generazioni banner inside cola vidotto OKKK

Maia Music Festival: Alvaro Soler - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Con il concerto di Alvaro Soler, l‘agenzia meranese Showtime Agency annuncia un mega weekend die musica nazionale e internazionale: Dall‘11 al 14 luglio 2019 l‘Ippodromo di Maia si trasforma in un arena concertistica e diventerà sede del Maia Music Festival. Il festival, realizzato in collaborazione con il Comune di Merano e Merano Galoppo srl, vedrà una serie di concerti e segna il ritorno della grande musica all‘Ippodromo più bello d‘Europa dopo quasi 30 anni di assenza.

Cresciuto fra Spagna e Giappone, Álvaro Soler scopre la musica da adolescente, grazie al karaoke. E comincia a scrivere le proprie canzoni, accompagnandosi col piano e la chitarra.
Ma è partecipando all’edizione spagnola di Tú sí que vales che Álvaro entra davvero nel mondo della musica, in qualità di tastierista della band Urban Lights. Siamo nel 2013 ed il gruppo pubblicherà 2 album prima di sciogliersi.

Nel 2015 Álvaro decide di tentare la fortuna a Berlino, con l’intento di dare alla propria carriera una svolta o, in caso di fallimento, rinunciare per sempre alle proprie velleità artistiche. A mettere le cose in chiaro è l’uscita del singolo “El mismo Sol”, brano pop ritmato e fresco che entra di prepotenza nelle classifiche di vendita italiane, raggiungendone subito la vetta. La canzone è per ben 5 volte disco di platino: un successo straripante.
Il testo parla di crescita, della frenetica spinta a conoscere il mondo, con le sue differenti culture. E di come la musica possa aiutare a legare con gli altri, superando le difficoltà.

Il 2016 è l’anno di “Eterno agosto”, album d’esordio di Álvaro Soler anticipato dalla hit “El mismo Sol”. E per il mercato italiano, viene pensata un’edizione speciale contenente i duetti con Emma e Max Gazzé, che si alternano all’artista spagnolo rispettivamente in “Libre” e “Sonrio (la vita com’è)”.
Ma è con “Sofia” che Álvaro raggiunge e supera il successo del primo singolo. La canzone diventa in breve un tormentone, grazie al mix perfetto fra musica tradizionale spagnola e pop moderno. E sale in cima alla classifica italiana, restando nella top ten per più di un anno.
Sulla scia dell’enorme successo ottenuto, Álvaro viene invitato a partecipare a X-Factor Italia in qualità di giudice. E mostrando grande umanità e simpatia, si conquista la stima del pubblico nostrano.

Non è neanche sfumato il successo di “Sofia” che esce “La cintura”, nel 2018. Coinvolgente e infarcito di atmosfere latine, il brano fa subito presa, diventando uno dei più trasmessi dell’estate italiana.
Girato interamente a Cuba, il video è un tripudio di suoni e colori che fanno da cornice ad un incontro scandito da ritmi sudamericani. Grazie ai toni leggeri e spensierati, l’artista spagnolo riesce di nuovo a raccontare se stesso con garbo e talento.
2 volte disco di platino, il brano anticipa l’uscita del secondo album dell’artista: “Mar de colores”, il cui tour omonimo è previsto per il 2019.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Giovedì 11 Lug 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Venerdì 25 Ott 2019
    Nel meraviglioso Teatro Puccini, Silvia Turetta presenterà il suo ultimo album: “La Musica InAttesa – Die versteckte Kunst” accompagnata da moltissimi altri ospiti. Ciò che Silvia ha deciso di fare con il suo ultimo lavoro è di raccontare con la musica un piccolo ma appassionatissimo mondo fatto di artisti che non possono, o non vogliono, trasformare la loro musica in professione. Ingegneri violoncellisti, medici batteristi, architetti bassisti sono solo alcuni esempi di una società musicale ricchissima ed interessante proprio per la sua eterogeneità. Gli artisti di cui e con cui ha voluto raccontare sono musicisti per i quali la Musica è il mezzo d'espressione per eccellenza, la vibrazione di fondo che accompagna ogni azione e pensiero della vita quotidiana. Ecco quindi la doppia lettura del nostro titolo: la “Musica InAttesa” è quella che mai ti aspetteresti da una persona che conosci solo nei panni di un falegname ma è la stessa Musica ad essere “in attesa” per quello stesso falegname che durante le lunghe giornate dietro al banco da lavoro avrà nelle orecchie e nel cuore ciò che suonerà dopo aver spento le macchine. Prevendita: tel. 333 6892110 o tel. 333 4778981
  • Domenica 17 Nov 2019
    BIGLIETTI ONLINE: https://tickets.fondazioneteatro.bolzano.it/application.aspx?id=3451 Si tratta di un programma sinfonico composto da una ventina di brani. Il concerto è concepito come un’alternanza dei ritmi di ballo più in voga in Italia nel diciannovesimo secolo che rappresentano una piacevole divagazione dalla solennità austera del melodramma ottocentesco. Di conseguenza passano in rassegna musicisti italiani che in molti casi hanno vissuto una gloriosa carriera artistica riconosciuta a livello internazionale. Non si pensi che si sia voluto deliberatamente ignorare il genere musicale più in voga nell’Ottocento, vale a dire il valzer viennese: al “re del valzer” Johann Strauss figlio è riservato un posto speciale, come si riserva ad un ospite speciale, proprio al centro del programma; ma si tratterà di un omaggio alla musica italiana offerto dal più illustre esponente della musica viennese.