banner inside 01 it

Tutto. - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Prospettive sull’arte italiana

Ecclettica, complessa, molteplice: è l’arte italiana presentata in Tutto. La mostra offre un percorso attraverso oltre cento opere – in prevalenza pittura e fotografia – di oltre 30 artisti e artiste italiane dalla collezione della Sammlung Goetz e di Museion.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Dom 24 Mar 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Note sugli orari :

gio/Do h. 10:00-22:00

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 28 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    In video, film e installazioni Keren Cytter (Tel Aviv, *1977, vive e lavora a New York) racconta come i cliché dei media, in particolare dei social media, permeano il nostro quotidiano. Attraverso una logica ciclica e non lineare, il suo approccio mina convenzioni linguistiche e meccanismi interpretativi tradizionali. Con un esplicito rimando ai video amatoriali, i suoi montaggi di impressioni, ricordi e fantasie danno vita a composizioni poetiche e autoreferenziali, con una predilezione per scene intense e dalla natura artificiale. A Museion Keren Cytter presenta un progetto sul tempo e sulle diverse fasi della vita. Opere esistenti saranno esposte insieme a nuovi lavori, come diversi disegni – alcuni sulle superfici in vetro delle facciate del museo – e un nuovo film d’animazione che mette in luce la sua attività di autrice di libri per bambini. Prima personale in un museo italiano A cura di Letizia Ragaglia In collaborazione con Center for Contemporary Art (CCA), Tel Aviv
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Lun 22 Apr 2019
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 04 Mag 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Per la loro mostra personale presso ar/ge kunst, il collettivo di architetti Parasite 2.0, porteranno avanti la loro ricerca sull’idea di “habitat umano” attraverso un progetto che mette insieme i linguaggi dell’architettura, dell’arte e della pedagogia. La mostra sarà un formato sperimentale portato avanti in collaborazione con lo Studio Exhibit della Facoltà di Arte e Design della Libera Università di Bolzano, e aperto al pubblico. Per riflettere sulla crisi e la trasformazione dell’idea di collettività oggi, Parasite 2.0 partono dall’ immaginario comune secondo cui Internet è pensato come il “paesaggio contemporaneo” per eccellenza, un ambiente estremo in cui è necessario produrre i propri strumenti per comprenderlo e modificarlo secondo i propri bisogni. In questo senso, per analizzare questo rapporto tra tecnologia, ambiente e comunità, guardano alla definizione di T.A.Z. (Temporous Autonomous Zone) teorizzata dal filosofo anarchico Hakim Bey e all’impatto che questa ha avuto su varie esperienze di comunità temporanee legate a fenomeni musicali. Identificando la musica come strumento intorno a cui una certa socialità può emergere con i suoi simboli, riti e spazialità, Parasite 2.0 propongono per ar/ge kunst un’installazione ispirata a un ambiente ibrido tra un club/discoteca e una classe da attivare attraverso vari oggetti funzionali/ sculture. Un workshop / evento di 24 ore sarà pensato come esperimento pedagogico che porterà alla trasformazione dell’installazione stessa. Una serie di incontri diretti dagli artisti, dai curatori, dagli insegnanti e da alcuni ospiti renderanno l’installazione una “scuola temproanea” e prepareranno gli studenti a questo momento pubblico.