banner inside 01 it

EVA SCHÖFFEL - ITALY - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Nelle sue opere Eva Schöffel transita dalla superficie allo spazio. Le sue incisioni su linoleum e i suoi cutout focalizzano l’attenzione sulle strutture architettoniche, creando così un collegamento diretto con il contesto urbano. Come viene percepito lo spazio e quali sono le possibilità a nostra disposizione per rappresentarlo? Nelle sue opere paesaggi urbani e volumi edilizi prendono gradualmente forma, mentre nei cutout la rimozione tramite ritaglio di determinate forme crea ulteriore spazio. Attraverso la composizione rigorosa e il sapiente lavoro di taglio l’artista aggiunge, rimuovendo materiale, sempre qualcosa alle sue opere. Un elemento immateriale ed apparentemente invisibile, ma intimamente legato al ricordo di ciò che abbiamo visto.

Le sue incisioni su linoleum di piccolo formato, risalenti al 2016/17, sono contraddistinte dall’utilizzo parsimonioso del colore e delle forme. Queste ultime si presentano sotto forma di singole parole ordinate: then, west, here ecc. Sembra quasi che tutto ciò che Eva Schöffel non fa, tutto ciò che decide di omettere, sia comunque presente nell’opera, conferendole un nucleo enigmatico ed inesplicabile.

La fotografia rappresenta un ulteriore campo di indagine del suo agire creativo. Nella serie “Briefe” (“lettere” n.d.t.) Eva Schöffel lavora con immagini realizzate partendo da scritte. Singole parole, trascritte a mano su carta, o brani estrapolati da un testo, appaiono come frammenti di lettere in ansiosa attesa di una conclusione. Le frasi assomigliano a schegge di pensieri, domande rivolte a se stessi o messaggi diretti a persone immaginarie. Anche in questa serie il tema centrale ruota attorno alla percezione e all’essenza dell’oggetto stesso.

Ciò che, nel suo agire artistico, appare inizialmente semplice e chiaro, in un secondo momento è in grado di risvegliare in noi la meraviglia della sorpresa o la malinconia del ricordo. Si tratta di opere che, una volta catturata la nostra attenzione, non ci lasciano più andare.

Sin dalla fase di ideazione delle sue mostre Eva Schöffel tenta di ridefinire temporaneamente, attraverso una consapevole correlazione tra le opere installate, lo spazio assegnatole. L’idea architettonica si amplia fino a raggiungere ed inglobare quella relativa al suo commento artistico, dando così vita ad una nuova immagine spaziale.

Nata nel 1964 a Monaco / dal 1986 al 1993 studi presso l‘Accademia di belle arti di Monaco con il Prof. Norbert Prangenberg / 1991 studi presso l‘Ecole des Beaux Arts, Parigi / 1994 borsa di studio della Fondazione Erwin e Gisela von Steiner, Monaco / 1995 esordiente presso la BBK (Associazione professionale degli artisti di Monaco e della Baviera settentrionale / 1997 borsa di studio della Cité des Arts, Parigi / 2001 borsa di studio Kavalierhaus Langenarge.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Sab 23 Feb 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 28 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    In video, film e installazioni Keren Cytter (Tel Aviv, *1977, vive e lavora a New York) racconta come i cliché dei media, in particolare dei social media, permeano il nostro quotidiano. Attraverso una logica ciclica e non lineare, il suo approccio mina convenzioni linguistiche e meccanismi interpretativi tradizionali. Con un esplicito rimando ai video amatoriali, i suoi montaggi di impressioni, ricordi e fantasie danno vita a composizioni poetiche e autoreferenziali, con una predilezione per scene intense e dalla natura artificiale. A Museion Keren Cytter presenta un progetto sul tempo e sulle diverse fasi della vita. Opere esistenti saranno esposte insieme a nuovi lavori, come diversi disegni – alcuni sulle superfici in vetro delle facciate del museo – e un nuovo film d’animazione che mette in luce la sua attività di autrice di libri per bambini. Prima personale in un museo italiano A cura di Letizia Ragaglia In collaborazione con Center for Contemporary Art (CCA), Tel Aviv
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Gio 02 Mag 2019
    La mostra intende celebrare Jules Verne, protagonista dello scenario letterario ottocentesco, che fa sognare ancora oggi grandi e piccini con i suoi romanzi d'avventura.Attraverso i suoi racconti ambientati nell'aria, nello spazio e nel fondo dei mari, Verne ispirò scienziati e applicazioni tecnologiche delle epoche successive.Attraverso 8 isole “animate” e interattive si celebrano alcune delle opere più rappresentative del romanziere francese per una fruizione completa ed immersiva. Saranno infatti riprodotti alcuni degli ambienti ed elementi che hanno caratterizzato i suoi racconti, come ad esempio: la casa a vapore, il Nautilus di ventimila leghe, il Globus e molto altro ancora.Sono previsti laboratori didattici che introdurranno i bambini nel mondo avventuroso di Jules Verne.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 04 Mag 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Guido Guidi (* 1941 a Cesena) è noto come pioniere della fotografia paesaggistica e architettonica italiana. Influenzato dal Neo-realismo e dall’Arte Concettuale, fin dagli anni Settanta il suo lavoro si concentra principalmente sulle zone marginali, sui paesaggi e l'architettura della periferia, luoghi che non sono al centro della nostra attenzione. Nelle sue fotografie raccoglie tracce del passato e del presente, le sue opere raccontano la mutevolezza della nostra realtà nel tempo, come la trasformazione di città e paesaggi attraverso l'intervento umano. In questo contesto ha sviluppato un linguaggio visivo che riflette il nostro processo di cognizione visiva attraverso il mezzo della fotografia, mettendo in discussione la mutevolezza e la sensibilità della nostra stessa percezione. Dal 1960 in poi, Guido Guidi produce numerose serie fotografiche in cui documenta l’architettura modernista brutalista. La galleria foto-forum riunisce in un’unica mostra la presentazione di tre serie fotografiche selezionate, ovvero fotografie tratte da "The Atlantic Wall" (2005), un ampio progetto di ricerca fotografica e storico-architettonica intorno a una delle ultime grandi linee di difesa del XX secolo, i bunker lungo la costa atlantica del nord Europa, costruita dalle forze di occupazione tedesche negli anni 1941-1944. La mostra presenta anche le fotografie dell’edificio industriale Usine Claude-et-Duval in Francia (2003), costruito dal maestro dell'architettura moderna Le Corbusier nel 1951, l'unico edificio industriale progettato da Le Corbusier. Infine, una selezione di fotografie tratte dal progetto "La Tomba Brion" (1997-2007), la tomba dell'industriale Giuseppe Brion, importante opera architettonica dell'architetto Carlo Scarpa, realizzata tra il 1970 e il 1978 nel cimitero di San Vito di Altivole (Treviso), che Guido Guidi ha fotografato per un periodo di 10 anni. Le serie fotografiche presentate sono testimonianza di una visione rigorosa e chiara, ma allo stesso tempo spensierata e altamente poetica dell'architettura moderna. Sono immagini della memoria che si concentrano sul tema del tempo che passa, in cui la luce, il cambiamento di colore e il corso delle ombre segnano la progressione del giorno e delle stagioni. Allo stesso tempo, l'oggetto raffigurato acquisisce una monumentalità e immortalità uniche. Le opere possono essere lette come esempi della profonda comprensione di Guido Guidi per quanto riguarda l’interazione tra architettura e paesaggio, tra passato e presente, tra fragile transitorietà e monumentale eternità.