banner inside 01 it

Keren Cytter - Mature content - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

In video, film e installazioni Keren Cytter (Tel Aviv, *1977, vive e lavora a New York) racconta come i cliché dei media, in particolare dei social media, permeano il nostro quotidiano. Attraverso una logica ciclica e non lineare, il suo approccio mina convenzioni linguistiche e meccanismi interpretativi tradizionali. Con un esplicito rimando ai video amatoriali, i suoi montaggi di impressioni, ricordi e fantasie danno vita a composizioni poetiche e autoreferenziali, con una predilezione per scene intense e dalla natura artificiale. A Museion Keren Cytter presenta un progetto sul tempo e sulle diverse fasi della vita. Opere esistenti saranno esposte insieme a nuovi lavori, come diversi disegni – alcuni sulle superfici in vetro delle facciate del museo – e un nuovo film d’animazione che mette in luce la sua attività di autrice di libri per bambini.
Prima personale in un museo italiano

A cura di Letizia Ragaglia

In collaborazione con Center for Contemporary Art (CCA), Tel Aviv

Tags

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 28 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
  • Gio 18 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Ven 19 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Sab 20 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Dom 21 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Mar 23 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Mer 24 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Gio 25 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Ven 26 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Sab 27 Aprile, 201910:00-18:00 |
  • Dom 28 Aprile, 201910:00-18:00 |

Note sugli orari :

Do/gio h. 10:00-22:00

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Mar 30 Apr 2019
    Assaggi d’Arte al femminile dell’Associazione Club Arcimboldo con l’Artista Laura Lodi “Fiori –Blumen”! L’Artista ha una grande passione per l’acquerello ed i suoi soggetti sono spesso i fiori in ogni loro forma e colore. L'acquerello è semplice e complicato allo stesso tempo, una pittura che richiede precisione, immediatezza e capacità: non si possono fare errori perchè non sono rimediabili. Negli ultimi anni Laura Lodi ha frequentato dei corsi tenuti da vari insegnanti ed è riuscita ad avere dei risultati molto soddisfacenti. Infatti le trasparenze e la freschezza cromatica che è riuscita ad ottenere nei suoi quadri sono evidenti e trasmettono emozioni a coloro che li ammirano. La mostra rimarrà aperta fino al 30 aprile 2019.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 21 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    A raccontare del soggiorno in rifugio, delle sue pietanze, dei gestori, dei dormitori con i materassi, del freddo, del tempo e della difficoltà nel raggiungere il rifugio, son bravi tutti. Questa mostra invece chiede che cos’hanno di speciale i rifugi e i sentieri alpini. Parla delle origini delle infrastrutture turistiche in alta montagna, dai primi semplici rifugi negli anni 1870 fino alle innovazioni tecnologiche e l’architettura contemporanea in montagna. La mostra è stata concepita in una collaborazione fra l’Alpenverein Südtirol e gli Alpenvereine di Austria e Germania.
  • ogni 6 settimane fino a Sab 04 Mag 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Temporary lovers PARASITE 2.0 23.03 - 04.05.2019 A cura di Emanuele Guidi Gli architetti Parasite 2.0 (Milano/Bruxelles) portano avanti una ricerca che da anni esplora il territorio tra ambiente selvaggio (wilderness) e habitat umano, producendo un campo semantico dove convergono l’Internet come ecosistema contemporaneo, i deserti biblici e il lascito della modernità, fino alle Zone Temporanee Autonome teorizzate da Hakim Bey. Proprio a partire da queste ultime Parasite 2.0 si concentrano, per la mostra presso ar/ge kunst, sulle forme di raduno, tracciando una linea di continuità che connette l’eredità degli architetti radicali, le esperienze dei free party e della cultura Rave, fino ad arrivare al clubbing e ai grandi festival contemporanei che occupano e capitalizzano l’immaginario degli spazi desertici e remoti. Parasite 2.0 individuano in queste esperienze transitorie un punto di vista produttivo attraverso cui interrogarsi sull’idea stessa di comunità temporanea, sul suo potenziale sovversivo che nasce e si consuma all’interno di temporalità determinate e intorno allo sviluppo di precise tecnologie e strumenti. Un immaginario fisico e digitale in cui consapevolmente risuonano le idee di fuga e isolamento, alienazione e autonomia, tribù, primitivo e futuro, animalità e post-umano. Con Temporary Lovers, Parasite 2.0 disegnano quindi una proposta che si muove tra l’installazione, lo stage-design e l’esperimento pedagogico, che ripensa i segni, i ritmi e gli strumenti di queste comunità. Temporary Lovers opererà come “classe temporanea” attivata da una serie di eventi pubblici e un workshop di 24 ore con gli studenti dello Studio Exhibit della facoltà di Arti e Design della Libera Università di Bolzano, che porterà alla modifica dell’installazione stessa. Un invito a vivere lo spazio attraverso il tempo e l’affettività; una chiamata ad entrare e trasformare un ambiente ripensando le relazioni tra soggetti e oggetti così come le gerarchie tra progetto e modi di abitare. Biografia Parasite 2.0 (Stefano Colombo, Vedano al Lambro (MB),1989; Eugenio Cosentino, Luino (VA), 1989; Luca Marullo, Catania, 1989) è stato fondato nel 2010 e ha base a Bruxelles e Milano. Indagano lo stato dell’habitat umano attraverso un ibrido di architettura, design e arte. Tra le loro ricerche e progetti hanno collaborato con Kaaitheater (Bruxelles, 2018), MAMbo Museo d'Arte Moderna di Bologna (2018), Damien and The Love Guru (Bruxelles, 2018), Terraforma Festival (Milano, 2017 e 2018), OGR Officine Grandi Riparazioni (Torino,2018), domesti.city (New York, 2018), 501(c)3 Foundation (Los Angeles, 2017), Marres (Maastricht, 2017), XX Chilean Architecture Biennale (Valparaiso, 2017), La Biennale di Venezia (2018, 2014 e 2012), MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI (Roma, 2016), Shenzhen Architecture Biennale (2015). Hanno svolto attività didattica in numerosi istituti tra cui Design Academy Eindhoven, Faculté d'architecture de l'université libre de Bruxelles, Facultatea de Arhitectura si Urbanism Timisoara, Politecnico di Milano, NABA Nuova Accademia Belle Arti Milano e insegnano stabilmente presso MADE Program a Siracusa. Parasite 2.0 è rappresentato da Galleria Operativa Arte Contemporanea di Roma e da Galleria Corraini Arte Contemporanea di Mantova. PROGRAMMA PUBBLICO AR/GE KUNST SAVOIR-VIVRE: HOW TO MIX DRINKS 16.04.2019 ore 18 – 20 con Daniele Turrini (Downtown) e Parasite 2.0 a cura di Simone Mair LET ME LOVE YOU FOR 24H 17 – 18.04.2019 Workshop di 24h con Parasite 2.0 in collaborazione con Studio Exhibit della Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano. Con il gentile sostegno di: Libera Università di Bolzano, Facoltà di Design e Arti Pasticceria Hofer, Bolzano Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Cultura Fondazione Cassa di Risparmio Comune di Bolzano, Ripartizione Cultura