banner inside 01 it

Ricerca per:

3 mesi

Eventi Exhibitions

Eventi

Debora Leardini - TRIP
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 06:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Lun 16 Dic 2019

Mostra Fotografica sul tema della violenza contro le donne TRIP è un progetto fotografico di Debora Leardini, psicologa psicoterapeuta, sviluppato in quattro tappe che hanno costituito altrettante mostre. Ciascuna delle quattro fasi rappresenta una tappa dell’elaborazione della violenza subita. • Non sentirsi a casa dentro il proprio corpo a causa del vissuto di violenza. • La scissione emotiva e la derealizzazione. • Il viaggio di cura insieme ad altre donne per lasciare insieme il peso, condividendolo e mostrandolo con la simbologia di una valigia trasportata nel bosco e gettata poi in mare. • Il recupero della forza, il contatto possibile, la rinascita di progetti e ruoli

Stazione Piazza della Stazione, Bolzano, BZ
khodahafes | Andreas Trenker
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 07:00-20:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Ven 31 Gen 2020

La mostra fotogra?ca khodahafes (persiano: Arrivederci) del designer e fotografo documentarista Andreas Trenker vuole ripercorrere il proprio viaggio attraverso la Repubblica Islamica dell’Iran. In questo contesto, Trenker si confronta col paese mettendo in discussione lo sguardo eurocentrico verso una cultura straniera. Quali sono le immagini che la mente costruisce in funzione di un’aspettativa occidentale verso un paese musulmano? Quali, invece ne s?dano gli stereotipi e preconcetti? La risposta a queste domande sta anche e soprattutto negli occhi dello spettatore. Per questo motivo il fotografo ha deciso di dare spazio allo sguardo e alla narrazione locale, facendo commentare la sua serie dagli iraniani stessi. Le loro analisi sono accessibili come guida audio all’interno della mostra, invitando lo spettatore a decostruire alcuni aspetti dello sguardo europeo verso una realtà lontana dalla propria. In questo modo Trenker vuole responsabilizzare e mettere in discussione il ruolo del fotografo creando un dialogo tra il soggetto e la sua rappresentazione. La mostra è stata sostenuta dalla Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano.

Kunstraum Café Mitterhofer Via Peter Paul Rainer 4 39038 San Candido, San Candido, BZ
Rainer Ploner - Sulle ali dell’arte
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 08:00-12:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 10 Gen 2020 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi

Sin dagli anni ‘90, Rainer Ploner si dedica alla pittura. La sua tecnica preferita è l’acquarello, sebbene il suo lavoro sia caratterizzato anche da paesaggi di grande formato in acrilico e olio. Già da decenni ama osservare uccelli e animali selvatici nel loro habitat naturale e in particolare, è affascinato dai tetraonidi. Questa mostra presenta una serie di motivi di avifauna, realizzati con la sensibilità dell’acquarello. Le opere sono contraddistinte da una delicata varietà cromatica, ma anche da consistenze più intense che danno addirittura origine a una sensazione tattile. Nulla distrae lo sguardo dell’osservatore dall’animale raffigurato. La rappresentazione parzialmente frammentaria e lo sfondo bianco stimolano i nostri pensieri, lasciando così intuire l’essenza “animale”. Rainer Ploner, nato ad Aldino nel 1970, lavora da oltre 15 anni per il Servizio Forestale della Provincia di Bolzano. Membro degli Unterlandler Freizeitmaler (pittori amatoriali della bassa atesina, ndt), ha esposto le sue opere in svariate mostre in Alto Adige e oltre i suoi confini.

