banner eventi annullati it

Alf Poier (A): Humor im Hemd - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Alf Poier, umorista dadaista austriaco ed eterno provocatore, ci onora ancora una volta con il suo nuovo spettacolo, ponendosi diverse domande:

"La gente spesso dice: ‘Non capisco più il mondo!’ – Giro al contrario - il mondo non mi capisce più. Sono io il pazzo o è il mondo ad esserlo?
Cosa resta da dire in vista della dittatura digitale e dell'estinzione del buon senso? L'arte può salvarci o devo io salvare l'arte? Dove dovremmo fuggire? Nell'eutanasia spirituale, nell'assurdo, nella tradizione, o meglio ai Caraibi? E cosa può avere a che fare una scatoletta di tonno con la conoscenza ultima?
Alla fine dello show potreste saperne di più - o meglio ancora - forse niente di più!”

Alf Poier affronta queste domande nel suo modo inconfondibile da filosofo dadaista, cross-over artist nichilistico e spirituale. Si cimenta con i mezzi che lo hanno reso famoso: dipinti, oggetti, canzoni e giochi di parole in puro "stile Poier".

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Gio 29 Ott 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 12 Feb 2021
    LA COMPAGNIA TEATRALE “AMICI DEL TEATRO DI PIANIGA APS – Pianiga (VE) presenta: “ANCORA SEI ORE” commedia brillante in dialetto veneto – tre atti di Davide Stefanato Regia di Davide Stefanato
  • Martedì 15 Dic 2020
    Qualunque cosa accada, Gesù bambino non può essere fermato! Praticamente sta già nascendo ed è in attesa di un felice Natale con squillanti storie natalizie, come possono essere raccontate solo sotto l'albero dell'improvvisazione. E chi pensa che per questo Natale non ci sia nulla da ridere si sbaglia. Indossate la mascherina, gettate in incognito il vostro augurio di Natale sul palco e lasciate che i vostri muscoli della risata si liberino del guinzaglio. All’Impro Carambolage tutto è possibile!
  • Domenica 14 Feb 2021
    da Francesco Piccolo con Claudio Bisio e tre musicisti regia Giorgio Gallione scene Guido Fiorato musiche Paolo Silvestri TEATRO NAZIONALE DI GENOVA Claudio Bisio è il funambolico interprete di La mia vita raccontata male, un monologo in bilico tra romanzo di formazione, biografia divertita e pensosa, catalogo degli inciampi e dell’allegria del vivere; il testo mette in luce che se è vero che ci mettiamo una vita intera a diventare noi stessi, quando guardiamo indietro la strada è ben segnalata da una scia di scelte, intuizioni, attimi, folgorazioni e sbagli, spesso tragicomici o paradossali. Lo spettacolo attinge dall’enorme e variegato patrimonio letterario di Francesco Piccolo, tra i più brillanti autori della sua generazione, vincitore del Premio Strega nel 2014 con il romanzo-confessione Il desiderio di essere come tutti, sceneggiatore dei film di Nanni Moretti, Paolo Virzì, Silvio Soldini e Francesca Archibugi oltre che della serie tv L’amica Geniale tratta da Elena Ferrante. La narrazione si dipana in un’eccentrica sequenza di racconti e situazioni che inesorabilmente e giocosamente costruiscono una vita che si specchia in quella di tutti. Dalla prima fidanzata alle gemelle Kessler, dai mondiali di calcio all’impegno politico, dall’educazione sentimentale alla famiglia, dall’Italia spensierata di ieri a quella sbalestrata di oggi, fino alle scelte professionali e artistiche che inciampano in Bertolt Brecht o si intrecciano con Mara Venier, lo spettacolo, montato in un continuo perfido e divertentissimo ping-pong tra vita pubblica e privata, reale e romanzata, racconta “male”, in musica e parole, tutto ciò che per scelta o per caso concorre a fare di noi quello che siamo. «Perché quello che ho capito è che alla fine ognuno di noi è fatto di un equilibrio finissimo di tutte le cose, belle o brutte.» afferma Piccolo «Ho imparato che, come i bastoncini dello shangai, se tirassi via la cosa che meno mi piace della vita, se ne verrebbe via per sempre anche quella che mi piace di più.»