banner inside 01 it

Irene Fenara. Distant eyes - Pubblicato da info@kunstmeranoarte.org

0

Informazioni evento

Dal 14 gennaio al 15 marzo Kunst Meran Merano Arte resterà chiuso per il rinnovamento del sistema di allarme e di videosorveglianza.

Proprio durante questo periodo in cui il museo sarà “incustodito” e non dovrebbe essere accessibile al pubblico, sarà possibile, per alcuni giorni, accedere ai suoi spazi e andare alla ricerca, tra le sale vuote, dei progetti di Irene Fenara (1990, vive a Bologna).

Questa giovane artista propone nella sua ricerca una riflessione sullo statuto dell’immagine che investe strumenti solitamente estranei all’arte, come appunto i sistemi di videosorveglianza.

In collaborazione con ArtVerona/ Level 0 e UNA Galleria.

Tags

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 24 Feb 2019
  • Ven 22 Febbraio, 201911:00
  • Sab 23 Febbraio, 201911:00
  • Dom 24 Febbraio, 201911:00

Note sugli orari :

22.02.2019: 15.00– 19.00 23-24.02.2019: 11.00 – 15.00

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni settimana fino a Dom 16 Giu 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    La stagione espositiva di Kunst Meran Merano Arte si apre con la mostra dal titolo Da lontano era un’isola, che comprende tre presentazioni monografiche, una in ciascun piano del museo. Nel 1938 l’artista e designer Bruno Munari (1907 – 1998, Milano) visitò il ceramista futurista Tullio Mazzotta a Albisola, in Liguria. In questo periodo raccolse alcuni sassi sulla spiaggia e poi li portò a casa e li esaminò; queste osservazioni sono state poi pubblicata nel libro del 1971 Da lontano era un’isola in cui, pagina dopo pagina, Munari ha rivelato i mondi nascosti dietro a questi sassi. L’osservazione verso i propri materiali di lavoro e il loro utilizzo sperimentale, il coinvolgimento del pubblico e un’indagine sulle modalità di percezione sono aspetti che accomunano anche i tre artisti invitati. Le opere che presentano si pongono in dialogo con lo spazio espositivo, adattandosi o opponendosi ad esso; oggetti e installazioni preesistenti sono riformulati e ricombinati in relazione al luogo. In particolare, alla base del lavoro di Katinka Bock (1976 Francoforte, vive a Parigi) troviamo un’indagine sulle modalità di visualizzazione dei processi e delle sequenze temporali e di percezione degli spazi espositivi e una riflessione sulle forze esistenti i natura. Nei suoi oggetti in ceramica e in bronzo spesso adotta delle forme caratteristiche dei luoghi circostanti alla sede espositiva: ad esempio include nel processo di fusione delle parti di piante, assumendo la natura come parte integrante delle proprie sculture. Anche nelle sue installazioni lavora spesso con materiali precari come l’argilla cruda, la sabbia o il legno, portando – anche in questo caso – il mondo esterno all’interno dello spazio espositivo. Anche le sculture di Giulia Cenci (1988 Cortona, vive in Amsterdam) creano un rapporto con il luogo che ospita la mostra, sviluppandosi al suo interno e creando una sorta di paesaggio dimenticato. Fome e strutture di derivazione sia organica sia industriale – come ad esempio cavi, pezzi di plastica e metallo o legno– sono raggruppati e dispersi nello spazio, innescando innumerevoli possibili associazioni ma senza mai lasciarsi intrappolare in una singola definizione. Questi lavori danno l’impressione di una disposizione provvisoria, mutevole, in costante mutamento, in cui il visitatore si muove adattando e cambiando costantemente a sua volta il proprio approccio. Giulia Cenci sviluppa infatti i suoi lavori adattandoli sempre allo spazio in cui si collocano, creando in ogni occasione espositiva nuove sequenze e nuove narrazioni. Philipp Messner (1975 Bolzano, vive a Monaco) indaga attraverso i suoi lavori la nostra percezione e i rapporti tra oggetto e osservatore. Nella sua installazione Clouds del 2016 ha fatto sparare neve artificiale colorata nel prato a sud dell’Alte Pinakothek di Monaco, affrontando così con un’operazione di forte impatto la nostra idea di naturale e artificiale e creando un “campo pittorico calpestabile”“. Analogamente, nei suoi lavori più recenti, Messner sfida le nostre abitudini visive, lavorando frammenti di marmo con pigmenti colorati e creando così delle composizioni che disturbano e affascinano al contempo e che si pongono al di là delle tradizionali distinzioni tra pittura e scultura. Attraverso le modalità differenti con cui si confrontano con i materiali e lo spazio espositivo, Katinka Bock, Giulia Cenci und Philipp Messner permetteranno di scoprire una nuova isola in ciascun piano del museo.