banner inside 01 it

Buchhandlung Kalter König - Pubblicato da ar/ge kunst

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

La mostra dell’artista sudtirolese Sven Sachsalber (*1987, vive e lavora a New York) si sviluppa intorno a un corpo di lavori composto da tre libri su cui l’artista ha lavorato negli ultimi anni. La mostra si presenta come una sorta di personale libreria abitato da figure e personaggi che hanno in-formato il suo immaginario, dall’infanzia fino ad oggi, dal kalt König fino a Martin Kippenberger. L’opera che da il titolo alla mostra, parte proprio dal libro di Kippenberger, "No Drawing No Cry", un’edizione che raccoglie le carte intestate, con i loghi degli hotels, dove Kippenberger soggiornò e che diedero vita alle sue famose serie di disegni “Hotel” e “Hotel-Hotel”. Sachsalber, dopo aver ricevuto in regalo questa rara edizione, ha usato le sue pagine bianche come diario personale per un anno, disegnandoci il suo personale immaginario, dalla sua storia biografica e dai paesi alpini in cui è cresciuto, fino a citazioni di altri artisti e opere d’arte. I 222 disegni di questo diario saranno esposti in una installazione a fianco degli altri due libri "A B BC” e “der Berg” (con Siggi Hofer).

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Sab 13 Apr 2019

Note sugli orari :

Sa/sab h. 10 - 13

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni giorno fino a Ven 28 Giu 2019
    Guarda al futuro la mostra di Antonella Zazzera e si propone come un concerto di opere a più voci, quale esito di una ricerca solida in costante evoluzione e di una pratica singolare del fare scultura. La sua attività, iniziata negli ultimi anni Novanta, guadagna da subito l'attenzione di curatori ed artisti come Enrico Castellani che, nel 2009, in occasione della sua prima personale alla galleria Antonella Cattani, le dedica uno scritto nel catalogo edito per la mostra. Al 1° Premio per la giovane Scultura Italiana, assegnatole già nel 2005 dall' Accademia Nazionale di San Luca di Roma, segue nel 2016 il Premio Arnaldo Pomodoro per la scultura, da cui la personale alla Fondazione di Milano. Il percorso dell'artista (Todi, 1976) è delineato dall' avvicendarsi delle mostre personali in Italia ed all'estero e dalle partecipazioni ad esposizioni significative, tra le quali citiamo le più recenti: Tissage Tressage Fondation Villa Datris pour la sculpture contemporaine (F), Kairos Castle The Art of the Moment Kasteel Van Gaasbeek, Gaasbeek (B). All'origine della modalità operativa e stilistica di Antonella Zazzera è la scelta di un liguaggio definito dall'impiego di un materiale che, per l'intrinseca natura, risponde alle sempre diverse sollecitazioni della luce, trasformando la sua superficie in un evento mai eguale: il rame. "Lavoro con un filo di rame che mai si intreccia ma che si sovrappone e si sedimenta seguendo i parametri determinati dal disegno progettuale, eseguito per ogni scultura" - spiega l'artista. Il procedimento del "passare il filo" si traduce quindi in una infinità di segni, punti e linee che definiscono gli andamenti morbidi e flessuosi di un lavoro dalle forme primarie, naturali. Il tempo del fare è componente essenziale del procedimento e misura del suo compiersi. Un titolo unico, seguito da una numerazione romana distingue i lavori e l'appartenenza del lavoro stesso ad un codice espressivo al quale si riferiscono anche le opere più recenti, ora in esposizione. L'insieme dei codici fino ad oggi elaborati dall'artista è l'opera omnia a cui si riferisce il titolo della personale che inaugura venerdì 3 maggio alla Galleria Antonella Cattani contemporary art. L'allestimento della mostra pone in dialogo le diciotto opere (2016-2019), dalla diversa tipologia, nel rispetto di quei valori armonici che intendono esprimere fino al riflettersi nello spazio che occupano. ll primo incontro è con l'Armonico CCCXXXVIII che, come una "via luminescente", taglia con i suoi 270 cm di altezza la parete principale estendendosi fino a toccare il suolo; la sua natura, propia della scultura ma anche dell' installazione, può ricordarci i feltri di Robert Morris ma senza quella fascinosa svogliatezza, sostituita invece da un carattere assertivo. A seguire le Carte/Scultura, disegni tridimensionali dalla struttura in filo di rame e cellulosa, che si evidenziano per la vivace gestualità segnica, organizzata come la scrittura di una partitura musicale. Non a caso l'Accademia della Filarmonica di Roma ha richiesto ed inserito le immagini di questi lavori nel propio progamma. Nelle opere denominate Quadri, l'artista riduce la forma ad un piano, rinunciando ad evoluzioni e curvature, trattando la superficie come una campitura pittorica. Un numero infinito di fili di rame , dai toni diversi, dal chiaro allo scuro, determinano dei campi di forze che si uniscono in un pattern irripetibile. I Naturalia, sculture in filo di alluminio dal carattere più scomposto, sembrano invece connettersi con lo spazio circostante attraverso quei filamenti liberati da una forma che si fà nido. A chiudere il percorso, accanto all'opera Trame che presenta un codice inedito, è la Ri-Trattica. Si tratta di un seducente " ritratto contemporaneo" che, attraverso la sua forma ovale, evoca, nel nostro vissuto, gli antichi ritratti fotografici. Elementi semplici, da sempre alla base della grande arte del passato, tornano ad essere protagonisti indiscussi del suo procedere armonico e del metodo di Antonella Zazzera, che prevede un’evidente centralità della luce, finalizzata alla definizione dello spazio e della forma, proprio là dove ritmo e segno determinano andamenti morbidi, riconducibili a forme naturali, a misura d’uomo.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Lun 22 Apr 2019
  • L'evento si terrà oggi e ogni settimana fino a Ven 19 Apr 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi
    Sconosciuto ai greci, ai romani e alle civiltà classiche, lo zero è stato inventato nel 610 dall'Indiano Ayrabatta. Inizialmente raffigurato con un punto e in seguito con un cerchietto. Parlare di zero è parlare di inizio, di punto di partenza, di centro tonale da cui si emana l'architettura della vita. Da qui parte tutto, e senza questo luogo non potrebbe esserci tutto quello che conosciamo. Zero è il numero che precede 1 e gli altri interi positivi e segue i numeri negativi. Zero significa anche niente ma è un niente generativo dal quale nascono le regole del mondo. Zero è l'unico numero reale nè positivo nè negativo. I tre artisti Fedrizzi, Ghiotto e Sclaunich vogliono esplorare con i loro lavori visivi i diversi aspetti che caratterizzano lo zero e le sue sfacettature.