canova inside 600x220 it

Liora - Pubblicato da martin_inside

0

Informazioni evento

Show di luci e musica accende il Natale a Bressanone, dal 24 novembre 2022 al 6 gennaio 2023

A Bressanone non è Natale senza il tradizionale spettacolo multimediale. Dopo il grande successo degli anni scorsi, dal 24 novembre al 6 gennaio Bressanone Turismo presenta un nuovo light musical nella suggestiva cornice della Hofburg, il Palazzo Vescovile. In una fiaba invernale, Liora, Tick Tack e altri personaggi incanteranno i visitatori con immagini multicolori, musica originale e canti dal vivo e li condurranno in un viaggio straordinario.

Ogni anno, quando la neve soffiava sulle montagne e sopravanzava l'inverno, nella Hofburg i fuochi ardevano scoppiettanti e la gioia per l'attesa della festa che si avvicinava faceva brillare gli occhi alla gente. Tutti si divertivano. Per paura di perdere la gioia a poco a poco riposero in pesanti casse i ricordi belli, i sorrisi e il divertimento e li chiusero in cantina. Ben presto sul mondo calò una coltre di grigiore e la gioia sparì dai volti dei grandi come quella dei bambini. Quando anche Liora, la protagonista, si trovò a vivere un momento buio si imbatté in uno strano personaggio, Monsieur TickTack, che aiuterà la ragazza a ritrovare la perduta felicità.

Scoprite con noi il valore del tempo e lasciatevi incantare dai 25 minuti di scintillante Light Musical!

Contatti :

Il prossimo evento si terrà tra :

00

giorni

00

ore

00

minuti

00

Date e orari evento :

L'evento si tiene dal 24 Nov 2022 al 06 Gen 2023
  • Dom 27 Novembre, 202217:30
  • Lun 28 Novembre, 202217:30
  • Mar 29 Novembre, 202217:30
  • Mer 30 Novembre, 202217:30
  • Gio 01 Dicembre, 202217:30
  • Ven 02 Dicembre, 202217:30
  • Sab 03 Dicembre, 202217:30
  • Dom 04 Dicembre, 202217:30
  • Lun 05 Dicembre, 202217:30
  • Mar 06 Dicembre, 202217:30
  • Mer 07 Dicembre, 202217:30
  • Gio 08 Dicembre, 202217:30
  • Ven 09 Dicembre, 202217:30
  • Sab 10 Dicembre, 202217:30
  • Dom 11 Dicembre, 202217:30
  • Lun 12 Dicembre, 202217:30
  • Mar 13 Dicembre, 202217:30
  • Mer 14 Dicembre, 202217:30
  • Gio 15 Dicembre, 202217:30
  • Ven 16 Dicembre, 202217:30
  • Sab 17 Dicembre, 202217:30
  • Dom 18 Dicembre, 202217:30
  • Lun 19 Dicembre, 202217:30
  • Mar 20 Dicembre, 202217:30
  • Mer 21 Dicembre, 202217:30
  • Gio 22 Dicembre, 202217:30
  • Ven 23 Dicembre, 202217:30
  • Lun 26 Dicembre, 202217:30
  • Mar 27 Dicembre, 202217:30
  • Mer 28 Dicembre, 202217:30
  • Gio 29 Dicembre, 202217:30
  • Ven 30 Dicembre, 202217:30
  • Sab 31 Dicembre, 202217:30
  • Dom 01 Gennaio, 202317:30
  • Lun 02 Gennaio, 202317:30
  • Mar 03 Gennaio, 202317:30
  • Mer 04 Gennaio, 202317:30
  • Gio 05 Gennaio, 202317:30
  • Ven 06 Gennaio, 202317:30

