inside 200

Questioni di testa - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Da molto tempo, Sergio Sommavilla si occupa del tema “Teste”: attraverso processi lavorativi relativamente lunghi, dalle idee che fissa nel quadernetto dei suoi schizzi non prendono vita ritratti, bensì teste fantasiose. Una parte del fascino è dato dalla trasformazione di disegni bidimensionali in un’opera plastica, per cui è particolarmente significativa la scelta della materia con le relative caratteristiche. Nel corso della lavorazione artistica – i suoi materiali preferiti sono la pietra, il legno duro e la terracotta – le idee formali diventano sculture. Queste teste che invitano alla meditazione e suscitano una sensazione di quiete, esprimendo nel contempo una vitalità introversa.

Sergio Sommavilla, nato a Bressanone nel 1951, ha frequentato prima la scuola d’arte in Val Gardena e poi il Magistero d’Arte a Venezia, specializzandosi in scultura. È stato insegnante di educazione artistica presso numerose scuole dell’Alto Adige e, dal 1983, protagonista di esposizioni in Italia e all’estero. Attualmente vive e lavora a Bressanone.

Tags

Contatti :

  • Organizzatore : Kunst im Gang[e]
  • Location : Municipio
  • Indirizzo : Via Walther-von-der-Vogelweide 30/A, Laion, BZ
  • Email : kunstimgange@gmail.com

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Ven 17 Mag 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi

Note sugli orari :

+ Do/gio h. 16:00 – 18:30


Potrebbe interessarti anche :

  • ogni settimana fino a Dom 29 Dic 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Ricordi di studentesse e studenti altoatesini: Un progetto espositivo partecipativo in occasione dei 350 anni dell’Università di Innsbruck Nel 2019 l’Università di Innsbruck festeggia il 350° anniversario della sua fondazione con un ricco programma annuale che ha preso il via il 31 gennaio con la première della compositrice altoatesina Manuela Kerer al Kongresshaus di Innsbruck. Come Kerer – legata a doppio filo a questa università per i suoi studi di giurisprudenza e psicologia assolti contemporaneamente allo studio di composizione musicale – molte studentesse e molti studenti altoatesini hanno mantenuto un legame professionale ed emotivo con l’Università di Innsbruck anche dopo aver terminato gli studi. Questo legame sarà il tema della mostra Studiato a Innsbruck. Ricordi di studentesse e studenti altoatesini.
  • ogni settimana fino a Sab 02 Nov 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Nella psicanalisi l´introiezione è il processo inverso della proiezione, ovvero vengono assimilate opinioni, idee, motivazioni o comportamenti estranee al proprio ego. Con ciò non sono intese forme legittime di apprendimento, ma atteggiamenti imitativi di aspetti che di per sé non fanno parte del proprio ego e che servono per esempio come difesa contro sentimenti di inferiorità (Stangl 2019). Attraverso il ricomporsi – amalgamarsi di due o più “personalità” nasce una forma autonoma. Vengono disciolte due (o più) storie, nasce una scultura di per sé indipendente. La parte storica, emotiva viene parzialmente persa. Nella scultura “21 grams” vengono disciolte la religiosità di Ganesh e l´infantilità di un bimbo attraverso la fusione delle due figure. Il risultato non può neanche più essere visto come una figurazione. Gehard Demetz (Bolzano 1972) vive e lavora a Selva (BZ), dove ha studiato presso l’Istituto d’Arte per poi continuare, presso la stessa scuola, a studiare scultura. Dopo un tirocinio con Matthias Resch, Demetz si è laureato nel 1995. Nel 2000-2001 per proseguire la sua formazione ha trascorso le estati presso l’Accademia Internazionale di Salisburgo studiando con diversi docenti. Dal 1996 lavora come insegnante di scultura presso la scuola professionale per scultori a Ortisei. Decide di interrompere la sua attività di insegnante per potersi dedicare esclusivamente al proprio lavoro nel 2007. Nel 2005 incomincia a lavorare con la galleria Rubin di Milano. Un articolo di Demetz nel giornale “Herald Tribune“ lo porta a fare la sua prima mostra in America nel 2009 presso la galleria Greenberg – Van Doren. Nel 2010 inizia la collaborazione con la galleria Beck & Eggeling di Düsseldorf. Jack Shainman Galleria ha iniziato a lavorare con Demetz nel 2011. Jack Shainman diventa la “First gallery“ di Demetz. Jack lo espone a diverse fiere internazionali come Art Basel, Miami, Armory Show NY, Frieze New York NY. Nel 2017 la terza mostra personale presso lo spazio di Jack Shainman a Chelsea a NY dopo “Treshold space” e “Invocation “. Dal 2011 ci sono state diverse mostre museali come Kunstmuseum Mühlheim an der Ruhr, Kunstmuseum Bochum, National Academy Museum, MOCA Virginia Museum of Contemporary Art, Akron Art Museum, Crocker Museum Sacramento, MACRO Roma e Museo Palazzo Ducale di Mantova
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 31 Ago 2019
    Porcellane viennesi, argenteria tirata a specchio, vino pregiato e raffinate prelibatezze. Documenti e oggetti esposti nell’appartamento imperiale ci raccontano la cultura della tavola alla corte del principe vescovo di Bressanone. La mostra fa parte del progetto di collaborazione “Alla salute!”, promosso dall’Associazione musei Alto Adige.