gustav mahler 13 27 07 2019

BZ Danza: Ballet Preljocaj / WINTERREISE - Pubblicato da FondazioneHaydnStiftung

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Prima ed esclusiva nazionale

Creazione 2019 di Angelin Preljocaj per il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, commissione della prestigiosa Fondazione Lirica nell’ambito del ciclo di balletti su musica da camera, Winterreise rivive ora, per l’apertura di Bolzano Danza, con il Ballet Preljocaj, la compagnia fondata e guidata dal coreografo francese.
Winterreise, capolavoro di Franz Schubert, è un ciclo di Lieder per voce e pianoforte composto sulle liriche del poeta Wilhelm Müller: episodi di un viaggio disperato verso la morte di un uomo tradito dalla propria amata. Un tuffo nell’universo poetico dei Lieder la cui carica emotiva trasporta gli spettatori nell’abisso di un viaggio interiore. In scena, insieme ai dodici danzatori del Ballet Preljocaj, il basso-baritono Thomas Tatzl e il pianista James Vaughan, interpreti di primordine parte del progetto sin dal debutto scaligero. Ispirato dalle liriche di Müller, ma anche dal Werther di Goethe, Preljocaj costruisce una coreografia non narrativa, tempestata di stati d'animo e simboli tratti da ciascun Lied e dall’immagine di un lento viaggio ‘verso la morte’. L’impianto è corale, non esiste un protagonista: tutti i danzatori rappresentano le molteplici facce dello spettro del sentire umano.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 12 Lug 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Giovedì 22 Ago 2019
    TEATRO EL GAVETIN (NEGRAR - VERONA) - "SPETACHETECONTO" Voce e interpretazione: Franco Antolini Regia Sabrina Carletti Fisarmonica Riccardo Gatti Voci e canto: Chiara Righetti, Elisa Righetti Luci Ivan Righetti Ambientazione e costumi: Sandra Pompele La società, la cultura, il modo di vivere, di parlare, di esprimerci oggi sono il frutto di come eravamo ieri, e come eravamo ieri ce lo siamo dimenticati. C’è la necessità di raccontare, di fare memoria, perché la nostra tradizione non vada perduta. Un avvincente itinerario tra l’antico e il moderno, tra il vecchio e il nuovo, tra ieri e oggi attraverso l’uso dei vocaboli, dei mestieri, degli usi e costumi della tradizione raccontato in chiave satirica e divertente, sia nella descrizione di un mondo ormai scomparso, sia nell’interpretazione dei personaggi dell’epoca che a tratti si materializzano sul palcoscenico. Ingresso Libero. In caso di maltempo viene spostato al tendone "Pfarrheim".
  • Martedì 23 Lug 2019
    Tra le danzatrici e performer più affascinanti della scena italiana - segnalata già nel 2015 alla Giuria del Premio Danza&Danza come miglior interprete emergente - Annamaria Ajmone si è formata alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. Le sue opere sono state presentate in teatri, festival, musei, gallerie d'arte in Europa e negli Stati Uniti. Trigger (in inglese grilletto, termine utilizzato anche con il significato di ‘causa scatenante’) è per Ajmone uno spettacolo-assolo modulabile, che si rappresenta e sviluppa in modo diverso in base al luogo che lo accoglie. Una volta scelto lo spazio, la danzatrice ridisegna con la danza le geometrie di quello spazio insieme al pubblico invitato ad abitarlo intorno alla performer: è infatti parte integrante dell’azione. Il luogo, per un tempo limitato, diventa dimora, luogo di passaggio, tana di un corpo che, in continuo ascolto, amplifica gli spazi interni ed esterni a sé.
  • Giovedì 25 Lug 2019
    Coreografia: Annamaria Ajmone Tra le danzatrici e performer più affascinanti della scena italiana - segnalata già nel 2015 alla Giuria del Premio Danza&Danza come miglior interprete emergente - Annamaria Ajmone si è formata alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. Le sue opere sono state presentate in teatri, festival, musei, gallerie d'arte in Europa e negli Stati Uniti. Trigger (in inglese grilletto, termine utilizzato anche con il significato di ‘causa scatenante’) è per Ajmone uno spettacolo-assolo modulabile, che si rappresenta e sviluppa in modo diverso in base al luogo che lo accoglie. Una volta scelto lo spazio, la danzatrice ridisegna con la danza le geometrie di quello spazio insieme al pubblico invitato ad abitarlo intorno alla performer: è infatti parte integrante dell’azione. Il luogo, per un tempo limitato, diventa dimora, luogo di passaggio, tana di un corpo che, in continuo ascolto, amplifica gli spazi interni ed esterni a sé.