banner inside 01 it

Alfred Dorfer (A): und… - Pubblicato da martin_inside

0
×

Attenzione

Questo evento è terminato, rimani connesso per nuovi eventi

Informazioni evento

Ein Programm von Alfred Dorfer

Wie wird es jetzt weitergehen, fragt er sich? Ein Umzug in eine andere Wohnung hat Bewegung in das Leben von Alfred Dorfers Bühnenfigur gebracht. Das Ausmisten der alten Wohnung bringt Dorfer mit Beiläufigkeit auf überraschende Gedanken. Er stellt fundamentale Fragen und schüttelt dabei Pointen aus dem Ärmel.
Alfred Dorfer zeigt in seinem siebten Soloprogramm Momentaufnahmen vom Aufbrechen und Ankommen und präsentiert dem Publikum ungewöhnliche Zusammenhänge, während er viele Themen des Lebens aufgreift, von Alltagsphänomenen und Zeitgeisterscheinungen bis politischen Tatsachen. Virtuos und scharfzüngig agiert er in den erdachten Parallelwelten und bringt von ihm dargestellte Figuren als Partner auf die Bühne, wobei er mit Rollen und Perspektiven spielt. Bei aller Leichtigkeit und ausdrucksstarker Komik verliert Dorfer nie den Blick für die Realität. Ein temporeiches und inhaltlich sehr komplexes Ein-Mann-Theater.
Der Wiener Alfred Dorfer zählt zu den wichtigsten Satirikern und Autoren im deutschen Sprachraum. Ausgezeichnet wurde Dorfer u.a. mit dem Deutschen sowie dem Bayerischen Kabarettpreis, dem Deutschen Kleinkunstpreis und dem Schweizer Cornichon.

"Er entzieht sich souverän und spielerisch allen Etikettierungsversuchen. Seine Themen sind politisch und gehen gleichzeitig weit über die Tagesaktualität hinaus. Der Erzählbogen wird bewusst und präzise weit gespannt. Dorfer präsentiert seine philosophischen Betrachtungen auf der Bühne fast beiläufig und federleicht. Ihre volle Wirkung entwickeln seine Kabarett-Programme oft erst ein wenig zeitversetzt - dann aber umso intensiver." (Jurybegründung Deutscher Kabarett-Preis 2016)

Contatti :

Date e orari evento :

L'evento si tiene dal 24 Feb 2022 al 25 Feb 2022

Potrebbe interessarti anche :

  • Giulio Pasquati, padovano, in arte Pantalone e Girolamo Salimbeni, fiorentino, in arte Piombino, sono due attori della celebre compagnia dei Comici Gelosi. Salgono sul palco per raccontare di come sono sfuggiti dalla forca grazie a Don Chisciotte, a Sancho Panza ma soprattutto grazie agli spettatori. Le avventure di una delle coppie comiche più famose della storia della letteratura, filtrate dall’estro dei due saltimbanchi che arrancano nel tentativo di procrastinare la loro condanna a morte, tra mulini a vento ed eserciti di pecore. Uno spettacolo sul pubblico, per il pubblico e con il pubblico, perché è quest’ultimo che avrà il compito di salvare i due attori dalla morte ...di salvare il teatro. Tragicommedia dell'arte Soggetto originale Marco Zoppello elaborazione dello scenario Carlo Boso e Marco Zoppello interpretazione e regia Marco Zoppello e Michele Mori produzione STIVALACCIO TEATRO
  • Riprendendo il format che ha spopolato durante la passata edizione di FUORI!, Marco Brinzi e Caterina Simonelli tornano a percorrere le strade dell’Alto Adige a bordo del loro risciò, questa volta nei panni di Vladimiro ed Estragone, due classici personaggi teatrali assurdi e poetici, protagonisti di Aspettando Godot del premio Nobel Samuel Beckett. Nella cultura popolare Aspettando Godot è divenuto sinonimo di una situazione (spesso esistenziale) in cui si aspetta un avvenimento che dà l’apparenza di essere imminente, ma che nella realtà non accade. A due anni ormai dalla comparsa del Coronavirus i nostri protagonisti sembrano, forse, attendere la fine della pandemia che tarda ad arrivare. Aspettano… e nel frattempo, vivendo in questa situazione di incertezza, hanno dimenticato chi sono e perché sono lì di fronte ad altre persone. Ecco che Estragone e Vladimiro provano a mettere in scena - con l’aiuto del pubblico - alcuni dei passaggi più significativi della letteratura teatrale per capire di quale autore possano essere figli e soprattutto il motivo per cui da un libro siano fuoriusciti finendo nelle piazze. Sono nati grazie a Shakespeare? Improbabili Romeo e Giulietta vestiti da barboni? Rosencratz e Guildersten dell’Amleto in visita al principe di Danimarca? Forse sono Don Chisciotte o Sancho Panza assieme all’amata Dulcinea avvistata e chiamata dal pubblico, oppure Don Giovanni e Sganarello del famoso Moliére? Queste e tante altre coppie celebri della letteratura vengono portate in scena nei loro dialoghi più famosi per capire chi mai potrebbero essere questi due personaggi e soprattutto cosa stiano aspettano. Il pubblico è chiamato ad aiutare i due personaggi grazie ai testi e ai libri presenti a bordo del risciò e prendendo parte agli sketch improvvisati come protagonista. Aspettando Risciò è un invito esplicito a giocare assieme (attori e pubblico) grazie alla letteratura e al teatro. Di e con Marco Brinzi e Caterina Simonelli produzione TEATRO STABILE DI BOLZANO e COMPAGNIA IFPRANA
  • L'evento si tiene dal 31 Mag 2022 al 02 Giu 2022
    dance performance by Veronika Riz PRODUZIONE: TEMA COPRODUZIONE:KulturKontakt Eppan Festival Wege durch das Land REGIA e COREOGRAFIA: Veronika Riz MUSICA performed by: Nastya Vogan (DJ/electronics), Jozef Dumoulin (keyboards), Eric Thielemans (percussion/electronics) DANZA di e con: Adaya Berkovich, Lena Kilchitskaya, Gabriel Lawton, Marcin Motyl DRAMMATURGIA: Marco Gnaccolini, Maya Weinberg SPAZIO e LUCI: Alberto Scodro COSTUMI: Dagmar Gruber ASSISTENZA ALLA REGIA: Hwan Hee Hwang VIDEO: Nuno Escudeiro, Pierluca Ditano DIREZIONE TECNICA: Erwin Canderle ORGANIZZAZIONE: Anna Lageder, Carmen Cian ende neu è un piccolo appartamento, quattro coinquilini, una giornata del nostro quotidiano da passare rinchiusi dentro quattro mura con l’unica via d’uscita rappresentata dai nostri devices come cellulari, tablet, laptop. ende neu è una performance creata per affrontare la sfida del sempre più persistente uso della tecnologia nelle nostre vite: cosa ci spinge a lasciare la realtà e andare nel mondo virtuale? Perché affondiamo sempre più dentro i nostri devices per immergerci in un altro universo? Cosa troviamo nel mondo immateriale che invece manca nel nostro circostante materiale? ende neu è dove il mondo virtuale non sostituisce il mondo reale, ma ne diventa una nuova dimensione vitale, e si materializza forse uno dei nostri nuovi bisogni primari della nostra società contemporanea: rendere tangibile il virtuale, rendere reale l’irrealtà.