Oggetti fuori luogo - Pubblicato da Reichegger

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

“Oggetti fuori luogo”, ovvero i musei entrano nei supermercati: è questa l’azione artistica di Hannes Egger che dal 18 febbraio per dodici settimane porterà a turno, di settimana in settimana, sei oggetti provenienti da musei altoatesini in dodici supermercati della provincia di Bolzano.

Racchiusi in cubi di plexiglas e sistemati sugli scaffali insieme alla merce in vendita, gli oggetti “fuggiti” dai musei di appartenenza si offriranno in contesti nuovi, che stridono con la loro origine

Contatti :

Date e orari evento :

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si tiene dal 18 Mag 2024 al 10 Nov 2024
    La regione del Tirolo-Alto Adige-Trentino è sempre stata considerata una regione di transito e di collegamento tra le aree di lingua tedesca e italiana. Non venivano scambiati solo beni commerciali, ma anche culturali. Nel XVI secolo, in un periodo ricco di sconvolgimenti, gli artisti provenienti dai centri della Germania meridionale portarono in Sudtirolo un nuovo linguaggio formale del Rinascimento ed entrarono in contatto con gli artisti italiani del Rinascimento e del Manierismo. Intorno al 1630 si conclude il periodo degli artisti di corte che vengono dall’estero e molti tirolesi si recano a loro volta nei centri artistici europei. La mostra INTRA/EXTRA intende utilizzare le biografie degli artisti per richiamare l’attenzione sul fenomeno della loro migrazione e sulle reciproche influenze culturali che ne derivano. L’attenzione è rivolta soprattutto alle biografie che seguono modelli diversi. L’esposizione mostra ai visitatori le opere di oltre 20 artisti emigrati o provenienti dal Tirolo meridionale. Le loro diverse biografie e formazioni stilistiche portano alla formazione di fenomeni artistici del tutto peculiari. L’abilità artistica rimane legata ai luoghi e alle attività regolamentate dalle corporazioni. La mostra sensibilizza il concetto di “migrazione” e chiarisce che le migrazioni degli artisti sono sempre state viste come un elemento di arricchimento e un concetto educativo quasi necessario. Artisti come Bartlmä Dill Riemenschneider, Hans Reichle, Christoph Helfenrieder, Paul Honegger, Martin Theophil Polak, Orazio Giovanelli, Johann Worath, Stephan Kessler, Matthias Pußjäger, Johann Degler, Giacomo Antonio Delai, Michelangelo Unterberger, Paul Troger, Martin Knoller, Cristoforo Unterberger, Johann Georg Platzer, Johann Ev. Holzer, Joseph Wengenmayr, Matthäus Günther, Carl Henrici e Johann Peter Pichler sono l’emblema di un dinamismo in grado di stimolare risultati significativi, non da ultimo nei cambi di sede temporalmente molto estesi oppure limitati ad una stagione. Foto: Wien Museum
  • L'evento si tiene dal 23 Apr 2024 al 04 Nov 2024
    Ogni martedì sera ti invitiamo cordialmente a partecipare a un viaggio affascinante nel passato. Il nostro museo dei fossili a Meltina apre le sue porte per condurti nel mondo dei tesori preistorici. Scopri fossili rari e apprendi di più sulla storia del nostro pianeta. I nostri esperti guide sono pronti ad illustrarti tutto ciò che c'è da sapere sui fantastici reperti e a rispondere alle tue domande. Che tu sia un appassionato di fossili o semplicemente curioso, le nostre visite guidate offrono qualcosa per tutti. Non perdere l'occasione di vivere un'indimenticabile esperienza nel passato ogni martedì sera! Iscrizioni entro lunedì alle ore 12 presso l'ufficio turistico di meltina, +39 334 279 0200 o info@moelten.net.
  • L'evento si tiene dal 14 Giu 2024 al 29 Giu 2024
    Un racconto visivo del fotografo Alexey Pivovarov che ripercorre i paesaggi, i luoghi, i volti e gli ambienti che hanno incontrato lo sguardo e il respiro di Tiziano Terzani per molti anni. Ma oltre a questo, ci ha presentato anche un modo di concepire la vita estraneo a noi occidentali: quello incarnato dall’Oriente. L’artista seguendo l’insegnamento della Montagna Orsigna, dove ha scelto di vivere, invita ognuno di noi a interrogarsi sul nostro personale rapporto con la Natura: fonte primaria a cui attingere per raggiungere il significato profondo del vivere, per dare valore alle nostre esistenze attraverso quel modus vivendi che spesso riassumiamo col termine di “Spiritualità”. Inaugurazione: venerdì 14/06/2024, ore 18:00 Durata della mostra: dal 15 al 29/06/2024 Orari di apertura: lunedì-sabato ore 15:30 – 22:30 Entrata libera ___ Alexey Pivovarov Nato nel 1980 nella città