banner inside 01 it

Juri Nesterov | A Life: pictures from Ukraine - Pubblicato da Kunstraum

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Juri Nesterov | A Life: Pictures from Ukraine

Quando guardo nel mirino della mia macchina fotografica, mi succede una cosa inspiegabile. La mia memoria ricorda migliaia di immagini già viste e il mio cuore sente migliaia di melodie già sentite nel passato. È solo un attimo. Dopo voglio spiegare con le parole. Penso che il mondo che mi circonda diventi uno specchio del mio stato interiore. Vedo una messa in scena con i passanti che cercano il loro posto. È un teatro dove gli uomini fanno parte di uno spettacolo sorprendente e banale che si chiama “vita”.

Quando osservo le fotografie stampate, ho l’impressione che siano elettrizzate. Spesso la gente vuole sapere dove ho scattato quella foto, con quale macchina fotografica, con quale obiettivo. E mi viene voglia di rispondere: “Nel mondo degli uomini, con i loro pensieri, delusioni e speranze”. Ma preferisco tacere. La gente vuole sentire solo quello di cui ha bisogno. Che importanza ha sapere dove ho premuto il pulsante della camera? Quando l’osservatore sente l’energia che trasmetto con le mie immagini visuali, ogni spiegazione diventa superflua.

Guarda il mondo, vediamo tutti lo stesso cielo stellato!

Sono nato nel 1954 nell’Unione Sovietica, a Krasnyj Lutsch. Ora è diventata una zona di conflitto nell’Est dell’Ucraina. Ho un diploma di ingegnere. Da 45 anni mi dedico alla fotografia, anche se la prima macchina fotografica di plastica l’ho ricevuta tanto tempo prima. Mi piaceva l’odore particolare della camera oscura. Mio padre, appassionato di fotografia, mi regalò la sua Zenit.

Ormai sono tanti anni che vivo a Kiew, nella capitale dell’Ucraina, dove avevo trovato lavoro presso un giornale. Negli anni 1970 ho partecipato a mostre collettive in Jugoslavia, Cecoslovacchia, Polonia, Unione Sovietica e Messico, seguite da varie mostre personali in Italia (tra cui anche nel Kunstraum Cafè Mitterhofer), Spagna, Inghilterra e Ucraina.

Alcuni dei miei lavori sono conservati in collezioni private, altri nei musei dell’Ucraina. Uno è stato distrutto duranti i bombardamenti. Mi piace ancora l’odore del liquido di sviluppo e continuo a fotografare con la pellicola. Sviluppo e stampo le fotografie nella mia cucina.

Questa è la mia vita.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni settimana fino a Ven 29 Mar 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Ven 14 Giu 2019
    OVERFLOW | Karin Schmuck L’opera fotografica di Karin Schmuck è incentrata sugli sforzi e sui fallimenti umani e parla delle contraddizioni negli affetti e dell’ambivalenza nei sentimenti e nei rapporti sia con gli altri che con sé stessi. La sua fotografia è una messa in scena che ricorda la pittura su tavola medioevale, soprattutto la pittura fiamminga. Giocando sapientemente col simbolismo e l’inversione della composizione classica, l’artista dà una forza ed un’atmosfera insolita alle sue opere, che riescono a toccare l’osservatore e lo invitano ad uno sguardo più consapevole. Le immagini di natura morta che solo a seconda vista rivelano un momento decisivo, si alternano a dettagli di figure umane che stanno per compiere delle azioni anche assurde. Sembrano riemergere da un oscuro inconscio come paesaggi interiori e chimere, evocando associazioni prima respinte e poi riprese. L’aspetto performativo è una costante nel lavoro di Karin Schmuck, nato dalla sua esperienza di teatrodanza, anche se in questo caso gli attori agiscono solo per la macchina fotografica. I lavori fanno parte di un ciclo di ritratti artistici, tema che viene approfondito dall’artista da molti anni. La mostra viene presentata nell’ambito dell’iniziativa “Solitudine e ira” - Vie al Museo 2019” del Museo Civico di Brunico - Associazione Pro Museo di Brunico. Per ulteriori informazioni: www.stadtmuseum-bruneck.it Biografia Karin Schmuck, nata nel 1981 a Bolzano, ha studiato pittura a Urbino e fotografia a Bologna. Ha partecipato a varie mostre in Italia e all’Estero. Vinitrice del Combat Prize 2017 e del Premio Carlo Gajani 2018 con “The Pillars of Herkules”, un progetto sulle Colonne d’Ercole sullo Stretto di Gibilterra a cui sta attualmente lavorando.. Vive e lavora tra Castelrotto/BZ e Bologna. kschmuckster@gmail.com karinschmuck.com Ulteriori appuntamenti della serie: 17.4. - 12.5. 2019 Mostra SOLITUDINE E IRA, Museo civico di Brunico Inaugurazione: 16.4.2019 Artisti/e: Leonard Alberti, Oswald Auer, Jaša, Matthias Lautner, Kuno May, Helmut Ortner, Ali Paloma, Adam Pescoller, Carlo Speranza, Tobias Tavella, Maximilian Weber, Andreas Zingerle 18.5.2019 Progetto artistico „cad_ein (S)chnitt“, ex caserma della Guardia di Finanza, San Pietro/Valle Aurina Con Alois Steger, Paul Feichter e Josef Oberhollenzer 15.6. – 6.7.2019 Mostra SOLITUDINE E IRA, Galerie 90 di Rio di Pusteria Inaugurazione: 14.6.2019 Artiste: Celestina Avanzini, Gudrun Petrik, Romina Zanon