banner inside 01 it

La scuola nelle valli ladine - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Una mostra sulla scuola nelle valli ladine con la sua didattica plurilingue, che si è affermata nonostante tensioni etniche e ha raggiunto ottimi risultati.

Come è nato il modello scolastico plurilingue e paritetico in Val Gardena e Val Badia? Cosa è diventato nel corso degli anni? E quali sono le sue peculiarità? In occasione dei 70 anni dalla nascita del sistema scolastico ladino in provincia di Bolzano, il Museum Ladin Ciastel de Tor di San Martino in Badia gli dedica una mostra temporanea, dal titolo "Zacan y incö - La scuola nelle valli ladine", organizzata in collaborazione con la Direzione Istruzione, Formazione e Cultura ladina e curata dal direttore del museo Stefan Planker e da Katharina Moling.
L'obiettivo è far conoscere al grande pubblico anche fuori dalla Ladinia, e specialmente alle scolaresche, questa significativa realtà ancora poco nota, capace di garantire una formazione plurilingue nel rispetto della cultura ladina. La mostra lo fa raccontando le vicende della scuola ladina dagli albori ad oggi sulla scorta di documenti, immagini, oggetti ed elementi simbolici, nell'ambito di uno stimolante itinerario storico-didattico.
Sin dalle sue origini, nella realtà periferica delle valli ladine dolomitiche la scuola fu oggetto di conflitti e contrasti tra gli opposti nazionalismi italiano e tedesco. Le esigenze e i diritti della piccola minoranza locale non erano tenuti in particolare considerazione.
Solo a partire dal 1948 venne introdotto l'insegnamento curriculare del ladino, anche se per poche ore settimanali. L'adozione del modello paritetico, finalizzato a preservare l'equilibrio tra le lingue d'insegnamento italiana e tedesca, offriva per la prima volta un'opportunità di sviluppo anche alla lingua e alla cultura ladina. Una scelta che si rivelò vincente: nel corso degli ultimi settant'anni, infatti, si è affermata una didattica plurilingue unica nel suo genere, che ha permesso di ottenere ottimi risultati nelle diverse competenze scolastiche. Ciò nonostante l'avvio della scuola ladina non fu facile e dovette scontare le tensioni etniche che segnarono gli anni dell'immediato dopoguerra.
Una sezione della mostra è dedicata agli sviluppi didattici ed educativi che hanno caratterizzato la scuola ladina di ogni ordine e grado a partire dalla sua istituzione ad oggi. Essa richiama l'attenzione in particolare sulle buone pratiche dell'educazione plurilingue integrata, che fanno della scuola ladina un modello di riferimento per altre minoranze linguistiche.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Dom 31 Mar 2019 nei giorni di: Giovedi Venerdi Sabato

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Dom 20 Ott 2019
    Con le sue opere formalmente rigorose ma sempre diverse l’artista di origini greche attivo a Vienna Joannis Avramidis (1922-2016) viene annoverato, insieme al suo maestro Fritz Wotruba, tra i protagonisti della scultura austriaca del dopoguerra. La sua produzione artistica è coerentemente incentrata sulla figura umana come individuo ed essere sociale ed è caratterizzata da una concezione idealistica dell’uomo. La mostra al Museo civico di Brunico presenta una selezione di pitture, sculture e disegni incentrata sui suoi temi cardine: la figura umana e la testa. Partendo dallo studio della natura Avramidis cerca la formula oggettiva, la struttura e la regolarità del corpo umano che sta alla base di ogni individualità.
  • ogni giorno fino a Mar 09 Lug 2019
    Mostra fotografica nel parco di Valdaora di Mezzo riguardando il tema: Dolomiti patrimonio UNESCO. In collaborazione con l'Ufficio Parchi naturali. Ingresso libero!
  • ogni giorno fino a Mer 31 Lug 2019
    Per celebrare i primi 10 anni di DOLOMITI UNESCO a San Vigilio sarà allestita una mostra fotografica all'aperto, dedicata alle DOLOMITI della Val Badia. L’inaugurazione della mostra ‘Val Badia - Dolomiti UNESCO world heritage’ si terrà il giorno 27 giugno. Le 32 foto, in grande formato, sono state messe a disposizione dal Foto Club Val Badia.