gustav mahler 13 27 07 2019

Annamaria Ajmone / TRIGGER - Pubblicato da FondazioneHaydnStiftung

0

Informazioni evento

Tra le danzatrici e performer più affascinanti della scena italiana - segnalata già nel 2015 alla Giuria del Premio Danza&Danza come miglior interprete emergente - Annamaria Ajmone si è formata alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. Le sue opere sono state presentate in teatri, festival, musei, gallerie d'arte in Europa e negli Stati Uniti. Trigger (in inglese grilletto, termine utilizzato anche con il significato di ‘causa scatenante’) è per Ajmone uno spettacolo-assolo modulabile, che si rappresenta e sviluppa in modo diverso in base al luogo che lo accoglie. Una volta scelto lo spazio, la danzatrice ridisegna con la danza le geometrie di quello spazio insieme al pubblico invitato ad abitarlo intorno alla performer: è infatti parte integrante dell’azione. Il luogo, per un tempo limitato, diventa dimora, luogo di passaggio, tana di un corpo che, in continuo ascolto, amplifica gli spazi interni ed esterni a sé.

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

Martedì 23 Lug 2019
  • Mar 23 Luglio, 201920:00

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 29 Ago 2019
    Filo Circus Filodrammatica di Laives in collaborazione con la società ginnastica atesina e associazione slam di Bolzano Acrobate: Tapasii Rossi Bergamaschi, Rossana Cicalò, Miriam Bagozzi Clown: Mauro Sannia, Daniela Marchelli, Marta Moientale, Sabrina Vecchiato Juggling: Fabio Di Palma Trampoli: Eleonora Bovo Art Director: Sabrina Vecchiato Un ricco spettacolo di arti circensi, dall’acrobatica aerea alla pole dance, dalla giocoleria ai clown, dallo sputafuoco all’equilibrismo sui trampoli... Una serata divertente, spensierata, emozionante, coinvolgente... Venite tutti grandi e piccini... perché non c’è limite di età per l’allegria di Happy Circus. Ingresso libero. In caso di maltempo lo spettacolo verrà spostato sotto il tendone Pfarrheim.
  • Venerdì 19 Lug 2019
    Ha debuttato con grande successo di pubblico e critica alla Biennale de la Danse di Lione 2018 Franchir la nuit (Attraversare la notte), pièce per cinque danzatori e una folla di bambini reclutati sul territorio, di Rachid Ouramdane. Ultima fatica del coreografo franco-algerino intorno a temi a lui cari, la migrazione e l’esilio, in Franchir la nuit rivolge l’indagine alla popolazione più indifesa, i bambini. Su un palco ricoperto da una massa d’acqua di una quindicina di centimetri, illuminato da luci che trascolorano dal tramonto all’oscurità, vediamo corpi attraversare lo spazio, incrociarsi, assemblarsi, fermarsi in un’immobilità dolorosa. Una dozzina di tableaux in cui si evoca la violenza, i ricordi, la speranza, la paura, il mutuo soccorso, i giochi, ma anche la morte. Con la raffinatezza che lo caratterizza, e con l’ausilio delle immagini video di Mehdi Meddaci, il coreografo pone domande allo spettatore, costantemente istigato a prendere posizione accompagnato dal canto di matrice africana, europea e orientale di Deborah Lennie-Bisson, colonna sonora che permette una parallela migrazione social-culturale.
  • Venerdì 26 Lug 2019
    Coreografia: Sabrina Fraternali Prima coreografia della bolzanina Sabrina Fraternali, selezionata nel 2018 alla vetrina nazionale di Ravenna promossa da Anticorpi XL, il Network di operatori nazionali per la giovane danza d’autore, Glauco è un assolo interpretato da Flora Orciari che immerge lo spettatore in uno spazio ipnotico. La coreografia offre un corpo attraversato da correnti lente e torbide, da spirali veloci e cristalline. Un corpo che, come il pensiero abbandonato al flusso di coscienza, si smarrisce e si ritrova. Ispirato al libro Água viva della scrittrice brasiliana Clarice Lispector, nel quale una pittrice affida alle parole, e non al pennello, il racconto della parte più intima di sé, l’assolo di Fraternali rende tridimensionale, nel corpo, quelle parole.