Municipio Via Walther-von-der-Vogelweide 30/A, Laion, BZ
Mostra di Natale. Dialoghi in Luce
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 08:05-12:55 | 14:45 - 16:30
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 03 Gen 2020 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Le arti visive sono da sempre intrinsecamente connesse alla luce in tutte le sue forme. La mostra di Natale di quest’anno, promossa dalla Cassa di Risparmio di Bolzano, mette in dialogo opere antiche con lavori di artiste e artisti contemporanei, “permeati” anch’essi dalla luce nei modi più diversi. Il valore simbolico e suggestivo della luce nel periodo natalizio diventa un espediente estetico per un confronto fecondo tra “antico” e “moderno”. Le associazioni di contenuto e di forma e i riferimenti tra storico e contemporaneo che la mostra intende creare mettono le opere antiche in una nuova luce, mentre le opere contemporanee acquisiscono attraverso le opere antiche una dimensione storica. Artisti e artiste in mostra: Carlo Belloli, Julia Bornefeld, Robert Bosisio, Stefano Cagol, Beppe Ciardi, Piero Fogliati, Elisa Grezzani, Elisabeth Hölzl, Antonio Longo, Michel Majerus, Sissa Micheli, Johann Baptist Oberkofler, Robert Pan, Giovanni Battista Pittoni, Josef Renzler, Albert Stolz, Piotr Ukla?ski, Hannes Vonmetz Schiano, Antonella Zazzera. Sono presenti alcuni autori ignoti. a cura di Letizia Ragaglia Una collaborazione Cassa di Risparmio di Bolzano-Museion

Cassa di Risparmio Piazza Walther, Bolzano, BZ
Max Radicioni - herbstwinter
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 09:00-19:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Ven 31 Gen 2020

Una location d’eccezione ospiterà a partire dal prossimo venerdì 22 novembre alle ore 18 la nuova mostra - dal titolo ”herbstwinter” - del noto artista bolzanino Max Radicioni, pittore, scultore, grafico e incisore. Parliamo della Marienklinik o Clinica Santa Maria, a Bolzano in via Claudia dè Medici nr.2. Una struttura nata e operante come complesso sanitario, che peraltro si presta, per la centralità della sua posizione, all’interno della città e per gli ampi spazi di cui dispone, anche ad ospitare come in questo caso mostre di pittura, installazioni e vari altri eventi grafici e non. Max Radicioni vanta una storia artistica lunga ben sessant’anni, in cui ha girato il mondo e perfezionato, attraverso le molteplici esperienze vissute e il confronto con grandi nomi della pittura e della cultura in genere, il suo stile, che è stato definito tra l’altro neofigurativo e postsurrealista. La mostra resterà aperta ogni giorno con orario 09-19 presso la Marienklinik. Saranno esposte nell’atrio e più in generale nella parte pubblica della struttura opere “storiche” di Radicioni, ma anche e soprattutto dipinti del suo ultimo periodo pittorico, più contenuti quanto a dimensioni rispetto ai quadri più datati, caratterizzati peraltro da tecniche antiche e modernissime al tempo stesso, in una prospettiva alchemica in grado di regalare alle tele luci, colori e umori “magici”. Una delle tematiche portanti della nuova produzione sarà l’anelito verso una dimensione di rinnovata libertà, di contatto con la natura e di apertura verso nuovi, verdi e poliedrici orizzonti.

Clinica Santa Maria Via Claudia de' Medici 2, Bolzano, BZ
Massimiliano I e il suo Maniero illustrato Roncolo
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 12 Gen 2020

Il 4 novembre 1501 l'imperatore Massimiliano I fece visita a Castel Roncolo dove vide gli splendidi affreschi eseguiti attorno al 1400 su commissione della famiglia borghese dei Vintler: le avventure di cavalieri ed eroi, e soprattutto i personaggi delle triadi lungo la Casa d'Estate. Re Artù, Goffredo di Buglione, Carlo Magno, Giulio Cesare o Teodorico da Verona erano non solo reputati modelli illustri per un sovrano e condottiero, ma Massimiliano poteva considerarli anche suoi antenati. Le immagini di Castel Roncolo ebbero un profondo impatto sull'imperatore e sulla sua cultura della “rimembranza”, diventando modelli per opere letterarie e figurative e ispirando infine il celebre cenotafio di Innsbruck, vegliato da quegli eroi e antenati che egli aveva incontrato anche al Maniero Illustrato.

