Demetz si è laureato nel 1995. Nel 2000-2001 per proseguire la sua formazione ha trascorso le estati presso l’Accademia Internazionale di Salisburgo studiando con diversi docenti. Dal 1996 lavora come insegnante di scultura presso la scuola professionale per scultori a Ortisei. Decide di interrompere la sua attività di insegnante per potersi dedicare esclusivamente al proprio lavoro nel 2007. Nel 2005 incomincia a lavorare con la galleria Rubin di Milano. Un articolo di Demetz nel giornale “Herald Tribune“ lo porta a fare la sua prima mostra in America nel 2009 presso la galleria Greenberg – Van Doren. Nel 2010 inizia la collaborazione con la galleria Beck & Eggeling di Düsseldorf. Jack Shainman Galleria ha iniziato a lavorare con Demetz nel 2011. Jack Shainman diventa la “First gallery“ di Demetz. Jack lo espone a diverse fiere internazionali come Art Basel, Miami, Armory Show NY, Frieze New York NY. Nel 2017 la terza mostra personale presso lo spazio di Jack Shainman a Chelsea a NY dopo “Treshold space” e “Invocation “. Dal 2011 ci sono state diverse mostre museali come Kunstmuseum Mühlheim an der Ruhr, Kunstmuseum Bochum, National Academy Museum, MOCA Virginia Museum of Contemporary Art, Akron Art Museum, Crocker Museum Sacramento, MACRO Roma e Museo Palazzo Ducale di Mantova
  • Giovedì 10 Ott 2019
    Sin dagli anni ‘90, Rainer Ploner si dedica alla pittura. La sua tecnica preferita è l’acquarello, sebbene il suo lavoro sia caratterizzato anche da paesaggi di grande formato in acrilico e olio. Già da decenni ama osservare uccelli e animali selvatici nel loro habitat naturale e in particolare, è affascinato dai tetraonidi. Questa mostra presenta una serie di motivi di avifauna, realizzati con la sensibilità dell’acquarello. Le opere sono contraddistinte da una delicata varietà cromatica, ma anche da consistenze più intense che danno addirittura origine a una sensazione tattile. Nulla distrae lo sguardo dell’osservatore dall’animale raffigurato. La rappresentazione parzialmente frammentaria e lo sfondo bianco stimolano i nostri pensieri, lasciando così intuire l’essenza “animale”. Rainer Ploner, nato ad Aldino nel 1970, lavora da oltre 15 anni per il Servizio Forestale della Provincia di Bolzano. Membro degli Unterlandler Freizeitmaler (pittori amatoriali della bassa atesina, ndt), ha esposto le sue opere in svariate mostre in Alto Adige e oltre i suoi confini. Tutti gli interessati sono invitati al vernissage, che si terrà giovedì 10 ottobre alle 18.30. Introdurrà la serata Reinhard Ploner, mentre l’intrattenimento musicale sarà a cura di Rupert Ploner e Sophia Andrich. La mostra potrà essere visitata fino al 10 gennaio 2020. Informazioni più dettagliate possono essere richieste a Elisabeth Frei, tel. 0471 655 550.
  • ogni 7 giorni fino a Gio 31 Ott 2019
    La Hofburg, già sede dei principi vescovi di Bressanone, ospita il Museo Diocesano che conserva presziose testimonianze della scultura e pittura medievale e barocca. Il percorso della visita guidata include anche il Tesoro del Duomo e le sontuose sale degli appartamenti con stufe di maiolica e mobili storici.