inside 200

In alto! Sentieri e rifugi nelle Alpi - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

A raccontare del soggiorno in rifugio, delle sue pietanze, dei gestori, dei dormitori con i materassi, del freddo, del tempo e della difficoltà nel raggiungere il rifugio, son bravi tutti. Questa mostra invece chiede che cos’hanno di speciale i rifugi e i sentieri alpini. Parla delle origini delle infrastrutture turistiche in alta montagna, dai primi semplici rifugi negli anni 1870 fino alle innovazioni tecnologiche e l’architettura contemporanea in montagna. La mostra è stata concepita in una collaborazione fra l’Alpenverein Südtirol e gli Alpenvereine di Austria e Germania.

Tags

Contatti :

  • Organizzatore : Azienda di Soggiorno e Turismo Bolzano
  • Location : Museo Civico di Bolzano
  • Indirizzo : Via Cassa di Risparmio 14, Bolzano, BZ
  • Telefono : 0471 997960

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Dom 21 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Lun 14 Ott 2019
    dalla serie “UNDER PENALTY OF LAW”, 1995-2002 Etichette di vestiti, di magliette, giacche e altri indumenti cucite insieme su cotone compongono, come vivaci patchwork, le opere di Berty Skuber. L’artista altoatesina colleziona etichette dal 1995. Per Skuber l’etichetta è una sorta di opera in miniatura, nascosta all’interno di qualcosa di chiaramente visibile, l’abito. La presentazione dei lavori di Berty Skuber (Fié allo Sciliar, 1941) si inserisce nella serie di mostre al Cubo Garutti con opere dalla Collezione Museion dedicate al testo e alla parola. a cura di Frida Carazzato
  • ogni settimana fino a Sab 31 Ago 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    È con Polarità che la pittrice Jette Christiansen riassume la sua opera sinora realizzata. Opposizioni sono infatti l’elemento peculiare nei quadri di Jette Christiansen: l’oriunda Danese da molti anni vive nel Sudtirolo che in confronto pare come meridionale; scegliendo i suoi soggetti “oscilla” tra l’artificialmente disposto assemblaggio d’oggetti della natura morta e la paesaggistica naturalistica; a volte la sua scena è illuminata dai tremendi toni del grigio e del blu della fredda luce nordica, a volte invece da quei tenui toni del giallo aranciato del caldo sud. Ai quadri inondati di luce con ombre bizzarre s’accostano composizioni più cupe con accenti di luce ridotti. Jette Christiansen iniziò con la natura morta che da principio trattava del puro gusto nel colore e della loro materialità.Da sempre Christiansen adoperava paesaggi come sfondo della natura morta alienandoli però dalla loro “naturalezza”. Nel suo ultimo ciclo la pittrice ardì l‘approccio alla paesaggistica naturalistica: Groenlandia. Nella fredda e chiara luce grigiastra del nord dipinge il paesaggio del Mar Glaciale con le sue solcate scogliere glaciali. Attraverso la riproduzione dell’azzardato gioco di luci ed ombre questi quadri assumono notevole pienezza e densità e appaiono come astratti. Con questi ultimi quadri la pittrice ha rilasciato una chiara dichiarazione su provenienza e credo artistico.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 31 Ago 2019
    La mostra al secondo piano della Commenda di Longomoso è incentrata su dipinti ad olio ed istallazioni della giovane artista di Ortisei Sarah Solderer. Nata nel 1993, l’artista ha studiato alla scuola d´arte di Ortisei e all'accademia di Zurigo ed ha concluso i suoi studi nel 2017. Le sue opere sono già state esposte a Zurigo, Atene e all’Avana.