Castel Roncolo Sill 15, Bolzano, BZ
Pazzi per la Luna
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Mar 02 Giu 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Il 21 luglio 1969 segna una tappa fondamentale nella storia dell’umanità. Per la prima volta un abitante della Terra, un essere umano, ha potuto camminare su un altro corpo celeste. “Pazzi per la Luna” racconta come un sogno si è trasformato in realtà. Partite con noi in un viaggio spazio-temporale, immergendovi nel contesto storico, nelle conquiste tecniche e in quell’euforia scientifica necessarie alla missione e scoprite il paesaggio lunare: un ambiente estraneo, invivibile, meraviglioso, che da 50 anni rappresenta una grandiosa sfida in un’esplorazione che non è ancora terminata.

Museo di Scienze Naturali dell'Alto Adige Via Bottai 1, Bolzano, BZ
Studiato a Innsbruck
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 29 Dic 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Ricordi di studentesse e studenti altoatesini: Un progetto espositivo partecipativo in occasione dei 350 anni dell’Università di Innsbruck Nel 2019 l’Università di Innsbruck festeggia il 350° anniversario della sua fondazione con un ricco programma annuale che ha preso il via il 31 gennaio con la première della compositrice altoatesina Manuela Kerer al Kongresshaus di Innsbruck. Come Kerer – legata a doppio filo a questa università per i suoi studi di giurisprudenza e psicologia assolti contemporaneamente allo studio di composizione musicale – molte studentesse e molti studenti altoatesini hanno mantenuto un legame professionale ed emotivo con l’Università di Innsbruck anche dopo aver terminato gli studi. Questo legame sarà il tema della mostra Studiato a Innsbruck. Ricordi di studentesse e studenti altoatesini.

Forte di Fortezza Via Brennero, Fortezza, BZ
Design from the Alps. Tirolo Alto Adige Trentino 1920–2020
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 12 Gen 2020

La prima rassegna completa sulla produzione e sulla cultura del design moderno in una dinamica regione europea transfrontaliera. La macroregione alpina Tirolo – Alto Adige – Trentino ha vissuto un'evoluzione attraverso i secoli come spazio culturale tra Monaco di Baviera e Venezia da un lato e tra Vienna e Milano dall'altro. Design from the Alps esplora per la prima volta in profondità la produzione e lo sviluppo del design moderno in questa dinamica area transfrontaliera. Un'incredibile apertura alle correnti più progressiste del Movimento Moderno favorì infatti la nascita di un inaspettato laboratorio di ricerche ed invenzioni tecniche e formali.Il volume riccamente illustrato segue le tracce dei tanti protagonisti di quest scena culturale così produttiva e ci consente di gettare uno sguardo nel poliedrico mondo del design nel cuore dell'Europa. Il progetto è promosso e organizzato da KUNST MERAN MERANO ARTE in collaborazione con NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, e la Libera Università di Bolzano / Freie Universität Bozen. Mostra e catalogo a cura di: Claudio Larcher, Massimo Martignoni, Ursula Schnitzer. Grafica: Antonino Benincasa. Partner di progetto: Barth Innanausbau.

Kunst Meran Merano Arte Portici 163, Merano, BZ
Marguerite Humeau, Oscillations
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 26 Gen 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Museion presenta Oscillations, la prima personale in un museo italiano di Marguerite Humeau (1986, Cholet, Francia). Nei suoi lavori Humeau indaga la nostra epoca digitale immergendosi nei grandi enigmi sedimentati nei secoli, nei paradossi e nelle contraddizioni della storia dell’umanità e nei suoi millenari tentativi di stabilire una connessione con l’universo. Con un approccio interdisciplinare e speculativo, nelle sue ricerche l’artista coinvolge esperti ed esperte di diverse discipline – dalla paleontologia alla musica, dalla zoologia alla linguistica, dall’ingegneria alla biologia. Dalla sua opera sfaccettata – composta principalmente da disegni, installazioni sonore e scultoree– emergono ipotesi aperte, che stimolano la capacità immaginativa del pubblico. Oscillations presenta un gruppo di sculture in bronzo, alabastro, marmo e pietra in una grande installazione immersiva che si propone come spazio immaginario di transizione e oscillazione tra il mondo umano e quello degli spiriti. Il progetto prende le mosse dalla fascinazione e il mistero intorno alle statuette preistoriche delle Veneri, risalenti all’età paleolitica (circa 35.000-11.000 anni fa). In particolare l’artista esplora le relazioni che potrebbero avere le sostanze psicoattive provenienti da cervelli animali sulle forme scultoree delle figure preistoriche delle Veneri stesse. La mostra a Bolzano è la terza e ultima tappa di un più ampio progetto di ricerca e di collaborazione, che ha toccato il New Museum di New York (Birth Canal, 2018) e quindi il Kunstverein di Amburgo (Ecstasies, 2019). A cura di Letizia Ragaglia e Frida Carazzato In collaborazione con New Museum, New York; Kunstverein in Hamburg Con il supporto della Fondazione Nuovi Mecenati – Fondazione franco-italiana di sostegno alla creazione contemporanea

