banner inside 01 it

Hannes Egger: Walking in Beuys Woods - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

Walking in Beuys Woods è un progetto artistico ideato dall’artista altoatesino Hannes Egger (Bolzano, 1981).

Sulla scia delle idee e dei pensieri dell’artista tedesco Joseph Beuys (Krefeld 1921 – Düsseldorf 1986), Hannes Egger rende protagonista il pubblico chiamato a confrontarsi con la propria dimensione naturale attraverso l’esperienza artistica.

Il progetto, sviluppato nelle sale del museo attraverso coinvolgenti allestimenti, è stato infatti pensato come un percorso, un viaggio sciamanico in cui l’incontro uomo/animale/natura diviene processo di guarigione e consapevolezza per l’uomo contemporaneo innescando pensieri e riflessioni ancor più necessari a seguito della recente strage di alberi avvenuta sulle Dolomiti.

Nella pratica artistica di Hannes Egger tutto lascia spazio all’immaginazione. Non appaiono quadri, immagini, ma solo simboli evocativi e voce, riprendendo e utilizzando celebri riflessioni e performances del maestro-artista Beuys. In questo modo è il pubblico a divenire coautore, immaginando, ascoltando, giocando sempre con la possibilità di “vedere l’invisibile”.

In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo bilingue (ita – eng) con i contributi critici di Elio Vanzo e Antonella Palladino. All’interno foto dell’allestimento a cura di Roberta Segata.

Tags

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Dom 24 Mar 2019 nei giorni di: Sabato Domenica
  • Sab 23 Febbraio, 201915:30-19:00 |
  • Dom 24 Febbraio, 201915:30-19:00 |
  • Sab 02 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Dom 03 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Sab 09 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Dom 10 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Sab 16 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Dom 17 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Sab 23 Marzo, 201915:30-19:00 |
  • Dom 24 Marzo, 201915:30-19:00 |

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 23 Mar 2019
    Il ghiacciaio è l'immagine più compiuta della nostra vita. Ci rappresenta in ciò che abbiamo di eterno e di effimero, di permanente e di mutevole.(Juremir Machado da Silva) Masse di ghiaccio, riserve d'acqua dolce, attrazione turistica, laboratori scientifici a cielo aperto, termometri del riscaldamento medio globale, testimoni dell'impronta dell'uomo sull'ambiente. I ghiacciai sono tutto questo e molto di più. La mostra offre una fotografia dei ghiacciai che ricoprono il nostro pianeta da quattro prospettive: l'ambiente naturale glaciale e le dinamiche che lo mantengono in equilibrio; le attività scientifiche e i rilievi che permettono di quantificare lo stato di salute dei ghiacciai e di studiare i cambiamenti climatici degli ultimi secoli; le avventurose esplorazioni sui sentieri glaciologici; le vicende storiche e i miti legati ai luoghi più inospitali dell'ambiente montano.Il visitatore ha la possibilità di scoprire diverse realtà dell'attività glaciologica grazie a contenuti multimediali inseriti in strutture lignee, dalle linee essenziali e curiose. Le forme e le trasparenze trasmettono una leggerezza che caratterizza anche lo stile narrativo della mostra, che affronta l'emergenza climatica e il ritiro dei ghiacciai in modo delicato ma diretto.I video protagonisti della mostra sono: 1. Natura: Il freddo patrimonio UNESCO, raccolta di immagini coinvolgenti e mozzafiato dell'ambiente glaciale dolomitico… e non solo. Realizzato da Dolomiti UNESCO e Trentino Marketing 2. Ricerca: La memoria del Ghiaccio di Giovanni Motter (2017), cortometraggio RAI che racconta la spedizione dei ricercatori trentini sul Ghiacciaio dell'Adamello, un progetto condotto da Fondazione Edmund Mach con Muse e Università di Milano-Bicocca 3. Avventura: cortometraggio selezionato dall'archivio del Trento Film Festival 4. Storia e Mito: docufilm di Corrado Bungaro che racconta il progetto N-ICE Cello, una serie di concerti con protagonista un violoncello di ghiaccio, in cui l'arte viene usata per sensibilizzare sulla fragilità delle risorse d'acqua del pianeta
  • ogni settimana fino a Dom 24 Mar 2019 nei giorni di: Sabato Domenica
    Walking in Beuys Woods è un progetto artistico ideato dall’artista altoatesino Hannes Egger (Bolzano, 1981). Sulla scia delle idee e dei pensieri dell’artista tedesco Joseph Beuys (Krefeld 1921 – Düsseldorf 1986), Hannes Egger rende protagonista il pubblico chiamato a confrontarsi con la propria dimensione naturale attraverso l’esperienza artistica. Il progetto, sviluppato nelle sale del museo attraverso coinvolgenti allestimenti, è stato infatti pensato come un percorso, un viaggio sciamanico in cui l’incontro uomo/animale/natura diviene processo di guarigione e consapevolezza per l’uomo contemporaneo innescando pensieri e riflessioni ancor più necessari a seguito della recente strage di alberi avvenuta sulle Dolomiti. Nella pratica artistica di Hannes Egger tutto lascia spazio all’immaginazione. Non appaiono quadri, immagini, ma solo simboli evocativi e voce, riprendendo e utilizzando celebri riflessioni e performances del maestro-artista Beuys. In questo modo è il pubblico a divenire coautore, immaginando, ascoltando, giocando sempre con la possibilità di “vedere l’invisibile”. In occasione della mostra sarà pubblicato un catalogo bilingue (ita – eng) con i contributi critici di Elio Vanzo e Antonella Palladino. All’interno foto dell’allestimento a cura di Roberta Segata.