banner inside 01 it

#6 Embracing: Piano solo Corpo solo - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Una reazione all'autoisolamento, alla solitudine e alle restrizioni nei contatti. Questa performance di musica da camera e danza è composta da due diversi elementi di base. "Piano Solo", ovvero musica composta e suonata dal vivo da Simone Graziano per pianoforte preparato, e "Corpo Solo", la coreografia di Claudia Caldarano, che mostra due corpi e il loro desiderio di liberazione

Artists

Simone Graziano (IT) - p, comp
Claudia Caldarano (IT) - dancer, choreography
Alessandro Brucioni (IT) - dramaturgy

Contatti :

Date e orari evento :

L'evento si tiene dal 26 Giu 2022 al 25 Giu 2022

Potrebbe interessarti anche :

  • L'evento si tiene dal 08 Dic 2022 al 11 Dic 2022
    Con i suoi potenti temi universali Il mercante di Venezia di William Shakespeare pone al pubblico contemporaneo questioni di assoluta necessità: scontri etici, rapporti sociali e interreligiosi mai pacificati, l’amore, l’odio, il valore dell’amicizia e della lealtà, l’avidità e il ruolo del denaro. Paolo Valerio firma il raffinato allestimento che vede protagonista - insieme a una compagnia di dieci attori - Franco Branciaroli nel ruolo di Shylock, figura sfaccettata, misteriosa, crudele nella sua sete di vendetta, che spiazza gli spettatori, risvegliandone una corrispondenza emotiva che mira alla compassione. A lui, ebreo, usuraio, si rivolge Antonio, ricco mercante veneziano, per farsi garante per l’amico Bassanio che ha bisogno di tremila ducati per armare una nave e raggiungere Belmonte, dove spera di cambiare il proprio destino. Shylock che ha livore verso i gentili e sete di vendetta per il disprezzo che gli mostrano, impone una spietata obbligazione. Se la somma non sarà restituita, egli pretenderà una libbra della carne di Antonio, tagliata vicino al cuore. Quello descritto da Shakespeare è un mondo mutevole e vibrante di personaggi che incarnano inquietudini, chiaroscuri e complessità di modernità assoluta. di William Shakespeare traduzione Masolino D’Amico con Franco Branciaroli, Piergiorgio Fasolo, Francesco Migliaccio e (in o.a.) Emanuele Fortunati, Stefano Scandaletti, Lorenzo Guadalupi, Giulio Cancellli, Valentina Violo, Dalila Reas, Mauro Malinverno, Mersila Sokoli regia e adattamento Paolo Valerio scene Marta Crisolini Malatesta costumi Stefano Nicolao luci Gigi Saccomandi musiche Antonio Di Pofi movimenti di scena Monica Codena produzione TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA, CENTRO TEATRALE BRESCIANO, TEATRO DE GLI INCAMMINATI
  • "Quentin Tarantino sembra un chierichetto di fronte alla violenza indomita di Shakespeare” (Jan Lauwers). In Billy’s Violence, la Needcompany affronta le dieci tragedie di Shakespeare e le trasforma in dialoghi violenti, amorosi e senza tempo in cui la donna è al centro della scena. Shakespeare portò sul palcoscenico violenza e sesso per attrarre a teatro un pubblico tristemente avvezzo alle brutalità delle torture e delle pubbliche esecuzioni. Ma cosa significa la violenza nell’arte di oggi? La percepiamo in modo diverso dal pubblico del sedicesimo secolo? Ne traiamo piacere? E se sì, perché? Credits Nao Albet, Grace Ellen Barkey, Gonzalo Cunill, Martha Gardner, Romy Louise Lauwers, Juan Navarro, Maarten Seghers, Meron Verbelen, Schauspiel / (…) Victor Afung Lauwers, Testo Maarten Seghers, Musica Jan Lauwers Regie, Bühne, Kostüm / (…) Elke Janssens, Erwin Jans, Dramaturgia Ken Hioco, Licht / (…) Marjolein Demey, Ken Hioco, Tijs Michiels, Technik, Produktion / (…) Nina Lopez Le Galliard Costumes and props assistant, surtitles Production Needcompany Co-production Festival Grec de Barcelona, Teatre Nacional de Catalunya, Teatro Español y Naves del Español en Matadero, Teatro Central (Sevilla, Spain), Les Salins - Scène Nationale de Marti- gues, Cultuurcentrum Brugge Tax Shelter funding BNP Paribas Fortis Film Finance NV/SA Produced with the support of the Tax Shelter of the Belgian Federal Government and the Flemish Government With Needcompany
  • COREOCABARET CONFUSIONALE SULLA DIMENSIONE ECONOMICA DELL'ESISTENZA Trattato di Economia è l’incontro fra il coreografo Roberto Castello e l’attore e autore Andrea Cosentino, due artisti diversi per generazione, ambito, formazione e percorso artistico, che per caso un giorno hanno scoperto di covare lo stesso desiderio: realizzare uno spettacolo sulla scienza che vuole liberare l’umanità dalla schiavitù del bisogno. Dopo oltre un anno di letture, incontri, dubbi, entusiasmi e crisi il progetto ha preso una forma nella quale economia, arte e morale si aggrovigliano con esiti paradossali. Il risultato è un progetto performativo tra parola e gesto che si interroga sul denaro, sul suo valore, sulla sua invadente onnipresenza e sulla sua sostanziale mancanza di rapporto con la realtà. Porsi ai margini del contratto per renderne palesi i paradossi inventando situazioni limite e domande inappropriate è il modo per riprendere possesso, almeno simbolicamente, di ciò che non si capisce e non si controlla annientandolo con una risata liberatoria. progetto, drammaturgia, regia Roberto Castello e Andrea Cosentino interpreti Roberto Castello e Andrea Cosentino videopartecipazione straordinaria Attilio Scarpellini realizzazione oggetti di scena Paolo Morelli produzione ALDES in collaborazione con SARDEGNA TEATRO con il sostegno di MIC - DIREZIONE GENERALE SPETTACOLO DAL VIVO, REGIONE TOSCANA - SISTEMA REGIONALE DELLO SPETTACOLO un ringraziamento a GIORGIO LAZZARINI