Museion Piazza Piero Siena 1, Bolzano, BZ
3Logie | The Money Maker
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-12:00 | 16:00 - 18:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 11 Gen 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Südtiroler Künstlerbund per la Galleria Civica di Bressanone Claudia Barcheri Manfred Eccli Thomas Huck Christian Kaufmann Philipp Messner Georg Ladurner Anna M. Rose per Lottozero AliPaloma Simon Perathoner Petra Polli Alexander Wierer

Stadtgalerie Brixen Portici Maggiori 5, Bressanone, BZ
LEONARDO500 - L’innovazione geniale
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-19:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Mer 11 Dic 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Una selezione di tavole del Codice Atlantico nell'edizione Hoepli 1894-1904 curata dall'Accademia dei Lincei è affiancata da pannelli illustrativi e modelli in legno realizzati secondo i disegni di Leonardo. La mostra è curata da Ferruccio Dendena (Anthelios Edizioni, Milano) in collaborazione con Paola Mazzini (Società Dante Alighieri, Bolzano) e organizzata dall'Ufficio cultura della Ripartizione Cultura italiana della Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige. L’esposizione è accompagnata da un ciclo di conferenze incentrate sulla ricerca scientifica e i suoi risultati e presenta esperienze locali e internazionali con un focus sui temi ambientali. Orario di visita: lun – sab: 10:00 – 19:00 Prenotazione visite guidate (in italiano e tedesco): impronta.del.digitale@gmail.com Sito: www.provincia.bz.it/cultura Ingresso libero

Libera Università di Bolzano piazza Università, 1, Bolzano, BZ
Francesco Bocchini - La costruzione del piacere
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-12:30 | 15:00 - 19:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Sab 14 Dic 2019

L’opera di Francesco Bocchini mette in discussione costantemente l’alternanza di Eros e Thanatos. Da un lato vi è un vitalismo dirompente, un gioco di movimenti fisici e mentali che sa sempre coinvolgere lo spettatore, dall’altro non è un artista che vuole piacere a tutti i costi. Sia nei meccanismi che nelle ultime bellissime carte, il recupero di immagini e di materiali preesistenti, già vissuti, è l‘occasione per liberare pulsioni nascoste, istinti mal trattenuti dalla società. Per questo Bocchini, maestro del riuso dai cartoni usati per le stampe dei tessuti a Gambettola, alle lamiere dei rottamatori romagnoli, ha sempre creato un proprio universo, magico, anarchico, sensibile alla storia e alla cultura sia essa alta che a quella più popolare. La sua è anche una koinè linguistica in cui le lingue diventano una, italiano, francese o tedesco si mescolano in una pervasività degli elementi visuali che sono sempre in tensione. Nelle carte, spesso di grandi dimensioni, il colore assume campiture vaghe e incombenti, le immagini appartengono al clipping, sono ritagli di vecchi giornali, foto recuperate, avanzi di una memoria pubblica abbandonata nella dimenticanza del tempo.

