banner inside 01 it

Rosemarie Trockel, Spiral Betty, 2010 - Pubblicato da adh

0
  • Via Sassari 17/b, Bolzano, BZ
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Collezione Museion
A cura di Frida Carazzato

Contatti :

  • Location : Piccolo Museion – Cubo Garutti
  • Indirizzo : Via Sassari 17/b, Bolzano, BZ
  • Sito Web : www.museion.it

Date e orari evento :

ogni giorno fino a Lun 15 Ott 2018

Pubblicato da :

Potrebbe interessarti anche :

  • ogni settimana fino a Gio 28 Mar 2019 nei giorni di: Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    Esposizione delle opere vincitrici del Premio Artisti 2018, promosso dall’Ufficio Cultura Italiana della Provincia Autonoma di Bolzano in collaborazione con Artoteca.
  • L'evento si terrà oggi, domani e ogni settimana fino a Dom 21 Apr 2019 nei giorni di: Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato Domenica
    A raccontare del soggiorno in rifugio, delle sue pietanze, dei gestori, dei dormitori con i materassi, del freddo, del tempo e della difficoltà nel raggiungere il rifugio, son bravi tutti. Questa mostra invece chiede che cos’hanno di speciale i rifugi e i sentieri alpini. Parla delle origini delle infrastrutture turistiche in alta montagna, dai primi semplici rifugi negli anni 1870 fino alle innovazioni tecnologiche e l’architettura contemporanea in montagna. La mostra è stata concepita in una collaborazione fra l’Alpenverein Südtirol e gli Alpenvereine di Austria e Germania.
  • ogni giorno fino a Mar 09 Apr 2019
    La galleria Alessandro Casciaro è lieta di presentare la mostra personale Giovanni Castell, Im Jetzt. Vernissage: venerdí 1 marzo, ore 18.30 Sarà presente l'artista. L’artista tedesco prosegue nella sua ricerca, ormai avviata da alcuni anni, in cui attraverso complesse tecniche di elaborazione digitale fonde frammenti fotografici con elementi architettonici o spazi virtuali, senza voler riprodurre o interpretare la realtà, come avviene nella fotografia, ma piuttosto creando una nuova realtà, un proprio luogo o paesaggio, con un approccio palesemente pittorico. Se i precedenti lavori erano caratterizzati da una forte componente oggettiva e narrativa, il nuovo ciclo di opere appare ora molto più essenziale nei contenuti, quasi contemplativo, e la citazione (evidente è in talune opere il riferimento all’iconografia e ai cromatismi dell’espressionismo astratto americano) viene ancora una volta utilizzata dall’artista per sottolineare il legame profondo che intercorre tra il prodotto della propria immaginazione, della propria realtà esperita, e ciò che i maestri classici della pittura ci hanno lasciato in eredità, come una sorta di omaggio e al tempo stesso di riattualizzazione di quel lavoro. Giovanni Castell è nato nel 1962 a Monaco di Baviera. Ha lavorato per anni da autodidatta come fotografo di moda, design e prodotti, prima di iniziare nei tardi anni ottanta la sua carriera di artista. Vive e lavora ad Amburgo.