inside 200

EVA SCHÖFFEL - ITALY - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Nelle sue opere Eva Schöffel transita dalla superficie allo spazio. Le sue incisioni su linoleum e i suoi cutout focalizzano l’attenzione sulle strutture architettoniche, creando così un collegamento diretto con il contesto urbano. Come viene percepito lo spazio e quali sono le possibilità a nostra disposizione per rappresentarlo? Nelle sue opere paesaggi urbani e volumi edilizi prendono gradualmente forma, mentre nei cutout la rimozione tramite ritaglio di determinate forme crea ulteriore spazio. Attraverso la composizione rigorosa e il sapiente lavoro di taglio l’artista aggiunge, rimuovendo materiale, sempre qualcosa alle sue opere. Un elemento immateriale ed apparentemente invisibile, ma intimamente legato al ricordo di ciò che abbiamo visto.

Le sue incisioni su linoleum di piccolo formato, risalenti al 2016/17, sono contraddistinte dall’utilizzo parsimonioso del colore e delle forme. Queste ultime si presentano sotto forma di singole parole ordinate: then, west, here ecc. Sembra quasi che tutto ciò che Eva Schöffel non fa, tutto ciò che decide di omettere, sia comunque presente nell’opera, conferendole un nucleo enigmatico ed inesplicabile.

La fotografia rappresenta un ulteriore campo di indagine del suo agire creativo. Nella serie “Briefe” (“lettere” n.d.t.) Eva Schöffel lavora con immagini realizzate partendo da scritte. Singole parole, trascritte a mano su carta, o brani estrapolati da un testo, appaiono come frammenti di lettere in ansiosa attesa di una conclusione. Le frasi assomigliano a schegge di pensieri, domande rivolte a se stessi o messaggi diretti a persone immaginarie. Anche in questa serie il tema centrale ruota attorno alla percezione e all’essenza dell’oggetto stesso.

Ciò che, nel suo agire artistico, appare inizialmente semplice e chiaro, in un secondo momento è in grado di risvegliare in noi la meraviglia della sorpresa o la malinconia del ricordo. Si tratta di opere che, una volta catturata la nostra attenzione, non ci lasciano più andare.

Sin dalla fase di ideazione delle sue mostre Eva Schöffel tenta di ridefinire temporaneamente, attraverso una consapevole correlazione tra le opere installate, lo spazio assegnatole. L’idea architettonica si amplia fino a raggiungere ed inglobare quella relativa al suo commento artistico, dando così vita ad una nuova immagine spaziale.

Nata nel 1964 a Monaco / dal 1986 al 1993 studi presso l‘Accademia di belle arti di Monaco con il Prof. Norbert Prangenberg / 1991 studi presso l‘Ecole des Beaux Arts, Parigi / 1994 borsa di studio della Fondazione Erwin e Gisela von Steiner, Monaco / 1995 esordiente presso la BBK (Associazione professionale degli artisti di Monaco e della Baviera settentrionale / 1997 borsa di studio della Cité des Arts, Parigi / 2001 borsa di studio Kavalierhaus Langenarge.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Sab 23 Feb 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Dom 29 Set 2019
    “I funghi dell'Alto Adige”: 55esima rassegna micologica a cura dell'Associazione "Bresadola" diventata un appuntamento fisso per curiosi e appassionati. Lasciamoci guidare dal profumo dei moltissimi funghi freschi in esposizione per scoprire tutte le specie che crescono in settembre in Alto Adige. Ingresso libero In collaborazione con l’Associazione Micologica “Bresadola“
  • L'evento si terrà domani e ogni settimana fino a Dom 25 Ago 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Il progetto dell’artista norvegese è un invito a ripensare alla conquista del volo nella storia dell’uomo, identificando nel deltaplano lo strumento di questa utopia realizzata, al centro della sua recente ricerca improntata ai temi della sostenibilità e del cambiamento climatico. A cura di Alessandra Tempesti
  • ogni settimana fino a Dom 15 Set 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Haim Steinbach (*1944, Rehovot, Israele, vive e lavora a New York) è considerato uno degli artisti più influenti del nostro tempo. A oltre vent’anni dalla sua ultima grande esposizione in Italia, Museion presenta una sua mostra personale. Fin dall’inizio del suo percorso, Steinbach ha lavorato al concetto di display: la sua pratica si esprime attraverso la selezione, composizione e presentazione di oggetti della vita quotidiana. Al centro delle sue ricerche c’è inoltre il confronto contemporaneo con elementi chiave del modernismo come forma, colore e composizione. La mostra Every Single Day a Museion, realizzata in stretta collaborazione con l’artista, riflette queste ricerche e mette così in discussione sia le modalità di presentazione degli oggetti che il punto di vista di chi guarda. Il concetto del colore come elemento dinamico e in rapporto con lo spazio circostante è anche al centro di un nuovo lavoro concepito per Museion. A cura di Susanne Figner, Letizia Ragaglia