gustav mahler 13 27 07 2019

ArteSport - Nel cerchio dell’arte - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Opere d’arte, mito e prestazioni atletiche, giochi e discipline sportive in un percorso narrato attraverso immagini virtuali e opere reali.
Percorso multimediale ed espositivo dedicato ai temi di arte e sport, dal contemporaneo all’antichità. La proiezione circolare, le postazioni interattive, il tour in realtà virtuale del Museo Archeologico di Napoli e un videogame per smartphone/tablet ripercorrono oltre venti secoli di atletismo e arte attraverso i momenti più appassionanti di questo binomio.
In prestito dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è esposta la statua bronzea del I secolo a.C. “Corridore o lottatore”.

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Gio 28 Feb 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Note sugli orari :

lun h. 14:30-18:30,
mar/mer/ven h. 10:00-12:30 · 14:30-18:30,
gio h. 10:00-19:00,
sab h. 10:00-12:30

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni settimana fino a Sab 27 Lug 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    CACHE (INSURANCE POLICY) JUMANA MANNA 16.05 – 27.07.2019 A cura di by Emanuele Guidi Nella sua prima mostra personale in Italia, l’artista Jumana Manna porta avanti il suo interesse nei sistemi di conservazione e nelle politiche delle pratiche di preservazione, tracciando paralleli tra ambienti scientifici e culturali. Cache (Insurance Policy) (2018 – 2019) è un’installazione composta da sculture in ceramica, alcune recenti, altre appositamente realizzate per l'occasione, dislocate negli spazi di ar/ge kunst. Un lavoro che, come il termine “cache” suggerisce, esplora i concetti di deposito, raccolta, scorta e salvaguardia, sia di risorse naturali sia di artefatti, a tutela della sopravvivenza, del patrimonio e del vantaggio economico. Nella prima stanza, sculture di forma cubica sono esposte come frammenti museologici rimossi dal loro contesto architettonico: opere in ceramica che si ispirano alla “khabya”, un elemento tipico, ormai obsoleto, delle case rurali levantine. Prima dell’avvento della refrigerazione, queste camere climatiche erano usate per conservare i grani per il consumo annuale; esagerando le sporgenze e le aperture di queste forme, le opere di Jumana Manna assumono una qualità antropomorfica e una scala più vicina al corpo umano. Nella seconda parte dell’installazione, mensole e griglie di metallo rivestono la stanza e presentano le khabyas in un ambiente che richiama gli interni di depositi istituzionali, siano essi banche dei semi, collezioni etnografiche, o caveau museali. Le banche dei semi (depositi per campioni di sementi) sono al centro del lavoro recente dell’artista, che include Wild Relatives (2018); un lungometraggio che percorre la transizione di semi tra la isola Norvegese di Svalbard nell’Oceano Artico e la Valle della Bekaa nel Libano. In questa iterazione di Cache, il film è esposto in loop al fianco delle khabyas, integrato nell’installazione. Jumana Manna usa la mostra come luogo per mescolare gli “impulsi tassonomici” dei depositi di grano, delle banche dei semi e dei musei, indicando la trasformazione dei sistemi di sostentamento e conoscenza dalle pratiche di sopravvivenza alle economie centralizzate della crescita del capitale. Il gesto giocoso di archiviare depositi mette in mostra le differenze ideologiche che esistono tra le diverse storie della conservazione e la mancanza di equilibrio tra i diversi futuri che accompagnano l’atto della preservazione oggi. Biografia Jumana Manna (b.1987, USA) è un’artista visiva di base a Berlino. È stata premiata con il A.M. Qattan Foundation’s Young Palestinian Artist Award nel 2012 e con l’Ars Viva Prize for Visual Arts nel 2017. Manna ha partecipato a numerose mostre e film festival, tra cui Henie Onstad Museum, Norvegia, 2018; Mercer Union, Canada, 2017; Jeu de Paume and CAPC Bordeaux, Francia, 2017; SculptureCenter, USA, 2014; Marrakech Biennale 6, 2016; The Nordic Pavillion alla 57a Biennale di Venezia; cosè come al 54o and 56 a Viennale International Film Festivals, 66a e 68 a Berlinale, e al CPH:DOX 2018 dove Wild Relatives è stato premiato con il New:Visions award. Con il gentile sostegno di: Provincia Autonoma di Bolzano, Ripartizione Cultura Fondazione Cassa di Risparmio Comune di Bolzano, Ripartizione Cultura Un ringraziamento speciale alla Libera Università di Bolzano, Facoltà di Design e Arti
  • ogni giorno fino a Dom 08 Set 2019
    Dal 19 agosto all’8 settembre, il Twenty ospita la mostra fotografica Val Badia – Dolomites UNESCO, un’esposizione di 32 foto in formato gigante che permette di ammirare tutta la bellezza delle nostre Dolomiti. Organizzata in collaborazione con l’Associazione Turistica di San Vigilio di Marebbe (www.sanvigilio.com), la mostra rappresenta anche un’occasione per festeggiare i 10 anni di inserimento di questo paesaggio nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO. Tutte le foto sono state messe a disposizione dal Foto Club Val Badia.
  • ogni giorno fino a Sab 31 Ago 2019
    La mostra al secondo piano della Commenda di Longomoso è incentrata su dipinti ad olio ed istallazioni della giovane artista di Ortisei Sarah Solderer. Nata nel 1993, l’artista ha studiato alla scuola d´arte di Ortisei e all'accademia di Zurigo ed ha concluso i suoi studi nel 2017. Le sue opere sono già state esposte a Zurigo, Atene e all’Avana.