Galleria Alesssandro Casciaro Via Cappuccini 26/A, Bolzano, BZ
Francesco Bocchini: La costruzione del piacere
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-12:30 | 15:00 - 19:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Sab 14 Dic 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

La galleria Alessandro Casciaro è lieta di presentare la mostra personale di Francesco Bocchini, La costruzione del piacere. L’opera di Francesco Bocchini mette in discussione costantemente l’alternanza di Eros e Thanatos. Da un lato vi è un vitalismo dirompente, un gioco di movimenti fisici e mentali che sa sempre coinvolgere lo spettatore, dall’altro non è un artista che vuole piacere a tutti i costi. Sia nei meccanismi che nelle ultime bellissime carte, il recupero di immagini e di materiali preesistenti, già vissuti, è l‘occasione per liberare pulsioni nascoste, istinti mal trattenuti dalla società. Per questo Bocchini, maestro del riuso dai cartoni usati per le stampe dei tessuti a Gambettola, alle lamiere dei rottamatori romagnoli, ha sempre creato un proprio universo, magico, anarchico, sensibile alla storia e alla cultura sia essa alta che a quella più popolare. La sua è anche una koinè linguistica in cui le lingue diventano una, italiano, francese o tedesco si mescolano in una pervasività degli elementi visuali che sono sempre in tensione. Nelle carte, spesso di grandi dimensioni, il colore assume campiture vaghe e incombenti, le immagini appartengono al clipping, sono ritagli di vecchi giornali, foto recuperate, avanzi di una memoria pubblica abbandonata nella dimenticanza del tempo. L’artista poi opera anche sui volti delle forme di oscuramento che ricordano le foto di John Baldessari, il grande artistae fotografo americano di origine trentina. Una forma di censura psicanalitica o un modo per far risaltare, nascondendo. Il piacere allora non è solo quello di un Eros che è pur presente in molti dei lavori in mostra, ma è anche quello del testo, per ricordare un celebre saggio di Roland Barthes. Francesco Bocchini possiede infatti una forza narrativa costante, è un attento lettore che costruisce racconti visivi. Nelle sue opere c’è sempre qualcosa che sfugge o viene cancellato, qualcosa che ci spinge alla curiosità di riguardare e di saperne di più. L’artista costruisce dei meccanismi, visuali o reali, ma si tratta comunque di macchine che producono senso e piacere. Anche quando i suoi lunghi elenchi di persone scritti a mano, sembrano appunti per un cimitero di eroi piccoli e grandi. La sua arte ha sempre un respiro profondo, lo spettatore completa l’opera con le sue domande, con i mille interrogativi che le opere di Francesco Bocchini fanno affiorare stimolando l’inconscio a rivelarsi. Valerio Dehò Francesco Bocchini, nato a Cesena nel 1969, è scultore e artista visivo. Dal 1992 al 1995 lavora con il Teatro Valdocadi Cesena realizzando sculture e installazioni per gli spettacoli. Nel 1995 fonda il teatro REBU realizzando performance e installazioni visive. Collabora successivamente con Accademia Perduta e altre compagnie tra cui Rio Rosee Bjorn Teatrein Danimarca e Dei Calci Teatro a Bologna. Ha esposto all'Accademia di Belle Arti di Bologna, Pinacoteca Nazionale, oltre a realizzare numerose mostre personali, tra le quali citiamo: Galleria d'Arte Moderna, Roma; Palazzo Ducale, Massa; Galleria de’ Foscherari, Bologna; Galleria Goethe, Bolzano; Galleria Francesca Antonini Arte Contemporanea, Roma; Galleria Michela Rizzo, Venezia; Galleria L'Affiche, Milano; Galleria 41artecontemporanea, Torino; Mel Gallery Contemporary, Vienna, e altre. Tra le principali partecipazioni a mostre collettive ricordiamo: 54. e 57. Esposizione Internazionale d’Arte –La Biennale di Venezia, evento collaterale; Museo della Città di Rimini; Museum Angerlehner di Wels (A); Kunst Merano Arte; Triennale di Milano; 15ª Quadriennale d’Arte diRoma; Ursula Blickle Stiftung, Kraichtal (D); ARCOS, Museo d’Arte Contemporanea del Sannio, Benevento; Galleria Nazionale di Arte Moderna, Repubblica di San Marino. L’artista attualmente vive e lavora a Gambettola (Cesena).

