gustav mahler 13 27 07 2019

Irene Fenara. Distant eyes - Pubblicato da info@kunstmeranoarte.org

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Dal 14 gennaio al 15 marzo Kunst Meran Merano Arte resterà chiuso per il rinnovamento del sistema di allarme e di videosorveglianza.

Proprio durante questo periodo in cui il museo sarà “incustodito” e non dovrebbe essere accessibile al pubblico, sarà possibile, per alcuni giorni, accedere ai suoi spazi e andare alla ricerca, tra le sale vuote, dei progetti di Irene Fenara (1990, vive a Bologna).

Questa giovane artista propone nella sua ricerca una riflessione sullo statuto dell’immagine che investe strumenti solitamente estranei all’arte, come appunto i sistemi di videosorveglianza.

In collaborazione con ArtVerona/ Level 0 e UNA Galleria.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Dom 24 Feb 2019

Note sugli orari :

22.02.2019: 15.00– 19.00
23-24.02.2019: 11.00 – 15.00

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 01 Dic 2019
    Il museo delle macchine da scrivere e la biblioteca pubblica di Parcines invitano a vedere le opere di Sabine Fliri, artista di Innsbruck con origini a Parcines. Dopo lo studio di traduttrice per lo spagnolo e l’italiano e una formazione professionale in uno studio grafico Sabine Fliri inizia a dedicarsi sempre più all’arte, unendosi al “Gruppe 84”, gruppo di artisti fondato dalla nota artista di Innsbruck Fritzi Gerber nel ’84. Continuavano diverse mostre, tra cui due nella Hofburg di Innsbruck, la partecipazione a concorsi d’arte internazionali. Nelle sue opere l’artista ritrae il quotidiano, brevi attimi, ma anche paesaggi, edifici, animali e persone. Il “paesaggio” di un volto è quello che le interessa particolarmente, tentando di cogliere tratti caratteristici nell’espressione di una persona, lasciando raccontare lo sguardo e l’espressione del volto. L’artista si concentra sull’essenziale e per questo spesso i colori utilizzati sono pochi. Tra i suoi ritratti i più espressivi sono senz’altro quelli di personalità famose, nonché diversi pionieri ed inventori, tra cui infine anche Peter Mitterhofer.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Dom 13 Ott 2019
    “I miei lavori parlano di esploratori e custodi allo stesso tempo, siano essi dello spazio, delle città, delle foreste o dell’anima”. La Kunsthalle West Lana è lieta di presentare la mostra personale di Fabiano De Martin Topranin, BREATH, nella sede del Palais Mamming Museum di Merano. L’inaugurazione si terrà giovedì 18 luglio alle ore 19, con un‘introduzione della curatrice Sara Salute e dell’artista. Il vernissage sarà accompagnato dalla performance musicale the wooden starship astounding adventure del contrabbassista Marco Stagni e da un video inedito a cura di Michele Melani (Formasette). In mostra una serie di sculture in gran parte inedita frutto della rielaborazione creativa e immaginifica delle percezioni sensoriali del mondo: un viaggio di andata e ritorno, tra terra e spazio, tra miti e leggende, reale e immaginario, o dentro se stessi; il tempo di un respiro. “Dapprima l’uomo in natura, un respiro unico e lento, la compresenza: lo riguardiamo - con nostalgia? Piuttosto, con un risentimento di pietra, dolce e feroce: è scosso, pensa, progetta e reagisce. In seguito, nella coltura di razza, la scissione, il primo distacco, la perdita, l’accelerazione dei moti, la concitazione formicolante, il dilagare della deiezione. La tuta spaziale non protegge l’uomo dalle radiazioni cosmiche, ma da quelle terrestri.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni giorno fino a Gio 31 Ott 2019
    St. Leonhard war im 2. Weltkrieg Aufbewahrungsort für rund 300 Gemälde aus Florentiner Museen, darunter Rubens, Tizian, Caravaggio und Botticelli. Die Sonderausstellung widmet sich der unglaublichen, aber dennoch fast vergessenen Geschichte. Durante la Seconda Guerra Mondiale a San Leonardo furono custoditi 300 dipinti dei musei fiorentini, tra cui opere di Rubens, Tiziano, Caravaggio e Botticelli. La mostra temporanea è dedicata a questa vicenda incredibile, ma quasi dimenticata.