banner inside pecore2020 IT

Gio Evan - Albero Ma Estro - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Durata: 75'

Gio Evan, all’anagrafe Giovanni Giancaspro, è un artista poliedrico, scrittore e poeta, filosofo, umorista, performer, cantautore e artista di strada. Durante gli anni che vanno dal 2007 al 2015 intraprende un viaggio con la bicicletta che lo porta in gran parte del mondo: India, Sudamerica, Europa. Comincia a studiare e vivere accanto a maestri e sciamani del posto e in Argentina viene battezzato come “Gio Evan” da un Hopi. Nel 2008 scrive il suo primo libro “Il florilegio passato”, racconto che narra dei suoi viaggi, senza soldi né scarpe. Tra il 2012 e il 2013 fonda “Le scarpe del vento”, progetto musicale dove scrive, canta e suona la chitarra. Pubblica il suo primo disco “Cranioterapia”. Nel 2014 inizia due progetti per le strade francesi: “Gigantografie” e “Le poesie più piccole del mondo”. Tra il 2014 e il 2016 pubblica i libri “La bella maniera” (il suo primo romanzo, per Narcissuss), “Teorema di un salto, ragionatissime poesie metafisiche” (Narcissuss) e “Passa a sorprendermi” (Miraggi Edizioni), oltre a scrivere e dirigere l’opera “OH ISSA – Salvo per un cielo”. Nel 2017 esce il libro “Capita a volte che ti penso sempre”, per Fabbri, e segue un lungo tour in tutta Italia. Nel 2018 esce “Biglietto di solo ritorno”, il doppio album di esordio. Dopo un periodo di assenza torna sulle scene nel 2019 con il nuovo romanzo “Cento cuori dentro” (Fabbri Editori) e “Natura Molta”, il nuovo doppio album. Oggi l’artista torna alla ribalta con un nuovo libro di poesie “Se c’è un posto bello sei te” (Fabbri Editori) e il nuovo singolo “Regali fatti a mano” (Universal).

con la partecipazione di Giacomo Oro & Alfredo Gentili

Associazione L'Obiettivo – Racconti di Musica

Tags

Pop

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 02 Ott 2020

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 30 Ott 2020
    Eva Kuen: vocals Philipp Schwarz: guitar, piano Simon Gamper: bass, piano, flugelhorn Manuel Thoma: drums, piano Corinne Amrand è l'alter ego musicale di Eva Kuen. Attraverso il felice incontro con i musicisti Simon Gamper, Philipp Schwarz e Manuel Thoma, ha dato vita una band che sforna perle al limite del mainstream. Käptn Lost ha salpato e naviga in tempi di tempesta, da qualche parte nel mare sconfinato tra art-rock, indie e art pop con occasionali incursioni nel cabaret. Le canzoni scritte da Eva Kuen sono state arrangiate da Gamper e Schwarz per creare un'abbondanza di suoni forti e morbidi. I testi, prevalentemente in tedesco (ci sono anche alcuni titoli inglesi e francesi) sono poetici, ma anche selvaggi e spinosi. Il focus è sui nuovi inizi dopo un fallimento. All’insegna del motto: "...alla fine tutto è sempre un inizio, e se siete fortunati, incontrerete una balena in mare aperto".
  • Martedì 17 Nov 2020
    Philipp von Steinaecker, direttore d'orchestra Stefan Milenkovich, violino Orchestra Haydn di Bolzano e Trento Richard Strauss: Metamorphosen Christian Sinding: Suite im alten Stil, op. 10 per violino e orchestra Pëtr Il'i? ?ajkovskij: Valzer Scherzo in do maggiore, op. 34 per violino e orchestra George Gershwin: Tre Preludi, per violino e archi I biglietti possono essere acquistati online oppure alla biglietteria del Teatro Comunale di Bolzano.
  • Lunedì 09 Nov 2020
    Giacomo Merega: bass Brandon Ross: guitar Zeno De Rossi: drums Il trio "Quasi Non Prosaic" è un nuovo progetto composto da Giacomo Merega al basso elettrico, Brandon Ross alla chitarra e Zeno De Rossi alla batteria. Nasce dalle collaborazioni incrociate dei tre musicisti (Merega e Ross, entrambi residenti a Brooklyn, hanno lavorato insieme nell’ultimo progetto discografico del guru/impresario Kip Hanrahan, mentre De Rossi e Ross in un recente progetto intercontinentale di Frank London). Merega è uno specialista dell’improvvisazione radicale ed un virtuoso del suo strumento, Ross è una vera e propria icona della scena Downtown, mentre De Rossi (ben conosciuto dal Carambolage) è un batterista sensibile e straordinariamente versatile. Il trio presenta un programma di composizioni originali che pongono il discorso improvvisativo in un ambito a cavallo fra il cameristico ed il post-rock, fra la tonalità e la sperimentazione non idiomatica. Immensi spazi da esplorare sia per gli artisti che per le orecchie dell’ascoltatore.