Galleria Alessandro Casciaro Via Cappuccini 26a, Bolzano, BZ
Intermedia. Archivio di Nuova Scrittura
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 07 Giu 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Museion Bolzano e Mart Rovereto presentano una doppia mostra sull’Archivio di Nuova Scrittura (ANS), la collezione di Paolo Della Grazia dedicata alle ricerche tra parola e immagine, con particolare attenzione ai movimenti della Poesia visiva e visuale, Poesia concreta e Fluxus. Nel 1998 il collezionista decise di collocare la sua raccolta, tra le più importanti del settore a livello mondiale, a Rovereto e Bolzano, per favorirne lo studio e la valorizzazione. Nasce da qui la doppia esposizione – Intermedia. Archivio di Nuova Scrittura, che si sviluppa contemporaneamente nei due musei. La mostra a Museion Intermedia presenta quasi duecento lavori di settanta artiste e artisti, in un percorso che, prendendo le mosse dalla storia e dall’attività dell’Archivio di Nuova Scrittura, ne lega i diversi nuclei di opere – dalla Poesia concreta al Fluxus alla Poesia visiva e visuale – alla luce del concetto di intermedialità. Utilizzato nel 1965 dall’artista Dick Higgins, il termine intermedia definisce forme artistiche fluide, che superano la tradizionale separazione tra i generi. In questo senso, Intermedia assume la connotazione di una terra inesplorata, che si trova tra collage, musica, teatro, arti visive. Al contempo, la mostra intende contestualizzare la produzione artistica delle esperienze verbo-visuali sottolineandone il respiro internazionale e la connessione con altre ricerche artistiche contemporanee. “Negli anni dal 1960 al 1980 il Paese è stato percorso dal boom economico, dalla contestazione del ’68 e poi dal periodo drammatico del terrorismo. Pensavo che i lavori e gli scritti degli artisti verbovisuali italiani e stranieri riflettessero quei momenti e li rappresentassero secondo una prospettiva inedita e profonda, diversa da quella della società borghese e imprenditoriale nella quale ero cresciuto, vivevo e lavoravo.” Così Paolo Della Grazia a proposito della sua raccolta. “Con le loro fratture, dissonanze, contaminazioni e contro-narrazioni i linguaggi della poesia visiva rappresentavano e rappresentano degli spazi di libertà dal conformismo. In un momento storico di facili slogan, credo che il compito di un’istituzione culturale risieda proprio nella capacità di attirare l’attenzione su questo tipo di interstizi e rendere apprezzabili le zone di grigio: quell’idea di un “in-between” professata dal filosofo creolo Eduard Glissant, a cui Museion si è ripetutamente votata. In questo senso, la mostra non è solo un omaggio alla figura di Paolo Della Grazia e alla sua visionarietà come collezionista, ma ribadisce come la rivoluzione linguistica italiana e internazionale degli anni Sessanta e Settanta sia più attuale che mai” – così Letizia Ragaglia, direttrice di Museion. A cura di Letizia Ragaglia, in collaborazione con Andreas Hapkemeyer, Elena Bini, Frida Carazzato, Giorgio Zanchetti

Museion Piazza Piero Siena 1, Bolzano, BZ
Philipp Messner, Dissolved Landscapes
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-18:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 05 Gen 2020 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica

Il progetto dell’artista Philipp Messner (Ortisei, Bolzano, 1975) nasce da un’azione performativa sul paesaggio. Durante le festività natalizie, quando le tradizioni religiose e pagane si intrecciano, la facciata di Museion si trasforma in una grande pittura mediale, in cui non tutto è ciò che sembra. E' parte del progetto anche un'opera fotografica, esposta al pianoterra di Museion. In collaborazione con l’Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano Media Façade Proiezioni a novembre: 22/11, ore 22-23.30 e in occasione della Lunga Notte dei Musei di Bolzano il 29/11/2019, ore 01–01.30 Proiezioni a dicembre: 02/03/04 & 09/10/11 & 16/17/18, ore 19-21.30

Museion Piazza Piero Siena 1, Bolzano, BZ
I presepi nella Hofburg
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-17:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Lun 06 Gen 2020

La collezione di presepi alla Hofburg di Bressanone presenta tre secoli di presepi. Le statuine intagliate e abbigliate, originarie del Tirolo, di Napoli e della Sicilia, rappresentano la nascita di Gesù Bambino. Un presepe liturgico, risalente al 1800, costituito da oltre 5.000 figure, racconta l’intera vita di Cristo.

