corsi e percorsi banner inside GIUSTO

Massimo Cacciari - La mente inquieta - Pubblicato da Azienda di Soggiorno di Bolzano

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Massimo Cacciari, filosofo ed ex sindaco di Venezia, è il primo autore che è stato invitato all'edizione 2019 di "Un Natale di Libri". Con il suo "La mente inquieta. Saggio sull'Umanesimo" (Einaudi)Cacciari ci fa capire come le cose siano piú complesse e meno schematiche, e come la stessa filologia umanistica vada in realtà inserita in un progetto culturale piú ampio nel quale l’attenzione al passato è complementare alla riflessione sul futuro, mondano e ultramondano.

Moderatore: Alberto Faustini

Contatti :

  • Organizzatore : Azienda di Soggiorno di Bolzano
  • Indirizzo : Vicolo Gumer 7, Bolzano, BZ
  • Email : events@bolzano-bozen.it

Date e orari evento :

Venerdì 20 Dic 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 27 Ott 2020
    CLAUDE DEBUSSY : Sonata per violino e pianoforte L148 BÉLA BARTÓK : Rapsodia per violino e pianoforte n. 2 MAURICE RAVEL : Sonata per violino e pianoforte n. 2 in sol magg. JOHANNES BRAHMS : Sonata per violino e pianoforte n. 3 in re min. op. 108 Il violinista venezuelano Giovanni Guzzo si è affermato come uno degli artisti più versatili e carismatici della sua generazione. Figlio di genitori italiani e venezuelani, Giovanni Guzzo entusiasma ad ogni suo concerto con il suo carisma e la sua passione. Entusiasta camerista, Guzzo ha lavorato a stretto contatto con alcuni dei più importanti musicisti di oggi, tra cui Martha Argerich, Joshua Bell, Martin Fröst, Daniel Hope, Takacs Quartets e Maxim Vengerov. Si esibirà a Bolzano il 27 ottobre e interpreterà sonate di Claude Debussy, Béla Bartók, Maurice Ravel e Johannes Brahms. Il suo accompagnatore pianistico Zoltán Fejérvári si è esibito in rinomate sedi concertistiche in Europa e negli Stati Uniti. È un appassionato camerista.
  • Venerdì 31 Gen 2020
    Fondazione Live Presentation of Turris Babel No 116 A conversation on architecture with Daniel A.Walser & Alberto Winterle 31.01.2020, 19.00- 20.30 Free entry & drinks Free guided tour at 18.00 In occasione della nuova edizione della rivista Turris Babel, la Fondazione Antonio Dalle Nogare presenta nuove prospettive architettoniche contemporanee: una conversazione tra Daniel A. Walser (architetto e professore alla Fachhochschule Graubünden) e Alberto Winterle (architetto e direttore di Turris Babel) partendo da alcuni particolari progetti che caratterizzano la produzione architettonica in Alto Adige.
  • Venerdì 24 Gen 2020
    Una cooperazione con il Künstlerforum di Bonn Leonhard Angerer (IT) | Darja Eßer (DT) | Sibylle Feucht (DT) | Christine Gallmetzer (IT) | Thomas Grandi (IT) | Annegret Heinl (DT) | Hubert Kostner (IT) | Susanne Krell (DT) | Martine Metzing-Peyre (DT) | Sissa Micheli (IT) | Jindeok Choi (DT) | Elisabeth Oberrauch (IT) | Anuschka Prossliner (IT) | Karin Schmuck (IT) | Karl Theo Stammer (DT /IT) | Sukyung Kim (DT) | Lukas Thein (DT) Nell’ambito di due appuntamenti espositivi (il primo organizzato nel 2019 a Bonn), questa cooperazione artistica tocca le tematiche del viaggio e della natura in linea con l’approccio di Alexander von Humboldt. “Tutto è interazione e reciprocità”, scriveva il genio eclettico, esploratore, naturalista e cosmopolita. La mostra si riallaccia sotto molti versi al grande studioso e al suo pensiero che, anche ad oltre due secoli di distanza, non cessa di essere di attualità. L’iniziatore dello scambio internazionale è Karl-Theo Stammer di cui l’Alto Adige è divenuta seconda patria. Analogamente al Sudtirolo, anche la sua Renania è sempre stata zona di transito e, soprattutto in virtù dell’attrattiva turistica, gode oggi di un alto grado di notorietà. Il Südtiroler Künstlerbund, impegnato da ormai tre generazioni a promuovere progetti culturali e giovani talenti, incoraggia al pari del Künstlerforum di Bonn anche la cooperazione internazionale. Su questo sfondo il tema del viaggio è quanto mai ovvio e parimenti complesso, coniuga aspetti positivi come l’ampliamento dell’orizzonte culturale e ripercussioni negative derivanti dall’odierna mobilità. Contributi grafici di Karl Theo Stammer e Anuschka Prossliner rimandano alla natura esplorativa di Humboldt, solito disegnare e tenere diari di viaggio. Elisabeth Oberrauch rilega libri, spennellandovi acquerelli durante i suoi viaggi. Ma anche riferimenti più remoti al grande studioso generano, nella mostra, una varietà di associazioni che ne riportano il pensiero nell’attualità del XXI secolo: la ricercatrice figurativa Christine Gallmetzer indaga con la sua pittura le condizioni del raffigurare. Sulla stessa linea, anche Thomas Grandi che, come la collega, assume in prima persona il ruolo di esploratore. Un altro complesso di temi toccato dalla mostra è quello del viaggiare inteso come incontro, scoperta ed esperienza, come nelle creazioni di Hubert Kostner e Karin Schmuck. Ricorrendo a strumenti e media diversi e muovendo da punti di partenza differenti, artiste ed artisti trattano la tematica sulla scorta del proprio personale vissuto assumendo la posizione di osservatore, come ben emerge nelle fotografie di confine di Leo Angerer o nelle proiezioni di Sissa Micheli. Gli incontri di Bolzano e Bonn, richiamandosi sotto molteplici aspetti alla storia, promuovono dibattiti e confronti attuali offrendo, sul futuro, spunti di riflessione che si riallacciano al passato.