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si tiene dal 30 Gen 2023 al 31 Gen 2023
    Trecentomila persone, uomini, donne e bambini furono eliminati nella Germania nazista nel periodo 1939-1945. La loro colpa fu quella di non essere dentro i parametri che il nazismo, con la complicità degli psichiatri, aveva arbitrariamente stabilito in nome di una razza forte, sana e bella. Si eliminarono disabili, malati mentali, asociali, schizofrenici, epilettici, sordi e muti e il risultato non fu quello di creare una nuova razza ma dei mostri. Mostri, perché coloro che hanno ucciso e cremato donne, bambini e uomini non conformi non sono diventati esseri superiori ma degli orchi come nelle fiabe per ragazzi. Le parole eugenetica ed eutanasia irrompono nel dibattito scientifico e nella società. Il corpo umano non appartiene più a chi lo abita e lo vive, nelle infinite sue possibilità, ma allo Stato, nel culto della salute collettiva e nel sacrificio dell’individuo. La capacità produttiva di un individuo è il metro di valutazione della vita umana. In pieno darwinismo e determinismo biologico, con la complicità della scienza, si uccide qualsiasi diversità perché sono vite non degne di essere vissute. Se parliamo di tutto questo con uno spettacolo non è solo per non dimenticare, ma perché oggi le parole eugenetica ed eutanasia ritornano con forza nel dibattito contemporaneo con aspetti etici e scientifici nuovi. Se parliamo di tutto questo con uno spettacolo è perché quelle forme di vita, che non più di 60 anni fa non erano degne di vivere e di riprodursi, a noi raccontano un mondo, un sentire nuovo, una umanità che siamo felici di aver incontrato. di Giovanni De Martis e Antonio Viganò con Paolo Grossi, Paola Guerra, Alessandra Limetti, Mathias Dallinger, Johannes Notdurfter, Michael Untertrifaller, Maria Magdolna Johannes, Stefania Mazzilli Muratori, Edoardo Fattor regia di Antonio Viganò ideazione e collaborazione alle scene Roberto Banci costumi Sigrid Schwarzer produzione TEATRO STABILE DI BOLZANO, TEATRO LA RIBALTA-KUNST DER VIELFALT in collaborazione con THEATRAKI e LEBENSHILFE SÜDTIROL
  • In occasione dei centocinquant’anni dalla morte di Gioachino Rossini, Monica Casadei con la Compagnia Artemis Danza affronta uno dei titoli più celebri del maestro pesarese, Il Barbiere di Siviglia. La coreografa ha immaginato lo spettacolo come un avveniristico “balletto d’azione”: lo sviluppo narrativo coinvolge tutto il corpo creativo di Artemis in una contaminazione di linguaggi. Ma chi è davvero Figaro? Nella lettura di Casadei Figaro è il prototipo dell’uomo di successo nel mondo di oggi. L’eroe rossiniano diventa l’emblema di chi riesce a soddisfare con efficacia, vivacità e savoir faire le aspettative di una società che impone ogni giorno di raggiungere i propri obiettivi ottimizzando tempi ed energie. Sul piano coreografico, il personaggio di Figaro si moltiplica nei corpi dell’intera compagnia, dove gli interpreti agiscono con la determinazione, l’energia e il rigore di una squadra speciale: tonici, grintosi e iper-concentrati, la loro danza manipola il tempo e lo spazio senza tregua, tesse e scioglie una rete infinita di cambi di direzioni, incroci di traiettorie e intarsi di movimenti. Quasi seguissero le rotte di affollatissime e rumorose highways, i danzatori si districano con lucidità ed energia marziale, ingranaggi sapienti del folle meccanismo del vivere sociale. Ne risulta una performance d’azione, caratterizzata da un’atmosfera sospesa tra un passato-ombra e un presente lampeggiante e frenetico: l’immagine irraggiungibile di un uomo perfetto appare e scompare sotto gli occhi del pubblico per moltiplicarsi nei danzatori e nei loro virtuosismi tecnici. coreografia, scene, luci Monica Casadei musiche Gioachino Rossini elaborazione musicale e brani originali Luca Vianini costumi Daniela Usai produzione COMPAGNIA ARTEMIS DANZA in collaborazione con AMAT e COMUNE DI PESARO coproduzione ITALIAN FESTIVAL IN BANGKOK, FESTIVAL ORIZZONTI, ARMONIE D’ARTE FESTIVAL in collaborazione con ROSSINI OPERA FESTIVAL e TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA si ringrazia A.N.G.E.L.O. VINTAGE PALACE
  • Paartherapie mit Ginther und Irene Nach dem erfolgreichen Kabarett „Schaffa Schaffa, Häusle baue“ geben Ginther (Thomas Hochkofler) und Irene (Karin Verdorfer) nun die in einer Paartherapie erlernten Lebenstipps an das Publikum weiter – ganz nach dem Motto: Eppes isch iberåll und „ninderscht isch nicht“! Nach dem Riesenerfolg des Kinofilms „Joe der Film“ kehren Thomas Hochkofler und Karin Verdorfer wieder auf die Kabarettbühne zurück. Beim Kabarettprogramm „Schaffa Schaffa, Häusle baue“ haben Ginther und Irene dem Publikum wichtige Tipps zum Hausbau gegeben. Inzwischen sind ein paar Jahre vergangen, zwischen den beiden gab es eine handfeste Ehekrise, worauf man sich auf eine Paartherapie begab – und jetzt ist scheinbar wieder alles im Lot. Nach der gemeinsamen Paartherapie wissen die beiden ganz genau, wie man eine richtig gute Beziehung führt, und sie sind davon überzeugt, dieses Wissen weitergeben zu müssen – quasi als soziale Initiative zur Rettung der Paargemeinschaften. Als absolute Spezialisten auf diesem Gebiet helfen sie dem Publikum mit diesem Stück, die Qualität ihrer Beziehung auf ein sicheres Niveau zu heben. Geeignet ist „Ninderscht isch nicht“ also einerseits für Paare oder solche, die es noch werden möchten, andererseits aber auch für Singles, die nach diesem Stück entweder zur Erkenntnis gelangen, dass sie dann doch lieber Singles bleiben möchten, oder eben, dass nun die richtige Zeit gekommen ist, einen Traum-Partner zu finden. Auch Paare, die sich mit Stil trennen möchten, erhalten natürlich wertvolle Tipps – ganz nach dem Motto: „Ninderscht isch nicht“!