inside 200

Sempre sulle corde. Le funivie in rete - Pubblicato da india

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Le imprese pionieristiche nella storia e nella progettazione degli impianti a fune nel Tirolo storico sono il tema di questa mostra temporanea.

Un’ampia panoramica sulla storia della progettazione e della costruzione delle funivie di montagna nel Tirolo storico, oltre che l’illustrazione di prospettive tecniche visionarie per il presente e il futuro. Curata e allestita da Wittfrida Mitterer, direttrice del Curatorium per i beni tecnici culturali, questa mostra al Forte di Fortezza è la terza e ultima parte di un ciclo dedicato dal Curatorium alle realizzazioni tecniche pionieristiche nell’area del Tirolo storico.

Una regione, quella del Tirolo storico, nella quale lo slancio innovativo che connotò l’economia, la politica e la cultura sul finire della monarchia asburgica diede impulso anche allo sviluppo dei collegamenti – tramite ferrovia e, in montagna, tramite funivie – e conseguentemente del turismo. Il braccio di ferro fra la politica ferroviaria di Vienna, la concorrenza con la Svizzera, la situazione conflittuale fra le varie nazionalità nella zona plurilingue di confine del Tirolo meridionale resero il panorama ferroviario fra Kufstein e il Lago di Garda un terreno scottante, ma spinsero altresì a soluzioni tecniche d’avanguardia.

Anche la topografia svantaggiosa del luogo, i dislivelli del terreno e le risorse idriche non ancora ben sfruttate furono contemporaneamente una sfida e un’opportunità in questo senso. La mostra “Sempre sulle corde. Le funivie connettono” offre uno sguardo su tali soluzioni pionieristiche e sulle trasformazioni tecnologiche nella realizzazione delle funivie tirolesi, mettendole a confronto con impianti significativi di altre regioni alpine.

Disposti in sette casematte del Forte, i temi presentati nel percorso espositivo vanno dalla produzione di funi e verricelli per i primi impianti di risalita per le slitte, alle prime ovovie al mondo, realizzate in regione, a una panoramica sulle funivie urbane dei nostri giorni. Accanto ai testi illustrativi e a un’ampia documentazione fotografica, sono esposti numerosi prestiti originali, fra cui la prima cabina della funivia del Colle del 1908 con il progetto originale, esposto per la prima volta, la slittovia della famiglia Griesser dell’Hotel Panorama all’Alpe di Siusi, la slitta di marmo di Lasa, l’impianto a fune di Josef Obkircher di Matrei nel Tirolo orientale, i piloni originali e le rulliere del carosello sciistico Alta Badia, modelli dell’Università di Innsbruck per le stazioni a monte di Seegrube e di Hafelekar, una cabina della cabinovia della Muttereralm di Georg Saischeck, e altro.

Alla mostra è collegato il concorso a premi per studenti delle superiori "Conosci la tua provincia".

Contatti :

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Mar 30 Apr 2019

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si terrà domani e ogni settimana fino a Dom 08 Set 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Il Forte dà libero spazio all’arte altoatesina contemporanea: circa 50 artiste e artisti lo popolano con le loro opere presentando i loro più recenti sviluppi nei campi della pittura, scultura, fotografia, videoarte, installazione e performance. Previsto un programma di contorno con manifestazioni letterarie, musica e danza.
  • L'evento si terrà domani e ogni settimana fino a Sab 21 Set 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato
    Astrid Gamper, nata a Bressanone nel 1971, ha studiato grafica e design della moda a Freiburg e Pforzheim in Germania. Dal 2000 vive e lavora a Chiusa Nelle sue opere più recenti Astrid Gamper ricopre i suoi disegni di grande formato con ulteriori strati di carta che pone sopra e intorno ai corpi, per rimuoverli poi parzialmente.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Ven 13 Set 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi
    Grazie alla sua professione Max Vikoler, noto nei dintorni di Laion come “Moler Max” (Max, il pittore, ndt), ha scoperto la passione per le forme artistiche. Nel corso degli anni, la pittura ad acquerello e le complesse composizioni figurative in foglia d’oro sono diventate le sue tecniche preferite. Da sempre, uno dei suoi motivi prediletti è la dettagliata riproduzione del maso Keldererhof (sua casa natale) ad Albions con vista sulla chiesa. Nelle opere più recenti, anch’esse ispirate ai paesaggi naturali e alpini della sua terra, spicca la generosa strutturazione dei colori applicati a spatola, che richiede un certo livello di astrazione. La prima esposizione monografica di Max Vikoler a Laion, il suo comune natale, è una rassegna della sua produzione artistica degli ultimi anni. Nato nel 1947 ad Albions, nel 1973 Max Vikoler consegue il diploma alla scuola di pittura di Baden, nei pressi di Vienna. Da oltre 10 anni, è membro dell’associazione per i pittori amatoriali della Valle Isarco (Eisacktaler Freizeitmaler), con cui ha frequentato diversi corsi e partecipato alle esposizioni presso Castel Sant’Angelo di Novacella e Castel Velturno.