17. Alta Pusteria Int. Choir Festival: Concerto in piazza - Pubblicato da ale inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Concerto in Piazza San Michele: concerto "warm up" in Piazza prima della grande sfilata dei cori.

Contatti :

Date e orari evento :

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • Il nome di questo coro maschile è un po’ fuori dal comune e merita una breve spiegazione. In dialetto altoatesino, "Brummnet" significa "Perché no?" e fu la risposta dialettale della direttrice del coro, Clara Sattler, alla domanda del coro "Non potresti cantare per noi?" Tuttavia, "Brumm net" significa anche "non canticchiare" e si legge come un invito rivolto agli uomini del coro di cantare correttamente, cioè in modo melodioso. Con la giusta immaginazione si possono facilmente trovare altre interpretazioni. Nel suo percorso ventennale, il coro sotto la direzione di Clara Sattler e Johann van der Sandt si è affermato nel panorama corale altoatesino e oltre i confini del Sudtirolo anche grazie al vasto repertorio e grazie alla perfetta e impeccabile maestria nell’esecuzione. L'ensemble canoro ha mosso i primi passi con la canzone popolare "allo stato naturale", non in concerto ma dove la musica popolare è di casa e dove viene creata spontaneamente: Nei pub, nei bar, nelle locande, in famiglia o quando ci si incontra tra musicisti. È proprio questo il menu musicale che viene presentato nell'elegante ambiente del Centro Culturale di Dobbiaco.
  • Johann Sebastian Bach: „Sinfonia“ aus der Kantate/dalla Cantata „Am Abend aber desselbigen Sabbats“, BWV 42 Wilhelm Friedemann Bach: Suite in g-Moll/ sol minore, BWV 1070 Overture – Torneo – Aria - Minuetto I/II - Capriccio Wilhelm Friedemann Bach: Sinfonia in F-Dur/ fa maggiore Dissonanzen, F 67 Vivace – Andante – Allegro - Minuetto I/II Johann Sebastian Bach: Orchestersuite Nr. 3 in D-Dur/ Suite orchestrale n. 3 in re Maggiore, BWV 1068 Overture – Air - Gavotte I/II – Bourrée – Gigue La European Union Baroque Orchestra (EUBO) è un'orchestra specializzata nell'esecuzione di musica barocca su strumenti storici, costituita da giovani musicisti professionisti provenienti dai paesi dell'Unione Europea. Ambasciatore Culturale per l’Unione Europea, EUBO è stata fondata in Gran Bretagna nel 1985 come grande iniziativa dell’Anno Europeo della Musica per celebrare i 300 anni di tre grandi musicisti barocchi: Johann Sebastian Bach, Domenico Scarlatti e George Friderich Haendel. Da allora più di 600 musicisti di EUBO hanno suonato oltre 900 concerti in 54 paesi nel mondo. Dal 2022 è gestita dalla Fondazione ICONS e ha sede in Italia
  • Cantante: Visa Mkhaya Percussione: Ramadu Vocal Cantante: Blessings Nkomo Pianoforte: Roland Guggenbichler Violino: Cristian Nenescu Violino: Gabriel Karger Viola: Michael Buchman Violoncello: Hannah Pichler Programma: Masiyeni Wolfgang Amadeus Mozart, K.397, fantasia in D minor Zunghikhumbule Wolfgang Amadeus Mozart, sonata A major K 331 Uthando Wolfgang Amadeus Mozart, sonata per pianoforte in La maggiore K 331 1 Qula Traditional Bheka Kimi Wolfgang Amadeus Mozart, Rondò in re maggiore, K.485 Nomalanga Antonio Salieri, concerto per pianoforte in do maggiore Inzima L`endlela Traditional Emakhaya Blessings Nkomo & Roland Guggenbichler Laduma Vusa Mkhaya Hard Times Joseph Haydn, Menuetto in Fa maggiore Hob. IX:8 Thula sizwe Traditional Phakathi Wolfgang Amadeus Mozart, Il flauto magico, aria "In questi sacri aule" La loro prima esibizione non poteva essere più appropriata: È stato per celebrare i "10 anni di fine dell'Apartheid" che Vusa Mkhaya, Ramadu, Blessings Nkomo e Roland Guggenbichler hanno mosso i primi passi insieme sul palco della “Radiokulturhaus” di Vienna in direzione MoZuluArt – unica è la combinazione tra musica classica e africana. L'ensemble ha sempre affrontato la musica di Mozart con attenzione. Le melodie del maestro austriaco sono state arricchite con elementi della tradizione canora dell'Africa meridionale, con lo stile caratteristico delle voci maschili e con i suoni tipici degli Ndebele e degli Xhosa. Il repertorio del gruppo viene completato da composizioni di Miriam Makeba e Solomon Linda, nonché da Mbube e gospel tradizionali, che MoZuluArt interpreta in un contesto europeo. Dopo tre acclamati concerti nell'ambito della Settimana Mozart 2024 di Salisburgo all'inizio dell'anno, i musicisti di MoZuluArt non vedono l'ora di debuttare al Festival Dolomites. "La musica è sempre riuscita ad avvicinare persone di diversa provenienza" (Vusa Mkhaya).

Inserisci i tuoi eventi sul primo e più amato calendario di eventi dell'Alto Adige!

HAI GIÀ UN ACCOUNT?

ACCEDI

NON HAI ANCORA UN ACCOUNT?

Non perderti i migliori eventi in Alto Adige!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE

Vuoi vedere i tuoi eventi pubblicati sul nostro magazine?

RICEVI UN AVVISO AL MESE PER LA CHIUSURA REDAZIONALE

Vuoi promuovere i tuoi eventi o la tua attività? Siamo il tuo partner ideale e possiamo proporti soluzioni e pacchetti su misura per tutte le tue esigenze.

VAI ALLA SEZIONE PUBBLICITÀ

CONTATTACI DIRETTAMENTE

INSIDE EVENTS & CULTURE

Magazine mensile gratuito di cultura, eventi e manifestazioni in Alto Adige-Südtirol, Trentino e Tirolo.
Testata iscritta al registro stampe del Tribunale di Bolzano al n. 25/2002 del 09.12.2002 | Iscrizione al R.O.C. al n. 12.446.
Editore: InSide Società Cooperativa Sociale ETS | Via Louis Braille, 4 | 39100 Bolzano | 0471 052121 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..