Hofburg di Bressanone Piazza Palazzo Vescovile 2, Bressanone, BZ
Il presepe orientale di Erika Rubatscher
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-17:00 |
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Lun 06 Gen 2020

Il Presepe orientale è opera di Erika Rubatscher. Proveniente da una collezione privata è esposto nella Chiesa di corte. Erika Prousch Rubatscher (1931–2009) creò negli anni Novanta un presepe orientale nello stile di Konrad Lechner, che si trova tuttora in proprietà privata della famiglia. Il presepe, composto da 43 figure vestite, mostra sia l’adorazione dei pastori sia l’adorazione dei magi. Le teste fuse delle figure e i vestiti sono fatte a mano.

Hofburg di Bressanone Piazza Palazzo Vescovile 2, Bressanone, BZ
NICE TO MEET YOU
1
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-12:30 | 16:00 - 19:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Gio 19 Dic 2019

L’attenzione all’ascolto e alla memoria collettiva nelle opere degli artisti del Team BASE Ø Il progetto “Nice to meet you” del Team BASE Ø, selezionato al concorso “Generazioni – 2019”, contiene i presupposti per mettere in contatto due generazioni apparentemente distanti tra loro, come quelle dei ragazzini e degli anziani, coinvolgendoli in attività di backstage per creare emozioni e stimolare la capacità d’ascolto e di osservazione. Nei due incontri preparatori di tipo laboratoriale, sono stati coinvolti questi due target, che hanno avuto modo di interagire tra loro e di raccontare le proprie storie ed episodi della propria vita. Le loro testimonianze e le immagini direttamente collegate sono state raccolte ed utilizzate dagli artisti del Team BASE Ø per la realizzazione di ritratti pittorici, alcuni verosimili ed altri “dell’anima”, che riprendono infatti non solo l’esteriorità della persona ma l’oggetto del suo racconto, in modo da incentivare l’attenzione all’ascolto e la memoria collettiva. La mostra “Nice to meet you”, che comprende anche i lavori creati dai partecipanti agli incontri di backstage, dimostra come siano state create emozionanti connessioni reali tra persone mediante il confronto diretto e come la condivisione della cultura attraverso il racconto delle proprie esperienze può portare alla creazione di opere d’arte in grado di veicolare emozioni ed accogliere il visitatore alla mostra finale dicendogli “Piacere di conoscerti!”.

SPAZIO RESISTENZE Via Torino 31, Bolzano, BZ
C’era una volta…giochi e giocattoli d’altri tempi
0
Exhibitions
Mercoledì, 11 Dic 2019 10:00-12:30 | 14:00 - 19:00
L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Mar 24 Dic 2019

A partire dal 7 dicembre, palazzo Mercantile ospita la mostra “C’era una volta … giochi e giocattoli d’altri tempi”, un viaggio nei ricordi che incanterà i piccoli visitatori e non solo. I collezionisti di giocattoli di Bolzano Gianni Bonardo, Aldo Braito, Guido Mazzoli, Bruno Sterchele Lukas Baumgartner e Gianluca Musetti metteranno a disposizione i loro tesori per questo evento. In esposizione ci saranno pezzi unici e giocattoli rari del periodo compreso tra il 1880 e il 1950 – anche da provare, nei weekend – oltre ad un angolo riservato ai bambini con attività e laboratori.

Palazzo Mercantile Via dei Portici 39, Bolzano, BZ
Fondazione Provincia

I migliori eventi Exhibitions!

Scopri i migliori eventi Exhibitions per sapere cosa fare oggi, domani o nel fine settimana!
Risultati 1 - 25 di 42