gustav mahler 13 27 07 2019

Tutto. - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Prospettive sull’arte italiana

Ecclettica, complessa, molteplice: è l’arte italiana presentata in Tutto. La mostra offre un percorso attraverso oltre cento opere – in prevalenza pittura e fotografia – di oltre 30 artisti e artiste italiane dalla collezione della Sammlung Goetz e di Museion.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Dom 24 Mar 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Note sugli orari :

gio/Do h. 10:00-22:00

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 25 Ago 2019
    Per la prima volta dopo 32 anni, l’esposizione estiva nell’antica certosa Monte di tutti gli Angeli a Certosa, in Val Senales, sarà dedicata esclusivamente alla fotografia artistica contemporanea in Alto Adige. Otto diversi orientamenti fotografici indagano l’affascinante complesso monastico, da tempo ormai parte integrante della sobria, sfaccettata e viva storia del luogo. Le fotografie scoprono la Val Senales, antico spazio culturale e al contempo affascinante ambiente naturale, sottoposto a invasive modifiche e utilizzazioni. Storie di uomini, tracce della storia, dell’antica e della nuova vita della valle, è quanto l’esposizione illustra, focalizzate dalle più diverse prospettive artistiche. Si tratta per un verso della confrontazione con il luogo, con la valle; per l’altro con le potenzialità dell’arte fotografica del giorno d’oggi. Rinomati artisti ambosesso altoatesini con ruoli importanti nell’ambito dell’arte fotografica, che vantano anche riconoscimenti internazionali, presentano il luogo, la valle, nella sua complessità, come superficie di proiezione artistica. La fotografia è la strategia di osservare il proprio mondo con gli occhi di un altro. Nella percezione di luoghi e realtà di vita lontane dalle vedute tipiche, l’esposizione offre immagini suggestive, presenta visioni fotografiche e racconta in modo sorprendente una valle. Curatrice: Barbara Psenner Artisti: Paul Thuile, Christian Martinelli, Franziska Gilli, Walter Niedermayr, Brigitte Niedermair, Elisabeth Hölzl, Ludwig Thalheimer, Daniela Brugger
  • ogni settimana fino a Dom 17 Nov 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    L’archeologia in Alto Adige muove i suoi primi passi nel periodo che precede il 1919, quando l’odierno Alto Adige faceva ancora parte dell’Impero austro-ungarico. La mostra temporanea prende in esame interessanti reperti di questa fase iniziale, analizza i primi scavi e racconta l’istituzione dei primi musei, presentando i pionieri e i protagonisti di quest’epoca, studiosi e appassionati profani accomunati dall’entusiasmo per la storia locale e la tutela dei beni culturali. Molti reperti rinvenuti in questo periodo sono tuttavia finiti nel mercato antiquario e oggi si trovano sparsi in musei e collezioni private di tutto il mondo. Per questa mostra i curatori hanno rintracciato oggetti di particolare interesse, scoperti prima del 1919, e li presentano per la prima volta in Alto Adige, nella loro “antica patria”. Dopo la prima guerra mondiale, cento anni fa, venne stipulato il trattato di Saint-Germain, mediante il quale l’odierno Alto Adige fu annesso all’Italia. Questo profondo cambiamento politico ebbe ripercussioni anche sull’archeologia: cambiarono le competenze delle autorità preposte alla tutela dei beni culturali, i reperti dovettero essere restituiti, i musei si riorganizzarono. La mostra temporanea si occupa di questo periodo cruciale e ci restituisce un‘interessante fotografia della storia dell’archeologia dell’Alto Adige prima del 1919.
  • ogni settimana fino a Gio 31 Ott 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Il cervo è uno degli abitanti più imponenti e sicuramente più conosciuti dei nostri boschi. Ciò nonostante ci sono molte cose da scoprire su quest’animale proveniente dalle steppe. Il suo habitat, le sue caratteristiche, le sue abitudini ed il suo comportamento dettato dai suoi sensi molto sviluppati – questa mostra rivela tutte le particolarità del Cervo nobile. ingresso libero!