generazioni banner inside cola vidotto OKKK

BZ Danza: Ballet Preljocaj / WINTERREISE - Pubblicato da FondazioneHaydnStiftung

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Prima ed esclusiva nazionale

Creazione 2019 di Angelin Preljocaj per il Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, commissione della prestigiosa Fondazione Lirica nell’ambito del ciclo di balletti su musica da camera, Winterreise rivive ora, per l’apertura di Bolzano Danza, con il Ballet Preljocaj, la compagnia fondata e guidata dal coreografo francese.
Winterreise, capolavoro di Franz Schubert, è un ciclo di Lieder per voce e pianoforte composto sulle liriche del poeta Wilhelm Müller: episodi di un viaggio disperato verso la morte di un uomo tradito dalla propria amata. Un tuffo nell’universo poetico dei Lieder la cui carica emotiva trasporta gli spettatori nell’abisso di un viaggio interiore. In scena, insieme ai dodici danzatori del Ballet Preljocaj, il basso-baritono Thomas Tatzl e il pianista James Vaughan, interpreti di primordine parte del progetto sin dal debutto scaligero. Ispirato dalle liriche di Müller, ma anche dal Werther di Goethe, Preljocaj costruisce una coreografia non narrativa, tempestata di stati d'animo e simboli tratti da ciascun Lied e dall’immagine di un lento viaggio ‘verso la morte’. L’impianto è corale, non esiste un protagonista: tutti i danzatori rappresentano le molteplici facce dello spettro del sentire umano.

Tags

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 12 Lug 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 12 Nov 2019
    di e con GABRIELE CIRILLI con la partecipazione di UMBERTO NOTO Dopo il travolgente successo de La famiglia Addams, Gabrieli Cirilli ritorna con uno spettacolo originale ed esilarante: una di quelle prove d’attore che Gabriele non disattende mai. Mi piace... di più si dipana attraverso il backup del cellulare di Gabriele. Scorrono velocemente delle immagini che danno spunto per parlare di cose, di persone, di avvenimenti, vissuti o immaginati con un ritmo veloce e piacevole. Il filo conduttore dello spettacolo è la risata, che si diffonde contagiando immancabilmente anche lo spettatore più scettico e serioso. Il coinvolgimento è totale anche perché chi può rimanere indifferente a un “mi piace”? Continuamente apprezziamo o siamo apprezzati, giudichiamo e veniamo giudicati. “Mi piace - dice Cirilli - è la parola chiave dei social e della nostra esistenza! Se piaci o ti piace è fatta! Mi piace il palcoscenico, il rumore delle assi di legno che cigolano sotto i miei passi. Mi piace il momento in cui sto per entrare in scena in cui il panico si mescola con la scarica elettrica della sfida che sto per affrontare. Mi piace il calore dell’applauso, e soprattutto lo scoppio della risata che consacra ogni goccia di sudore e mi fa sentire al settimo cielo. Questo spettacolo è lo show col quale riesco ad abbracciare il pubblico fino a portarlo dopo due ore in camerino da me soddisfatto, appagato, stupito, colpito, ammirato, basito, sorridente, insomma, guarito per un paio d’ore dalla quotidianità che non è sempre così divertente. Mi piace sentire a fine spettacolo ‘Che bello, mi sono divertito tantissimo. Ho riso per due ore’. E questo, devo dire, è la cosa che mi piace... di più”.
  • ogni giorno fino a Lun 04 Nov 2019
    compagnia Pantakin
  • L'evento si terrà domani e ogni settimana fino a Dom 10 Nov 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    La Diva Europa di Michele De Vita Conti L’Europa su Marte di Roberto Cavosi regia Serena Sinigaglia e Carlos Martìn con Fabio Bussotti, Milutin Dapcevic, Rufin Doh, Balbino Lacosta, Maria Pilar Perez Aspa, Marcela Serli, Karin Verdorfer, Sandra Zoccolan TEATRO STABILE DI BOLZANO - VEREINIGTE BÜHNEN BOZEN PATRONATO MUNICIPAL ARTES ESCÉNICAS Y DE LA IMAGEN La Diva Europa di Michele De Vita Conti L’Europa su Marte di Roberto Cavosi Un’unica ispirazione, indagare il concetto di Europa. Due registi, Serena Sinigaglia e Carlos Martin, e due autori, Roberto Cavosi e Michele De Vita Conti, in un luogo normalmente deputato alla vita cittadina quotidiana, come un centro culturale. Un percorso drammaturgico che si interroga su cosa significhi “sentirsi europei”, su quali eventi abbiano segnato il cammino dell’Unione e quali lo abbiano deviato, quali capolavori dell’arte ci abbiano ispirato, quali parole, quali simboli e quali miti ci abbiano influenzato. Una collaborazione italo-spagnola-tedesca che diventa un racconto corale di frammenti di storia millenaria, interpretata da attori bilingui.