banner inside 01 it

Manuel Resch & Maximilian Maria Willeit Beachparty - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

Tags

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 08 Mar 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi
  • Mer 20 Febbraio, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Gio 21 Febbraio, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Ven 22 Febbraio, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Mar 26 Febbraio, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Mer 27 Febbraio, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Gio 28 Febbraio, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Ven 01 Marzo, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Mar 05 Marzo, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Mer 06 Marzo, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Gio 07 Marzo, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00
  • Ven 08 Marzo, 201910:00-13:00 | 14:00 - 18:00

Note sugli orari :

+ Do/gio h. 18:00 - 20:00

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Gio 28 Feb 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Opere d’arte, mito e prestazioni atletiche, giochi e discipline sportive in un percorso narrato attraverso immagini virtuali e opere reali. Percorso multimediale ed espositivo dedicato ai temi di arte e sport, dal contemporaneo all’antichità. La proiezione circolare, le postazioni interattive, il tour in realtà virtuale del Museo Archeologico di Napoli e un videogame per smartphone/tablet ripercorrono oltre venti secoli di atletismo e arte attraverso i momenti più appassionanti di questo binomio. In prestito dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è esposta la statua bronzea del I secolo a.C. “Corridore o lottatore”.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 09 Mar 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Jasmine Deporta riflette su ciò che la circonda, sulle relazioni ed è una riflessione personale sulla brama, la paura e soprattutto l’identità. Lavorando principalmente con pellicola analogica, cattura i momenti introspettivi nella sua personale visione della realtà. Le origini di Deporta come fotografa derivano dai primi tentativi di catturare la sua vita di tutti i giorni, quando ricevette la sua prima fotocamera analogica all’età di nove anni. L’ingenuità che caratterizza l’esperienza dell’infanzia è ciò che rimane nella pratica di Jasmine fino ad oggi. Lavorare nel presente, lasciando spazio alla?coincidenza ed essere intuitivi fa parte del suo modus operandi e le dà la possibilità di cogliere realtà singolari nel modo più puro che esista. Deporta ama giocare con i contrasti. Nel suo lavoro sposta l’enfasi da ciò che è ignoto a ciò che è visibile, e viceversa. Questo risuona anche nel suo linguaggio visivo, che è femminile e morbido ma, allo stesso tempo, malinconico e illusorio. Le donne che appaiono nelle sue immagini sono spesso oscurate o, in qualche modo, nascoste alla vista, eppure la loro presenza irradia forza ed equilibrio. L’artista fonde gesti performativi, incontri intimi e simbolismi quotidiani in nuovi scenari e rivela immagini visive che preservano la naturale e cruda?onestà del soggetto. Di conseguenza le sue fotografie non sono solo veicoli di significato ma vere espressioni del desiderio. In ’11’ Jasmine Deporta mostra immagini di serie diverse. Abbinandole tra loro le inserisce in un dialogo di forme, colori, composizione, contenuto e gioca con l’immaginazione e la connotazione dello spettatore. Il titolo della mostra racchiude in sé lo strato personale del lavoro di Deporta in quanto si riferisce al suo giorno di nascita:?l’11.11. Jasmine Deporta (1989, Italia) è un’artista visiva multidisciplinare che lavora principalmente nel mondo della fotografia. Dopo i suoi studi di Design e Arte, e alcuni anni di esperienza artistica e lavorativa tra l’Italia e Berlino, attualmente sta seguendo il Master in Fotografia all’ECAL di Losanna, in Svizzera.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 21 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    A raccontare del soggiorno in rifugio, delle sue pietanze, dei gestori, dei dormitori con i materassi, del freddo, del tempo e della difficoltà nel raggiungere il rifugio, son bravi tutti. Questa mostra invece chiede che cos’hanno di speciale i rifugi e i sentieri alpini. Parla delle origini delle infrastrutture turistiche in alta montagna, dai primi semplici rifugi negli anni 1870 fino alle innovazioni tecnologiche e l’architettura contemporanea in montagna. La mostra è stata concepita in una collaborazione fra l’Alpenverein Südtirol e gli Alpenvereine di Austria e Germania.