inside goes virtual IT

surPrize 2019 - Bruno Bieri (CH): „genau! giusto! juste!“ - Pubblicato da valentina_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Bruno Bieri convince con musica accattivante, pensieri quadrilingui e connessioni sorprendenti. Il suo particolare strumento appartiene alla famiglia delle handpan, originariamente inventata a Berna come „Hang“. Bieri ne ricava suoni che lusingano il timpano, accarezzano l'anima e sfidano la mente. Inoltre, canta senza parole, sopra e sottotono. Con precisa formulazione, il musicista bernese combina la saggezza dei filosofi greci con il genio dei grandi compositori.
Accompagnato dall'handpan, il suo xang (canto) si estende su cinque ottave arrivando perfino ad un'interpretazione personale dei Carmina Burana. I suoi spettacoli lo hanno portato in India, Gran Bretagna, Arabia Saudita e Stati Uniti.

Contatti :

Date e orari evento :

Venerdì 08 Nov 2019

Potrebbe interessarti anche :

  • Martedì 06 Ott 2020
    Clemens Zeilinger, pianoforte Verena Stourzh, violino Franz Ortner, violoncello LUDWIG VAN BEETHOVEN : Trio in mi bem. magg. op. 1/1 JOHANNA DODERER : Trio n. 2 LUDWIG VAN BEETHOVEN : Trio in si bem. magg. op. 97 ‹Arciduca› Come suggerisce il nome stesso, il TrioVanBeethoven si dedica soprattutto ai Trii di Beethoven. Per Beethoven il Trio rappresenta l’indipendenza di pensiero, tutto ciò che è rivoluzionario e la proiezione oltre il suo tempo. Il "motivo principale" del TrioVanBeethoven è la cura della letteratura classica per trio, ma anche la commissione di composizioni da eseguire in prima mondiale. Il 6 ottobre il Trio eseguirà a Bolzano i Trii in mi bemolle maggiore op. 1 n.1 e in si bemolle maggiore op. 97 "dell’Arciduca", il primo e l’ultimo Trio del maestro di Bonn, nonché il Trio n. 2 (del 2009) della compositrice austriaca Johanna Doderer (*1969).
  • Venerdì 28 Ago 2020
    Stefano Ferrario, maestro concertatore Gli Archi dell'Orchestra Haydn Edward Elgar: Serenata in mi minore per orchestra d'archi, op.20 Pietro Mascagni: Intermezzo (Cavalleria rusticana) Antonín Dvorák: Serenata per archi in mi maggiore, op. 22
  • Giovedì 10 Dic 2020
    Yun-Jung Choi, soprano Ensemble Diderot Johannes Pramsohler, violino e direzione ‹Händel e l’opera› GEORG FRIEDRICH HÄNDEL : 3 Concerti grossi da op. 6 Aria ‹Se pietà di me non senti› da Giulio Cesare in Egitto Aria ‹Ah! Spietato› da Amadigi Aria ‹Lascia ch’io pianga› da Rinaldo Aria ‹Scoglio d’ immota fronte› da Scipione La stagione si conclude il 10 dicembre con l'Ensemble Diderot e la sopranista sudcoreana Yun-Jung Choi dell'Opéra National de Paris. L'ensemble è guidato dal violinista Johannes Pramsohler, nato a Vipiteno, che attualmente è uno dei musicisti più innovativi nel campo della musica antica e gode di un grande successo. Il programma si intitola Händel e l’Opera e comprende Concerti grossi e arie dal Giulio Cesare in Egitto, dal Rinaldo e dal Scipione.