industriale di Tchelyabinsk, negli Urali meridionali, in Russia. Nel 2004, ha vinto il primo premio del concorso fotografico nazionale del Corriere della Sera, grazie al quale ha frequentato un workshop con Gianni Berengo Gardin. Ha poi iniziato a lavorare nell’editoria, prima a Milano con l’agenzia Prospekt Photographers e poi ha lavorato a progetti fotografici che lo hanno portato in India, Nepal, Azerbaijan, Egitto, Russia e Italia per riviste italiane e internazionali. Ha collaborato con National Geographic, Marie Claire, L’Espresso e altri. Dal 2007 ad oggi, è stato fotografo della rivista Baku. Ha partecipato alla realizzazione della parte fotografica del libro “Perché agli italiani piace parlare del cibo”; un itinerario attraverso la storia, la cultura e le abitudini di Elena Kostioukovitch con un’introduzione di Umberto Eco. Il libro è stato tradotto in diverse lingue e pubblicato in tutto il mondo. Ora il suo interesse si concentra sulla sfera della fotografia poetica, come definita da un grande fotografo dell’agenzia Magnum, Georgy Pinkhassov, da cui ha appreso la visione della luce, che ci porta al di là della forma e ci permette di catturare momenti non solo in modo documentaristico, ma consente a ogni singola fotografia di diventare un universo parallelo. Dopo la pandemia, si è trasferito con la sua famiglia nel borgo di Orsigna, un piccolo villaggio nell’Appennino tosco-emiliano. ___ “Dopo tante avventure intorno al mondo e tanti amori per il Vietnam, la Cina, il Giappone e ora per l’India, mi domando se questo luogo non sia il mio vero, ultimo amore” Così scriveva Tiziano Terzani riguardo all’Orsigna, quel territorio d’alta quota – una manciata di minuscoli borghi nascosti tra i boschi dell’Appennino Pistoiese, e raggiungibili, a volte con fatica, attraverso una strada tortuosa – che, per tutta la vita, era stato il suo rifugio, il luogo in cui sentiva la necessità di tornare ogni estate. E dove, prossimo alla fine della sua permanenza su questa terra, aveva deciso di intraprendere una personalissima ricerca sul significato, intimo e profondo, sul senso dell’esistenza e sul rapporto tra l’Uomo e la Natura. A vent’anni dalla morte del grande giornalista, scrittore, viaggiatore instancabile per mondi lontani (e riconosciuto maestro spirituale), il ricordo del suo rapporto con questo particolare ambiente naturale, viene sapientemente restituito dalla narrazione poetica degli scatti di Alexey Pivovarov. Ogni sua fotografia rappresenta una tessera a comporre uno scenario corale di grande impatto emotivo che raccoglie e interpreta l’eredità dell’amore che Tiziano Terzani provava e trasmetteva, in ogni suo scritto, in ogni sua azione e soprattutto in ogni sua non azione, fatta di ricerca spirituale che mutuava dalla sua conoscenza del sapere dell’Oriente, per l’Orsigna e i suoi abitanti. Il progetto fotografico di Pivovarov, prodotto interamente dal Centro per la Fotografia Contemporanea 00A, svela non solo i luoghi nel loro ciclico, inesorabile reinventarsi con l’alternarsi delle stagioni, ma soprattutto le persone che li abitano e li rispettano praticando una virtuosa economia di sussistenza. L’artista seguendo l’insegnamento della Montagna Orsigna, dove ha scelto di vivere, invita ognuno di noi a interrogarsi sul nostro personale rapporto con la Natura: fonte primaria a cui attingere per raggiungere il significato profondo del vivere, per dare valore alle nostre esistenze attraverso quel modus vivendi che spesso riassumiamo col termine “Spiritualità”.

Inserisci i tuoi eventi sul primo e più amato calendario di eventi dell'Alto Adige!

HAI GIÀ UN ACCOUNT?

ACCEDI

NON HAI ANCORA UN ACCOUNT?

Non perderti i migliori eventi in Alto Adige!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE

Vuoi vedere i tuoi eventi pubblicati sul nostro magazine?

RICEVI UN AVVISO AL MESE PER LA CHIUSURA REDAZIONALE

Vuoi promuovere i tuoi eventi o la tua attività? Siamo il tuo partner ideale e possiamo proporti soluzioni e pacchetti su misura per tutte le tue esigenze.

VAI ALLA SEZIONE PUBBLICITÀ

CONTATTACI DIRETTAMENTE

INSIDE EVENTS & CULTURE

Magazine mensile gratuito di cultura, eventi e manifestazioni in Alto Adige-Südtirol, Trentino e Tirolo.
Testata iscritta al registro stampe del Tribunale di Bolzano al n. 25/2002 del 09.12.2002 | Iscrizione al R.O.C. al n. 12.446.
Editore: InSide Società Cooperativa Sociale ETS | Via Louis Braille, 4 | 39100 Bolzano | 0471 052121 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..