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 19 Mag 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    REVUE: il Museo delle Macchine da Scrivere “Peter Mitterhofer” di Parcines presenta, dal 6 settembre prossimo, oltre 50 opere dalla collezione Museion/Archivio di Nuova Scrittura. L’esposizione, a cura di Andreas Hapkemeyer (Museion), vede collaborare un museo storico, che quest’anno celebra i 25 anni, con Museion, museo d’arte moderna e contemporanea di Bolzano, sul filo del legame tra parola e immagine. La mostra è parte dell’iniziativa “Out & About”, con cui Museion porta l’arte contemporanea fuori dalla sede istituzionale, coinvolgendo anche luoghi inaspettati. È un’arte che ingloba la scrittura e una scrittura che si fa arte quella al centro delle opere in mostra a Parcines: lettere e parole scritte a macchina, dipinte, ritagliate, fotografate, oscillano in un continuo sconfinamento tra ciò che la mente legge e ciò che gli occhi vedono. La parola, medium esclusivo della letteratura, comincia infatti a comparire nelle opere d’arte nel ventesimo secolo. In questo senso, il percorso prende le mosse dai collage di Erika Giovanna Klien e Fortunato Depero, risalenti agli anni venti del novecento – per presentare un’ampia selezione di opere fino agli anni ’70 e ’80, con alcune posizioni più recenti: collage, stampati, ma anche pittura appartenenti ai movimenti artistici della “Poesia Concreta” e “Poesia Visiva”. Talvolta bastano singole parole, dattiloscritte o stampate, a formare delle opere, come nell’artista Augusto de Campos; altre volte è una singola lettera, frantumata o segmentata, a farsi arte, come nell’artista tedesco Franz Mon. In altri, i testi scritti sono combinati alle immagini, spesso tratte dai giornali, come nei collage di Nanni Balestrini, che in un’altra serie utilizza anche sacchetti di plastica. In Gerhard Rühm, ritagli di articoli formano un’unica, nuova composizione, in cui parole e senso sono frammentati. In posizioni più recenti, come quella dell’austriaco Thomas Feuerstein, fotografia e alfabeto si congiungono. Come omaggio al museo ospitante, la mostra include anche una sezione di lavori dedicati alla macchina da scrivere. Parallelamente alla presentazione nella mostra REVUE a Parcines, anche Museion ospiterà, nell’ambito della mostra “Tutto”, in collaborazione con Sammlung Goetz, una sezione dedicata ad opere sul rapporto tra testo e immagine, quindi alla poesia visiva, provenienti dalla Collezione Museion /Archivio di Nuova Scrittura (dal 13/10/2018 al 24/03/2019). Si conferma così l’attenzione di Museion per un tema della storia dell’arte che fa parte della sua identità fin dalle fasi iniziali della sua storia e che troverà un riflesso anche nella programmazione espositiva del 2019. Artisti e artiste in mostra: Nanni Balestrini, Carlo Belloli, Irma Blank, Ugo Carrega, John Cage/Calvin Sumsion, Eleonora de Barros, Augusto de Campos, Haroldo de Campos, Corrado D’Ottavi, Thomas Feuerstein, Ken Friedman, Heinz Gappmayr, Hiršal/Grögerova, Ji?i Kola?, Brenda Miller, Franz Mon, Stelio Maria Martini, Maurizio Nannucci, Seiichi Niikuni, Decio Pignatari, Gerhard Rühm, Adriano Spatola, Ji?i Valoch.
  • ogni giorno fino a Dom 24 Feb 2019
    Dal 14 gennaio al 15 marzo Kunst Meran Merano Arte resterà chiuso per il rinnovamento del sistema di allarme e di videosorveglianza. Proprio durante questo periodo in cui il museo sarà “incustodito” e non dovrebbe essere accessibile al pubblico, sarà possibile, per alcuni giorni, accedere ai suoi spazi e andare alla ricerca, tra le sale vuote, dei progetti di Irene Fenara (1990, vive a Bologna). Questa giovane artista propone nella sua ricerca una riflessione sullo statuto dell’immagine che investe strumenti solitamente estranei all’arte, come appunto i sistemi di videosorveglianza. In collaborazione con ArtVerona/ Level 0 e UNA Galleria.